Anno 7°

mercoledì, 12 dicembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Spaccio di droga, tre nei guai. Perquisito centro accoglienza delle Tagliate

giovedì, 6 dicembre 2018, 14:48

di eliseo biancalana

La polizia ha eseguito oggi tre arresti per spaccio di marijuana, dando esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari Antonia Aracri, a seguito di indagini del sostituto procuratore Lucia Rugani della procura di Lucca. A finire nei guai sono stati tre nigeriani, due dei quali richiedenti asilo che sono stati ospiti del centro di accoglienza in via delle Tagliate, che stamani è stato oggetto di una perquisizione. Dell'indagine si è occupata la sezione stupefacenti della squadra mobile.

I lavoro degli investigatori è stato presentato in conferenza stampa dal questore di Lucca Vito Montaruli, dal nuovo portavoce della polizia lucchese Fabio Scalisi e dalla dirigente della squadra mobile Silvia Cascino, che ha diretto le indagini su quello che è stato definito un "vasto spaccio di stupefacenti", avvenuto nei pressi del centro di accoglienza da gennaio a luglio di quest'anno. A essere venduta era della marijuana ma anche del tramadolo, ovvero la "droga dell'ISIS", cosiddetta perché sarebbe usata dai combattenti della feroce organizzazione terroristica. Secondo quando ricostruito dalla polizia, la droga veniva nascosta dentro le tende del centro, tra i guanciali e i materassi. Lo spaccio avveniva in piazzale don Baroni quando i clienti erano italiani, mentre se l'acquirente era extracomunitario e di colore veniva invitato a entrare nella struttura e fornito di un badge, potendosi così fingere un richiedente asilo. La polizia ha sottolineato che tutto questo avveniva all'insaputa del personale della Croce Rossa che gestisce il centro di accoglienza. A rendere particolarmente attraente la mercanzia sarebbe stato il prezzo estremamente economico: solo 5 euro al grammo di marijuana.

A capo del giro di spaccio ci sarebbe un nigeriano in un primo tempo ospite della struttura e in seguito trasferito a Montecatini. L'uomo fu arrestato il primo giugno alla stazione ferroviaria di Lucca con 982 grammi di marijuana dentro lo zaino, dopo essere tornato da Modena. Finito ai domiciliari, risulta al momento irreperibile, ma secondo gli investigatori sarebbe in Germania. Sono invece finiti nella rete della polizia i due presunti sodali, ex ospiti del centro di accoglienza: Raymona Osagiede (22 anni), richiedente asilo ospite in una struttura a Ghivizzano, ora sottoposto a custodia cautelare in carcere; Daniel Obamwonyi (28 anni), attualmente ai domiciliari presso una struttura a Camporgiano. Ai domiciliari a Macerata è invece finito un terzo nigeriano residente a Modena, Seedorf Osadolor Osarobo (33 anni) accusato di fornire la droga agli spacciatori.

Stamani, verso le 10, le forze dell'ordine hanno perquisito il centro di accoglienza delle Tagliate. Sono stati impiegati gli agenti della squadra mobile e delle volanti di Lucca, del reparto prevenzione crimini della Toscana, del reparto mobile di Firenze e un'unità cinofila di Prato. La polizia ha riferito che la perquisizione ha dato un esito "negativo", non essendovi rinvenuto alcun stupefacente. Sono stati invece individuati sette richiedenti asilo non autorizzati a stare dentro la struttura.

"Siamo tranquilli" ha commentato la vicenda Claudio Dell'Amico, responsabile comunicazione della Croce Rossa di Lucca. L'associazione di volontariato ha saputo solo stamani dell'indagine e i volontari sono stati ovviamente sorpresi dall'arrivo delle forze dell'ordine. Riguardo alla presenza dei sette "estranei" nella struttura, Dell'Amico ha spiegato che si tratta di ex ospiti del centro di accoglienza conosciuti dai volontari dell'associazione.

 

 

 

Video Spaccio di droga, tre nei guai. Perquisito centro accoglienza delle Tagliate


Questo articolo è stato letto volte.


gelateria pacini


maxibazar


scopri la Q3


sapgrande


il casone


bonito400


Orti di Elisa


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 11 dicembre 2018, 15:03

Derubano una donna e tentano un prelievo con la sua carta di credito: incastrati due coniugi

Due coniugi con più precedenti sono stati denunciati dai carabinieri di Castiglione perché ritenuti responsabili dei reati di concorso in furto aggravato e indebito utilizzo di carte di credito e pagamento. Si tratta di L.C. 44enne, originario di Cremona ma residente a Lucca, e B. M., 41enne di Lucca


lunedì, 10 dicembre 2018, 17:54

Sono circa 8 mila gli abitanti del centro storico. Aumentano i residenti stranieri

Una città sempre più apprezzata dai cittadini stranieri, che scelgono il centro storico di Lucca come luogo dove risiedere per una nuova vita italiana. Lo dicono i dati dell'anagrafe, che evidenziano come negli ultimi anni le persone straniere residenti in centro siano arrivate a 1048


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 10 dicembre 2018, 15:24

Sciopero dei gestori di Petrolifera Adriatica (marchio Esso) e di Italiana Petroli (marchi Api-Ip e TotalErg)

Scattano dalle 19 di martedì 11 dicembre tre giorni di sciopero dei gestori di Petrolifera Adriatica (marchio Esso) e di Italiana Petroli (marchi Api-Ip e TotalErg). La decisione da parte del sindacato Faib Confesercenti


lunedì, 10 dicembre 2018, 14:02

Saranno rimossi 10 cipressi in via Piana

L'amministrazione pianterà nuove alberature in numero almeno pari a quelle che verranno tolte. Le piante, secche e in alcuni casi ricoperte da piante rampicanti, sono pericolose per chi percorre la via Piana e per coloro che utilizzano i terreni agricoli confinati con la strada. Domani e mercoledì l'intervento di rimozione


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 10 dicembre 2018, 13:54

Operazione antidroga nella piana pistoiese: scoperto maxi-giro di spaccio che comprendeva anche la lucchesia

Una vasta operazione dei carabinieri che ha visto impegnati circa cento effettivi su tutto il territorio nazionale è riuscita a stroncare un traffico di droga che aveva preso piede prevalentemente nell'area della piana pistoiese ma che espandeva i propri commerci illegali anche tra Lucca, Pistoia, Prato e Carmignano


lunedì, 10 dicembre 2018, 13:27

Femia (Siap): "Questura di Lucca, struttura non idonea"

Il segretario provinciale del S.I.A.P., Roberto Femia, torna a sollecitare gli organi preposti per rendere la Questura di Lucca idonea agli scopi istituzionali


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px