Anno 7°

venerdì, 26 aprile 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Il vescovo Italo parla al suo presbiterio al compimento del suo ministero episcopale a Lucca

mercoledì, 17 aprile 2019, 15:57

Si svolge oggi, il giorno di Mercoledì Santo, nella Cattedrale di San Martino, la messa crismale presieduta dal vescovo Italo. E’ stata questa l’occasione solenne per Monsignor Castellani di parlare al suo presbiterio prima di lasciare il mandato episcopale a Lucca. Alla messa crismale infatti, come di consueto, si raccoglie l’intero clero dell’Arcidiocesi di Lucca, per una messa in cui il vescovo, ogni anno, rinnova la Comunione con i presbiteri secolari e religiosi. Si tratta di una messa caratterizzata da una particolare dimensione sacramentale poiché fortemente legata al sacramento dell’ordine sacerdotale e alla consacrazione degli Oli dei sacramenti. Un momento fondamentale per la vita della Diocesi che oggi ha la possibilità di ascoltare l’omelia del vescovo Italo, il messaggio lasciato all’intera comunità prima di concludere la sua missione episcopale a Lucca.

Italo Castellani è stato il 144° Arcivescovo della nostra città e concluderà la sua missione nella Diocesi il 12 maggio, quando Monsignor Giulietti sarà ufficialmente Arcivescovo di Lucca.

VESCOVO “TRA LA GENTE” - E’ stato un vescovo “tra la gente”, vivendo il suo ministero ispirandosi allo stesso stile che aveva il Maestro. Si è fatto accanto alle persone malate vistandole con assiduità anche all’interno degli ospedali e delle case di cura, soffermandosi sempre a conoscere nel profondo le situazioni più delicate.

Ha messo tra le sue priorità i giovani e la loro formazione: gli studenti e gli insegnanti hanno imparato a conoscere la sua figura negli incontri fatti nelle scuole o per strada quando intercettava una scolaresca.

Ha manifestato grande attenzione alla crescente povertà e si è fatto vicino a coloro che hanno difficoltà economiche attraverso la Caritas diocesana, le varie Caritas parrocchiali e le associazioni, attivando progetti e iniziative e rendendosi disponibile all’ascolto e al dialogo.

Si è fatto “tra la gente” anche in momenti conviviali come le sagre paesane in grandi e piccoli Comuni ed è stato il primo vescovo di Lucca a partecipare alla sfilata di Carnevale di Viareggio.

Ha voluto anche entrare nelle case di tutti i cittadini attraverso la trasmissione “Parla il vescovo”, in onda ogni sabato sera su Noi Tv: attraverso una conversazione di pochi minuti ha voluto così offrire a quante più persone poteva raggiungere uno sguardo sereno sui più svariati aspetti della vita.

Con i giornalisti ha intrattenuto un rapporto schietto e sincero e ha iniziato a celebrare con loro, invitandoli nella sede della Curia, il giorno dedicato a San Francesco Da Sales, patrono proprio dei giornalisti.

Durante il suo ministero poi è stata organizzata, diventando poi un appuntamento fisso, la rassegna “Incontri in San Martino” per approfondire ogni anno diversi aspetti che riguardano la vita di tutti.

Ha voluto poi dedicare attenzione agli animali iniziando ad officiare la benedizione a loro dedicata nella ricorrenza di S.Antonio Abate.

LINEE PASTORALI - Già dal primo documento del suo episcopato per gli anni 2005-2006 si intravedono le linee guida che si sono rivelate poi una costante: il suo incessante richiamo a farsi testimoni del Vangelo nella società. L’incontro è stato nel tempo un altro punto centrale, sia con la Parola di Dio che con tutti i componenti della comunità. Anche la famiglia è stata al centro soprattutto nell’attenzione al rapporto tra le generazioni. Inoltre, la centralità dell’Eucarestia come culmine e fonte della vita cristiana e punto di orientamento vitale per tutta la comunità, è stato uno dei punti centrali del magistero di Italo.

STRAGE VIAREGGIO – La strage di Viareggio nel 2009 è stato un momento tragico per la comunità. Da subito il vescovo Castellani si recò sul luogo del disastro e da quel giorno si attivò perché si potesse offrire un conforto ai superstiti, consolazione alle famiglie delle vittime e si cercasse in ogni modo che la giustizia potesse identificare le responsabilità.

NOTE BIOGRAFICHE – Italo Castellani nasce a Cortona il 1° luglio 1943 e matura la decisione di entrare in Seminario a 18 anni. Fu ordinato presbitero nel 1969 e dopo il curriculum seminariale ha completato gli studi conseguendo la licenza in Teologia alla Pontificia Università Lateranense e la laurea in Scienza Sociali all’Università di Trento. Nel 1973 fu nominato parroco di Fraticciola, una piccola parrocchia della Valdichiana mentre ad aprile del 1997 viene eletto vescovo di Faenza-Modigilana e consacrato a giugno dello stesso anno. Il 31 maggio 2003 il Santo Padre lo nomina arcivescovo di Monsignor Bruno Tommasi; diventa arcivescovo titolare il 22 gennaio 2005.

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


auditerigi


il casone


bonito400


Orti di Elisa


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 26 aprile 2019, 12:02

25 Aprile: Palazzo Ducale "preso d'assalto" per le visite guidate gratuite

Palazzo Ducale preso letteralmente d'assalto nel pomeriggio di ieri – 25 aprile – in occasione delle visite guidate gratuite - organizzate dalla provincia e dalla prefettura di Lucca in collaborazione con il comune di Lucca - che da qualche anno caratterizzano la seconda parte degli appuntamenti della Festa della Liberazione


venerdì, 26 aprile 2019, 11:46

Taglio del nastro per "Lucca Bimbi"

Al via domani mattina alle 10 (sabato 27 aprile) "Lucca Bimbi", la più grande manifestazione in centro città dedicata ai bambini (da 0 a 12 anni) e alle famiglie, che si terrà questo weekend (sabato 27 e domenica 28 aprile), dalle 10 alle 20, nella prestigiosa cornice del Real Collegio...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 26 aprile 2019, 10:54

Segretariato sociale, imminente trasferimento a Campo di Marte

Si completerà a breve il trasferimento del segretariato sociale e dell'area diritti e cittadinanza del servizio sociale del comune di Lucca a Campo di Marte. Lo ha annunciato in commissione sociale l'assistente sociale Lucia Altamura. Nel 2O18 ci sono stati 5OO accessi al segretariato (di cui 5O residenti in centro...


venerdì, 26 aprile 2019, 10:39

Castellani: "Un'accoglienza festosa per il nuovo arcivescovo Paolo"

L'amministratore apostolico, arcivescovo Italo Castellani, interviene in vista dell'inizio del nuovo ministero in diocesi, domenica 12 maggio, da parte dell'arcivescovo Paolo Giulietti


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 26 aprile 2019, 00:07

Via Fillungo? No, via Dante Di Nanni. Così gli antifascisti cambiano l'odonomastica cittadina

Questa mattina, nel corso di una manifestazione antifascista per le vie del centro, alcuni adesivi sono stati affissi il più in alto possibile e perfino una strada, via Fillungo, è stata sostituita con il nome di un partigiano


giovedì, 25 aprile 2019, 13:13

Nel Cortile degli Svizzeri la celebrazione del 25 aprile

Il 74° Anniversario della Liberazione, organizzato, come di consueto, dalla prefettura, dalla provincia e dal comune di Lucca, in collaborazione con le Associazioni della Resistenza, combattentistiche, patriottiche e d’arma, ha avuto inizio alle 9,30 con il tradizionale omaggio al Monumento ai Caduti in piazza XX settembre


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px