Anno 7°

martedì, 19 febbraio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Bullismo al Carrara, parla il prof: "Perché non ho avvisato il preside? Sapevo che tipo era il ragazzo e non ci ho fatto molto caso"

mercoledì, 18 aprile 2018, 12:24

di aldo grandi

Non vuole pubblicità, nel senso che preferisce non avere nome e cognome sul giornale il professore di italiano e storia sfortunato protagonista, suo malgrado, dell'episodio di bullismo da parte di alcuni studenti della sua classe. Accetta, però, senza problemi, di rispondere alle domande che sono, poi, quelle che si sono posti un po' tutti dopo che i video, ben quattro, degli episodi, sono comparsi sui social. E le risposte dell'insegnante appaiono, addirittura, sorprendenti visto che tendono a sminuire la portata dell'accaduto.

Professore che cosa ha provato quando ha scoperto che i video con gli episodi dei suoi studenti erano finiti sui social e in pasto al pubblico?

Guardi, si è trattato di un episodio sicuramente spiacevole, ma limitato pur nella sua gravità, ma ne avete fatto una cosa troppo grande e straordinaria al punto che non capiamo tutto questo vostro interesse per un fatto che non può essere generalizzato. Non mi sembra il caso di aumentare la portata di quanto avvenuto.

Perché professore non ha avvisato il preside?

Questa è stata una mia mancanza. Sapevo che tipo era il ragazzo e non ci ho fatto molto caso.

Lei si augura una sospensione?

Ora si deciderà in consiglio di classe. Io non dico nulla.

Ma perché secondo lei sono state riprese le scene di questa vergogna nei suoi confronti?

Io credo che si siano messi d'accordo in precedenza, il responsabile e quello che ha ripreso il video, probabilmente perché volevano metterlo sul telefono e poi farlo girare e parlarne.

Le ha chiesto scusa lo studente?

Sì.

Lei professore che materie insegna?

Italiano e storia.


Questo articolo è stato letto volte.


gelateria pacini


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


q3


il casone


bonito400


Orti di Elisa


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 18 febbraio 2019, 20:52

Arresti domiciliari per i genitori di Matteo Renzi accusati di bancarotta fraudolenta

Arresti domiciliari per i genitori di Matteo Renzi. Nei confronti dei due le accuse dei magistrati parlano di bancarotta fraudolenta e fatturazioni fasulle


lunedì, 18 febbraio 2019, 15:43

Rifiuti abbandonati a San Vito, lo sfogo di alcuni residenti di via Giorgini

“L’operatore ecologico pulisce e il giorno dopo è di nuovo pieno di sacchi”. Questo lo sfogo di alcuni abitanti di via G. B. Giorgini a San Vito che lamentano di rifiuti domestici abbandonati intorno ad un piccolo cestino, in uno dei giardini pubblici della via, e nel viottolo che dalla...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 18 febbraio 2019, 14:43

Meningite da meningococco B: donna di 32 anni ricoverata al San Luca

Nell'ambito territoriale di Lucca si è registrato un caso di meningite da meningococco B in una giovane donna di 32 anni, residente a Lucca. La paziente è ricoverata all'ospedale “San Luca” in prognosi riservata: le sue condizioni vengono definite stazionarie dai sanitari


lunedì, 18 febbraio 2019, 12:43

Istituto Pertini in lutto per la morte di Matteo Ferlenda

L'istituto professionale Pertini si stringe intorno alla famiglia di Matteo Ferlenda, lo studente 15enne deceduto in un incidente stradale, avvenuto intorno alla mezzanotte di sabato 16 febbraio e domenica 17 lungo la via del Casalino a Lammari (Capannori), mentre viaggiava su uno scooter


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 18 febbraio 2019, 10:00

Trovato con i petardi nello zaino, indagato giovane studente

Il ragazzo, un giovane lucchese di 16 anni, nel corso di un ordinario servizio di prevenzione svolto dai carabinieri in prossimità degli istituti scolastici, era stato sorpreso in possesso di un piccolo quantitativo di petardi che lo stesso aveva consegnato ai militari asserendo di averli casualmente rinvenuti nel proprio zaino


lunedì, 18 febbraio 2019, 09:34

Arrestato per spaccio giardiniere marocchino

Un cittadino marocchino di 35 anni, residente a Lucca, di professione giardiniere, sposato con una cittadina italiana e in possesso di regolare documento di soggiorno, è stato arrestato perché, durante un controllo, ha cercato di disfarsi di un involucro che aveva occultato su di sé, poi recuperato dai carabinieri e...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px