Anno 7°

lunedì, 13 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Campagna Intersonda rimossa dal circuito degli spazi pubblicitari in cui era stata programmata

giovedì, 11 luglio 2019, 17:40

L’azienda ha preso questa decisione per il rispetto dovuto alle persone, uomini e donne, che si sono sentite offese dal messaggio stesso.

"Abbiamo valutato inopportuno continuare ad alimentare la polemica sul presunto sessismo dell’immagine in un clima sociale così teso - si legge nella nota di Intersonda - . Ciò nonostante osserviamo come la campagna sia stata oggetto di un attacco indiscriminato, che a nostro avviso ha assunto toni pretestuosi e ideologici. Non dissimili da una caccia alle streghe. La campagna è stata rilanciata su una pagina Facebook che riunisce persone evidentemente legate dal comune sentire e abbiamo preso atto delle critiche che sono state mosse all’immagine in oggetto. Ringraziando queste persone che vigilano su questioni assai delicate (la discriminazione femminile, la mercificazione del corpo femminile in pubblicità, gli stereotipi di genere di natura degradante, il sessismo di genere, etc.) producendo importanti conversazioni su Facebook, riteniamo nostro dovere far presente che, pur a fronte della legittimità delle critiche, non riconosciamo loro alcun tipo di autorità morale. Intersonda si dichiara inoltre contraria a qualsiasi forma discriminatoria di qualsivoglia natura, sia essa di: genere sessuale, orientamento sessuale, etnia, lingua, opinione politica o confessione religiosa. Consapevoli del fatto che la nostra campagna non sarebbe stata insignita del titolo eleganza 2019, abbiamo comunque ritenuto opportuno mostrare uno degli usi più comuni che si possa fare di una strada di asfalto: il jogging, la corsa. Un atleta, nel quale ci identifichiamo dato il duro lavoro che sempre è alle spalle di un qualsiasi successo. La capacità di un sereno discernimento, scevro da riferimenti ideologici, è però prerogativa delle persone esposte al messaggio".


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

tuscania

auditerigi

toscano

il casone

bonito400

Orti di Elisa

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 12 luglio 2020, 22:19

Incendio in un appartamento in centro: intossicati il proprietario e un carabiniere

Un incendio è divampato questa sera poco dopo le 21.30 in un appartamento in fondo a via Fillungo a Porta dei Borghi


domenica, 12 luglio 2020, 21:20

Vende alcol ai minorenni, terza sanzione in un mese: rischia chiusura locale in via San Paolino

in via San Paolino la polizia municipale ha sanzionato nuovamente il titolare di un locale che stava somministrando alcool a un minore. Il locale, che verrà segnalato alla prefettura, rischia la chiusura in quanto recidivo, già sanzionato tre volte nell'arco di un mese


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 12 luglio 2020, 21:17

Lucca Curiosa, Ponte “ai Frati2, dei percorsi da recuperare

Paolo Pescucci e Lucca Curiosa: Abbiamo voluto fare questo video per richiamare l’attenzione sul ponte ”ai Frati”, da troppi anni abbandonato e sulla serie di percorsi ciclopedonali di cui era il fulcro


domenica, 12 luglio 2020, 19:15

San Paolino: il sindaco di Massarosa Alberto Coluccini accende la lampada del santo patrono

Il sindaco di Massarosa Alberto Coluccini nella basilica di San Paolino a Lucca nel giorno del santo patrono, durante la solenne concelebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Paolo Giulietti


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 11 luglio 2020, 19:54

Alla Bussola serata raccolta fondi per la Fondazione Tobino

Serata dedicata alla raccolta fondi per la ristrutturazione delle stanze che accoglieranno a Maggiano, presso la sede della Fondazione Tobino nell'ex manicomio, la storica biblioteca. La presidente della Fondazione Isabella Tobino, nipote dello scrittore, parteciperà all'evento per una breve ringraziamento e l'illustrazione del progetto


sabato, 11 luglio 2020, 09:24

Video hard e contenuti violenti: scoperta chat dell'orrore. Denunciati 20 minorenni

La vicenda è iniziata quando una madre lucchese, trovando sul telefono cellulare del figlio quindicenne numerosi filmati hard con protagoniste giovanissime vittime, si è rivolta alla polizia postale chiedendo aiuto. Video


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px