Anno 5°

sabato, 23 giugno 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Leone XII, dubbi e perplessità dei genitori: "Vogliamo chiarimenti e trasparenza!"

giovedì, 14 giugno 2018, 06:23

di gabriele muratori

Sono trascorsi pochi giorni dall'improvvisa notizia dell'imminente sgombero del complesso scolastico di Via San Nicolao, causa lavori di ristrutturazione, che bambini, alunni, insegnanti e famiglie hanno ricevuto come un fulmine a ciel sereno. Oggi, dopo la concitazione iniziale, iniziano a farsi sentire le prime riflessioni, soprattutto da parte dei genitori delle due scuole materne, che, a mente fresca, si domandano come sia possibile una situazione gestita in tale maniera.

"Abbiamo ricevuto la notizia di questo sgombero così all'improvviso, tanto da non avere nemmeno il tempo di poter capirne le motivazioni e soprattutto senza sapere cosa c'è dietro a questo enorme intervento edilizio cui nessuno di noi sapeva nulla" - si chiedono alcuni genitori. "In questo poco tempo ci siamo subito preoccupati di capire quale sarebbe stato il futuro della Leone XII°, e soprattutto dei nostri bambini".

Dubbi e insoddisfazione sono echeggiati negli animi di mamme e papà dopo aver sentito dire delle nuove sedi provvisorie di Arancio e Sant'Anna, prontamente però schiacciate dalla gioia della notizia di una nuova sede, sempre unificata, trovata in extremis dal signor Francesco De Luca, titolare del plesso dell'infanzia, grazie ad un anonimo proprietario che dopo aver preso a cuore la situazione si è reso pienamente disponibile ad accontentare decine e decine di famiglie.

"Oggi saremmo dovuti traslocare quindi" – continuano alcuni genitori – "ma un messaggio nella chat delle mamme, ha comunicato che per ora, nido e materna, restano dove sono". Ragion per cui, anche per la giornata di oggi, tutto pare che resti come qualche giorno prima, eccetto qualche scatolone in più lungo i corridoi. Incertezza su quanto deve o dovrebbe accadere quindi? I genitori e gli insegnanti, a oggi si pongono una serie di interrogativi, primo tra tutti, relativo a una perizia che pare ad oggi non sia ancora in mano all'amministrazione comunale.

"La perizia relativa alla valutazione statica e strutturale di tutto l'intero edificio, ex convento, di Via San Nicolao, e inerente alla complessa mole di lavori di consolidamento generale che dureranno tre anni, sta arrivando".

Questo, secondo quanto saputo dai diretti interessati genitori e insegnanti, è quanto ad oggi si apprende da parte dell'amministrazione comunale. "Un po' poco come risposta ai nostri perché sullo sgombero".

Questa la perplessità di un padre che nel pomeriggio di oggi è andato al "Leone XII°" a prendere il proprio bambino. "E' mai possibile che si possa interrompere improvvisamente un anno scolastico così dal nulla, sulla base di una relazione che a oggi viene solo vociferata? Con i bambini non si scherza. Non sono pacchi postali che possono essere spostati da un posto all'altro senza pensare a eventuali disagi. E non stiamo poi a parlare dei ragazzi delle superiori, i quali stanno già fantasticando preoccupati sui container al Campo di Marte." I dubbi generali delle famiglie sono praticamente quasi unitari.

"C'è stata poca trasparenza. Avevamo diritto almeno ad una riunione generale anche in presenza proprio di questo staff di tecnici, oltre che dei nostri politici comunali, in maniera da essere informati sui fatti, e possibilmente con un congruo anticipo. Oggi, questa situazione lascia facilmente pensare a questioni poco chiare".

In merito all'eventuale ordinanza di sgombero o quello che sia, qualcuno dei genitori si è direttamente informato presso le segreterie del plesso scolastico per accertarsi dell'ufficialità, ma il risultato è stato che nemmeno il personale scolastico ha ricevuto alcun documento ufficiale, ragion per cui, oggi come ieri, le lezioni per i bambini, continuano regolarmente presso il "Leone XII°". Molti poi si chiedono che tipo di lavori debbano essere svolti per tenere in atto un cantiere per un tempo stimato di tre anni, immaginando che poi durerà sicuramente di più e del costo di 10 milioni di euro.  

Cioè, in poche parole, la scuola ha bisogno di essere smantellata completamente e quindi ora come ora è pericolante? "Si perché, se il pericolo fosse imminente, la scuola dovrebbe chiusa a chiunque, senza se e senza ma, quindi, capire, per tutti noi, sarebbe certamente più facile" - continuano dal capannello di padri di fronte all'ingresso di Via San Nicolao – "Ma sfrattare gli alunni, sulla base di una perizia che è sempre nelle mani degli ingegneri dell'università di Firenze, che non è stata ancora resa pubblica e della quale pure noi vorremo vedere ed esserne informati, e tutto poi avente come oggetto una struttura scolastica che ha subito ingenti lavori di manutenzione pochi anni fa (sul tetto ci sono addirittura le linee di vita oggi obbligatorie per legge, ndr), ci lascia molto da pensare".

Molti poi si chiedono quando avranno inizio questi lavori. "Sarà così immediato l'inizio di queste opere? Sicuramente non si tratterà di una perizia di qualche paginetta, e si potrà rendere necessaria una certa istruttoria che potrà durare delle settimane. Quindi perché tanta fretta? C'era tutto il tempo per fare le cose con calma".

Il titolare dell'infanzia, il signor De Luca, oggi una divinità per le mamme, è riuscito a tempo di record a trovare una sistemazione probabilmente definitiva dal prossimo anno in poi, ma per l'anno in corso, al quale manca ancora un mese alla fine, saranno veramente idonee le due strutture sostitutive?

Alcuni si domandano se quella più vecchia, la "Lombardo Radice" dell'Arancio sia poi effettivamente messa meglio dal punto di vista strutturale e normativo: "Anche sulla nuova sede sostitutiva, ci saranno sicuramente molti punti da chiarire. Insomma, vogliamo fare luce sulla situazione. Attendiamo di avere le giuste e doverose informazioni dal comune, ed in tempi molto brevi".

 


Questo articolo è stato letto volte.


lattanzi classico


maxibazar



il casone


bonito400


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 22 giugno 2018, 16:00

Lucca Summer Festival: nuova ordinanza su divieti legati alla vendita di bevande alcoliche e ai contenitori di vetro e metallo

Dopo contatti intercorsi con la questura il comune apporta alcune modifiche, in particolare per le zone interessate ai divieti di vendita di bevande alcoliche


venerdì, 22 giugno 2018, 14:47

A Vinchiana e a San Lorenzo a Vaccoli rimessi a nuovo i muri di recinzione di una scuola e di un cimitero

Dopo i lavori fatti a Ponte a Moriano, questa settimana le due squadre del progetto Ventaglio-Dillo all'assessore/a sono intervenute a Vinchiana e a San Lorenzo a Vaccoli


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 22 giugno 2018, 14:40

Quattro angioplastiche coronariche primarie in quattro ore in Cardiologia

Pomeriggio di super lavoro quello di giovedì 21 giugno per i cardiologi dell'ospedale di Lucca, guidati da Francesco Bovenzi, che è anche coordinatore per l'Azienda USL Toscana nord ovest della rete per l'emergenza cardiologica tempo dipendente dell'infarto miocardico acuto


venerdì, 22 giugno 2018, 14:21

Campagna antincendi boschivi estate 2018: riunito in prefettura il comitato ordine e sicurezza pubblica

Si è riunito il 21 giugno in prefettura il comitato provinciale dell’ordine e della sicurezza pubblica, come ogni anno, per un punto di situazione nell’imminenza della campagna antincendi boschivi 2018, la cui durata è stata fissata dalla Regione Toscana dal primo luglio al 31 agosto


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 22 giugno 2018, 13:23

LHS, Bilancioni risponde ai dipendenti: "L'azienda non può cedere a richieste economiche avventate"

L'amministratore unico di Lucca Holding Servizi, Luca Bilancioni, risponde con una lettera ai dipendenti dell'azienda per fare chiarezza sulla vicenda


venerdì, 22 giugno 2018, 13:06

Nell'ex Cavallerizza Ducale a Lucca una nuova palestra per gli istituti del centro storico

Un edificio abbandonato in pieno centro storico accanto all'Ostello di Lucca e al complesso del Real Collegio da trasformare in una moderna palestra all'interno delle Mura urbane a disposizione delle scuole superiori del centro della città e, negli orari extrascolastici, a favore delle società sportive e di tutti i cittadini


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px