Anno 7°

mercoledì, 18 settembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Snaitech, lavoratori Fiom aderiscono allo sciopero nazionale

martedì, 11 giugno 2019, 11:43

La RSU del comparto metalmeccanico e i lavoratori FIOM di Snaitech aderiscono allo sciopero generale dei metalmeccanici del 14 giugno.

 "I lavoratori Snaitech iscritti alla FIOM dello stabilimento di Porcari - è scritto in una nota -, nell'annunciare l'adesione allo sciopero generale di settore indetto congiuntamente da FIOM-FIM-UILM per l'intera giornata lavorativa di venerdì 14 giugno, vogliono esprimere la ragioni di questa scelta, nella certezza di come la piattaforma dell'iniziativa trovi puntuali corrispondenze nella situazione attuale della vita in azienda. L'inasprimento delle condizioni di lavoro è un dato palese, a livello sia nazionale sia locale".

"Per quanto concerne Snaitech - prosegue la nota -, il coatto passaggio contrattuale imposto alla gran parte dei lavoratori non ha prodotto un miglioramento delle condizioni salariali, tutt'altro, e la condanna dell'azienda in sede giudiziaria avvenuta nel novembre 2018 è stata un'ulteriore evidenza che le critiche e le perplessità avanzate da FIOM sull'intera vicenda erano tutt'altro che infondate. Le criticità a proposito delle condizioni di lavoro, inoltre, ci paiono riscontrabili a più livelli: 1) Si parla dell'introduzione di software che possano automaticamente monitorare l'attività informatica di ogni lavoratore e, in proposito, vorremmo che l'azienda dichiarasse apertamente come certi strumenti non andranno a ledere il diritto alla privacy di ogni singolo lavoratore e che, soprattutto, i dati raccolti non potranno essere utilizzati "contro" i dipendenti. 2) Nel registrare l'inaugurazione di un programma per l'apprendimento della lingua inglese, oltre a stigmatizzare l'impiego di carta per "pubblicizzare" un'iniziativa digitale (controsenso anche in chiave meramente ecologica), vorremmo che l'azienda fosse chiara su quando e come i lavoratori dovrebbero utilizzare il nuovo strumento, ricordando a tutti che la formazione obbligatoria (24 ore) è un diritto contrattuale, e dev'essere svolta all'interno dell'orario di lavoro. Siamo assolutamente d'accordo con il principio per cui la formazione debba essere un punto focale nella vita complessiva di un'impresa, ma ogni attività di questo tipo dev'essere ben chiara e non lasciar adito a dubbi. Speexx è un "obbligo" (e allora lo si dovrebbe svolgere nell'orario di lavoro) o un "benefit" come le convenzioni con esercizi privati? Nel secondo caso, ogni tipo di monitoraggio (come paventato dalle informazione ricevute) sembrerebbe, francamente, fuori luogo. Avere delle risposte in questo senso ci pare irrinunciabile. 3) Il peggioramento delle condizioni ci pare evidente anche nelle minime azioni legate al vivere in azienda: dalla serie di timbrature e passaggi di badge cui si è ogni volta costretti per entrare e uscire dallo stabile (siamo davvero sicuri che non ci sia un modo migliore per gestire questo aspetto? Una qualche automatizzazione potrebbe semplificare l'accesso e renderlo pure più rapido) alla sparizione di poltroncine e divanetti in prossimità dei distributori di bibite e vivande.Che idea di azienda (e dunque di mondo) si propone, con queste iniziative? Un luogo dove non si deve parlare tra colleghi, dove non si deve pensare ad altro che produrre?  E, secondo i vertici aziendali, dei lavoratori meno contenti produrranno di più e più volentieri? Ci pare davvero un controsenso, che rende peraltro ipocrita qualsiasi altro tentativo di far apparire Snaitech quale azienda moderna, smart e dinamica, cosa che, francamente, vorremmo davvero poter contribuire a creare". "Rimarcando, infine, la nostra comune intenzione, una volta che il contratto del settore industriale sarà in scadenza (dicembre 2019), di restare lavoratori del settore metalmeccanico, ricordiamo a tutti i colleghi che, su specifica richiesta, potrebbe essere loro diritto ritornare alla condizione contrattuale precedente e che la divisione dei lavoratori ha il solo effetto di rendere tutti più deboli, più fragili e indifesi, nonché di avvantaggiare soltanto coloro che, da divisioni e incomprensioni, possono trarre vantaggi personali" conclude la nota.
 

 


Questo articolo è stato letto volte.


chiesina


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


auditerigi


il casone


bonito400


Orti di Elisa


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 18 settembre 2019, 18:24

Sistema Ambiente, il Tar respinge la sospensione chiesta dalla Gorent e rinvia tutto al 9 ottobre

Sistema Ambiente chiarisce la situazione in merito al ricorso pendente davanti al Tar presentato dalla Gorent spa. Tutto rinviato al 9 ottobre


mercoledì, 18 settembre 2019, 15:19

Torna l'invasione, a Lampedusa sbarchi a raffica

In due settimane 570 persone sbarcate a Lampedusa. Paoloni (Sap): «Il personale è carente. Non ce la fa a gestire emergenza»


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 18 settembre 2019, 13:23

Via libera alla seconda parte dei lavori alle facciate del Liceo Passaglia

I lavori più invasivi e più rumorosi sulla facciata lato via Fillungo sono stati conclusi prima dell'inizio dell'anno scolastico, mentre ora dovrà essere rifatto l'intonaco e dovranno essere sostituiti gli infissi con delle finestre ad alto abbattimento acustico e ad alta efficienza energetica che consentiranno di abbattere la dispersione termica


mercoledì, 18 settembre 2019, 11:26

A Lucca il comitato regionale Aci, visita al Museo della Follia

Appuntamento a Lucca per il comitato regionale toscano di Aci e per le massime cariche di Aci Italia: Angelo Sticchi Damiani, presidente, Massimo Ruffilli, vicepresidente e presidente di Aci Firenze, e la dottoressa Alessandra Rosa, direttrice della direzione attività associative dell'Aci e direttore compartimentale di cui fa parte la Regione...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 17 settembre 2019, 13:13

Ricomincia la scuola, prosegue la battaglia "A scuola sicuri"

Tempo di tornare a scuola, tempo di scuolabus, tempo di "A scuola sicuri". Prosegue la campagna di Aci Lucca per superare il paradosso normativo che impone di allacciare le cinture di sicurezza, ma non ne prevede l'obbligo di installazione sugli scuolabus e sugli autobus


martedì, 17 settembre 2019, 12:54

Bufera su Sistema Ambiente: "Quella gara va annullata"

La Gorent spa di Firenze chiede al Tar l'annullamento, per irregolarità, della gara di appalto per la “fornitura a noleggio, con opzione di riscatto, ivi compresi servizi accessori, di mezzi allestiti per la raccolta differenziata di rifiuti”. Udienza il 9 ottobre


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px