Anno 7°

domenica, 18 agosto 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Finalmente un prete: "Una messa per il carabiniere ucciso. La benda all'assassino? Non conta niente, è insignificante. Conta il sacrificio di chi ci ha rimesso la pelle"

domenica, 11 agosto 2019, 19:12

di aldo grandi

Chissà se l'Imam Bergoglio o il vescovo Paolo Giulietti si complimenteranno con lui o lo redarguiranno. A don Rodolfo Rossi, tuttavia, parroco della Valfreddana, questo particolare interessa poco o nulla. Con la sua comunità parrocchiale, piccola, ma agguerrita e determinata, ha deciso di organizzare, per il trigesimo della morte del carabiniere massacrato a Roma con 11 coltellate da un giovane americano, una messa il 26 agosto per ricordare sia Mario Cerciello Rega, sia tutti i militari uccisi nell'adempimento del proprio dovere. E la proposta è stata accolta con entusiasmo e comunicata al comando provinciale dell'Arma di Cortile degli Svizzeri. Qui, il colonnello Giuseppe Arcidiacono, ha manifestato il proprio compiacimento per l'iniziativa che avvicina ancora di più la gente comune all'Arma.

"Io amo e stimo l'Arma - esordisce il parroco della Valfreddana sulla via per Camaiore - L'anno scorso 20 carabinieri sono stati uccisi e nel 2019 siamo già a tre. La mia comunità prova le medesime sensazioni nei confronti dei carabinieri e per questo, insieme, abbiamo deciso di ricordare, ad un mese dalla scomparsa, il 26 agosto, il militare ucciso a Roma con 11 coltellate".

Padre Rossi ha anche letto le polemiche scoppiate per la benda messa sugli occhi dell'assassino e che ha suscitato le reazioni dei buonisti e degli ambienti progressisti e di Sinistra italiani e d'oltreoceano: "Lo scriva. Assolutamente per me quella banda non conta niente, è insignificante. Per me conta il sacrificio di quella persona che ci ha rimesso la pelle".

"Questo fatto di Roma - continua il parroco - ha suscitato stupore e tristezza e ha colpito molto i miei parrocchiani e io, allora, ho fatto le condoglianze all'Arma e al comandante Arcidiacono. Bisogna fare qualcosa per ricordare i nostri carabinieri, ho pensato. Facciamo una messa in suffragio ad un mese dalla morte e ricordiamo tutti i carabinieri che hanno perso la vita. La mia è una parrocchia piccola, ma il rispetto per i militari è forte perché la gente vuole bene ai carabinieri. Il carabiniere rappresenta una sicurezza e noi vogliamo onorare la memoria".

Ma don Rodolfo Rossi ha le idee chiare anche in fatto di accoglienza: "Io sono a favore dell'aiuto all'essere umano. Non dico prima gli italiani, dico prima gli esseri umani al di là della religione, del colore della pelle, della provenienza, poi tutto il resto. Sento il bisogno di conoscere bene la realtà da cui provengono e spesso sono situazioni di guerra. Noi italiani si fa presto a fare di tutta un'erba un fascio (non è apologia di reato ndr). Non è così, è un errore che porta odio e razzismo, Io non sono razzista, sono a favore dell'essere umano".


Questo articolo è stato letto volte.


chiesina


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


auditerigi


il casone


bonito400


Orti di Elisa


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 17 agosto 2019, 12:49

Tragedia Ponte Morandi, un riconoscimento ai cani dei vigili del fuoco

Quest'anno, ad un anno dalla tragedia del ponte Morandi, gli organizzatori della manifestazione hanno voluto dare un giusto riconoscimento anche ai cani dei vigili del fuoco che si sono prodigati e distinti nelle ricerche in quello scenario emergenziale.


sabato, 17 agosto 2019, 10:23

CDNF: "Rete Ready-Gender, fortemente preoccupati per adesione"

Con una nota della coreferente Elisabetta Samek Lodovici, il Comitato Difendiamo i Nostri Figli sez. Lucca interviene in merito all'adesione del comune alla rete nazionale "Ready"


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 16 agosto 2019, 13:07

Maxi-traffico di droga, smantellata banda di ucraini

La svolta nelle indagini è arrivata a novembre dell’anno scorso, con l’arresto di un cittadino ucraino, 27enne, domiciliato a Lucca, sorpreso dai militari del nucleo investigativo subito dopo aver ritirato presso la sede locale di una ditta di spedizioni un pacco contenente quasi 5000 pasticche di ecstasy e 300 grammi...


venerdì, 16 agosto 2019, 00:05

Cade dallo scooter e finisce sui binari a Cerasomma

Grave incidente questo pomeriggio poco prima delle 19, sulla via Pisana al passaggio a livello di Cerasomma, dove un giovane di 27 anni che proveniva verso Lucca, è uscito di strada all'imbocco del crocevia, finendo fuori strada e cadendo proprio nel mezzo dei binari


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 14 agosto 2019, 12:57

Lavori di restauro alla Manifattura Tabacchi, approvata risoluzione del contratto di appalto con Aspera

La giunta comunale ha approvato questa mattina la risoluzione del contratto di appalto con l'associazione temporanea di imprese Aspera per i lavori di restauro alla Manifattura Tabacchi


mercoledì, 14 agosto 2019, 12:27

Nasce a Lucca la Casa della Memoria e della Pace

Nasce a Lucca la “Casa della Memoria e della Pace”, un nuovo laboratorio di libertà voluto dall'amministrazione Tambellini, dove troveranno spazio associazioni, singoli cittadini e iniziative che metteranno al centro la memoria storica, legata in particolare al periodo storico del Novecento e della Liberazione


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px