Anno 7°

giovedì, 20 settembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Amarcord made in Lucca: parlano i lucchesi nel mondo

giovedì, 13 settembre 2018, 23:15

di annalisa ercolini

Uno dei momenti più importanti del Settembre Lucchese è la Luminara del 13, una processione che da piazza San Frediano arriva fino a Piazza San Martino. Il lungo corteo è aperto dallo Stendardo del Volto Santo seguito da associazioni, confraternite, misericordie, parrocchie, religiosi, ordini equestri. Fra queste associazioni c’è quella denominata Lucchesi nel Mondo, che quest’anno festeggia 50 anni.

Di questa compagnia fanno parte grandi persone da celebrare che sono emigrati per lavoro oppure per amore ma tutte con un comune denominatore: sacrificio e orgoglio.
La Gazzetta di Lucca ha raccolto e sintetizzato le esperienze di varie generazioni. Con passione, commozione e simpatia si sono raccontati al nostro giornale.

Fernando Pagani: da Sillano all’Australia con amore.
Alberto Spadoni: il professore costruttore di legami dall’Argentina a Ponte a Moriano.
Sergio Scocci: la simpatia di Crasciana, (Bagni di Lucca) al Belgio (Bruxelles).
Angelo Ciardella: lo chef che da Lammari ha portato la cucina italiana fino in America.
Rosanna, Chiara, Viola Carducci: da Cardoso all’Irlanda con furore.
Patrick Moreaud: un valzer di paesi Tunisia, Francia e Italia.

E poi qualche italiano emigrato più vicino come a Roma.

Pagani: “Mi sono trasferito in Australia 30 anni fa per amore e poi là ho deciso di rimanere. Faccio il rappresentate di una società di Bagni di Lucca, prima ho fatto il manager di una compagnia chimica. Ho due figli, entrambi hanno tenuto la tradizione della lingua italiana e una nipote di 20 mesi. Tutti gli anni torno in Italia per un mese dalla mia famiglia a Sillano. Sono Presidente dei Toscani nel Mondo e membro dell’associazione Lucchesi nel Mondo. Nella lontananza ci sono pro e contro, difficoltà per raggiungere l’Australia ad esempio 50 anni fa il viaggio durava 30 giorni di nave e poi in aereo sono almeno 30 ore. Nel passato i lucchesi in Australia si erano creati la loro comunità senza integrarsi e questo ha portato un po' di difficoltà. Gli Australiani dal canto loro sono molto attenti alla sicurezza e sono organizzati con i visti. All’aeroporto controllano tutto anche le scarpe.”

Spadoni: “Sono nato a Buenos Aires, la città più italiana fuori d’Italia. Sono un architetto e insegno in due università e lavoro sul territorio, sul sociale. Io mi sento italianissimo anche se vivo in un altro paese. Mio padre lavorava qui in Toscana come contadino, là come muratore ed è riuscito ad avere due figli laureati. In Argentina molti anni fa c’era la possibilità di un’ascesa sociale. L’Italia aveva questa lunga tradizione solidale invece ora c’è un atteggiamento un po' strano con gli emigranti.”

Scocci: “Mio padre ha fatto il giro del mondo il primo lavoro lo ha svolto in Olanda come gelataio e l’ultima tappa è stato il Belgio. Tutta la mia vita si è svolta in Belgio a Bruxelles. Fino a qualche anno fa sono stato funzionario della Comunità Europea ora sono in pensione. In Italia ho solo una cugina. Torno regolarmente qui a Lucca mentre in Belgio sono presidente dei Lucchesi nel Mondo. Poi per molti anni mi sono occupato dei Toscani nel Mondo. Quando atterro qui in Italia ci sono molte situazioni che noi italiani che viviamo in altri paesi non riusciamo a comprendere. Vorrei dire ai giovani di non abbandonare mai la propria idea e convinzione e di non considerare mai l’Italia l’ombelico del mondo.”

Ciardella: “Sono partito nel 1958 da Lammari per cercare fortuna in America e oggi abito in Carolina del Nord. Ho fatto lo chef, ho aperto un ristorante con oltre 720 coperti. Tengo corsi di cucina e programmi televisivi di successo. Qui sono con mio figlio Angelo Jr. 54 anni. Ci vorrebbe una settimana per parlare di alcune cose negative in Italia. Con questo mi fermo qui, perché non voglio parlare di politica.”

Rossana, Chiara Carducci: “La nostra mamma Viola proviene dalla Garfagnana, Cardoso ma è nata in Irlanda mentre il nostro babbo è Irlandese. Abbiamo 23 e 30 anni. I nostri genitori sono insegnanti e così ogni estate veniamo in Italia. Abbiamo amici qui che rivediamo quasi ogni anno. Pensiamo che i giovani dovrebbero viaggiare non solo per studio ma anche per lavorare. In Irlanda all’interno delle università esistono delle borse di studio che ti permettono di andare a lavorare in un paese straniero.”
Viola Carducci: “Ricordo quando ero piccola e andavo a scuola durante l’appello dicevano il mio nome. Mentre alzavo la mano mi sgridavano perché non mi identificavano come italiana essendo bionda, occhi azzurri e chiara di carnagione. Da una parte è stato un bene perché mi sono integrata ma un dolore perché io mi sento in parte italiana.”

Moreaud: “La mia storia è una vicenda incredibile, sono nato in Tunisia da mamma italiana. Un mio antenato, Barsotti era stato rapito a Lucca e portato in Tunisia come schiavo. Più tardi creerà la sua famiglia. Mio padre era un diplomatico francese e a una cena in Tunisia ha conosciuto mia mamma, una Barsotti. Dalla ricchezza della Tunisia finisco in Francia con la valigia di cartone e il vestito della domenica, povero in canna, non conoscendo bene le mie origini italiane. Lavoro prima in un ristorante poi frequento architettura e apro uno studio con mia moglie. 10 anni fa rimettendo a posto delle carte ho trovato un documento della mia nonna Clotilde Barsotti, di Lucca. Avevo identificato le mie origini italiane. Il primo giorno a Lucca ho sentito gli odori della cucina, gli stessi profumi dei piatti cucinati da mia nonna. Ho conosciuto l’Associazione Lucchesi nel Mondo proprio qui.”


Questo articolo è stato letto volte.


lattanzi classico


maxibazar


scopri la Q3


sapgrande


il casone


bonito400


Orti di Elisa


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 19 settembre 2018, 19:12

Contenzioso tra i festival, Colombini sconfitto, ma non arreso: "Impugno la sentenza"

"Male non fare, paura non avere". Con questo spirito l'imprenditore Andrea Colombini si appresta a fare appello contro la decisione del tribunale civile di Lucca che ha rigettato in primo grado la richiesta di risarcimento di 3 milioni e mezzo di euro


mercoledì, 19 settembre 2018, 15:09

Cimitero di Picciorana, Sistema ambiente ha rimosso i rifiuti abbandonati

E' stata ripulita, da Sistema ambiente, l'area del cimitero di Picciorana: dove alcuni cittadini avevano segnalato la presenza di piccole discariche, con rifiuti gettati da alcuni incivili. Lo annuncia Daniele Bianucci, consigliere comunale e presidente della commissione lavori pubblici ed ambiente


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 19 settembre 2018, 12:56

Polizia stradale, parte la campagna europea congiunta “Edward”

Prende il via anche quest’anno la campagna di sicurezza stradale denominata “Edward”, (A European Day Without a Road Death), promossa dal Network delle Polizie Stradali “TISPOL”, del quale la polizia di stato è presidente dall’ottobre 2016


mercoledì, 19 settembre 2018, 12:48

La prevenzione è protagonista al parco commerciale San Vito

Prevenire è meglio che curare. Partendo da questa idea e dato il grande successo dello scorso anno, il parco commerciale San Vito ha organizzato la seconda edizione della “Giornata della Prevenzione”. L'evento si terrà il 22 settembre dalle 10 alle 19


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 19 settembre 2018, 00:18

Rissa a San Vito, quattro in ospedale

Un'accesa discussione è degenerata in una tremenda rissa questa sera poco prima delle 21 in Via delle Pierone a San Vito nella zona delle case popolari


martedì, 18 settembre 2018, 18:49

“Scuole sicure”, focus in prefettura

Oggetto di approfondimento congiunto, l’attività di prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi delle scuole e, più in generale, i fenomeni di devianza che possono riguardare la comunità scolastica quali, oltre al consumo di droghe, bullismo e cyberbullismo


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px