Anno 7°

giovedì, 27 febbraio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Cronache... marziane

venerdì, 14 febbraio 2020, 17:36

di aldo grandi

Mentre i padroni del vapore si dilungano e si dilettano nell'illustrare come sarà la città del futuro con investimenti faraonici per ristrutturare schifezze architettoniche ormai allo sbando, nelle scuole elementari di Lucca monta la consapevolezza che sono tutti finocchi, sì, ma, è proprio il caso di dire, con il culo degli altri. Soprattutto con quello degli alunni degli istituti primari i quali, senza tanti complimenti, sono da decenni costretti a farla sempre allo stesso modo e nello stesso buco. 

Dopo la nostra inchiesta sui cessi della scuola Pascoli di piazza della Colonna Mozza detta altrimenti e ufficialmente piazza S. Maria Forisportam, nel centro storico, adesso tocca ad un'altra eccellenza del territorio, la scuola Ferdinando Martini in via S. Marco 27. Alcuni genitori che stanno portando avanti da anni la battaglia per una maggiore dignità anche quando si va a defecare, hanno inviato alla redazione della Gazzetta di Lucca - ormai, lasciatecelo dire, unico giornale in questa valle di lacrime disposto e rimasto a rompere i coglioni all'autorità più o meno costituita, altro che sardine - le immagini di questo atelier di alta educazione oltre ad una lettera che, volentieri, pubblichiamo integralmente e che dà l'idea di quali siano le vere urgenze del territorio altro che metropoli del futuro e ristrutturazioni stile Porta Nuova a Milano. Siamo a Lucca gente, non dimentichiamocelo.

A proposito, gli stessi genitori hanno avuto parole di comprensione e di compassione per l'impegno profuso dall'assessore Celestino Marchini per cercare di risolvere, inutilmente, questo problema. Conosciamo Marchini per la persona seria e professionale che è e gli domandiamo se gli sembra giusto che in questo 2020 in cui il suo sindaco vuol far divenire Lucca capitale della rete 5G, i cessi dei bimbi facciano così schifo.

Ecco la lettera:

Buongiorno direttore!

Non ci conosciamo direttamente, scusi se la disturbiamo, siamo alcune mamme che hanno i figli piccoli e che abitano a San Marco e dintorni.

Abbiamo letto i suoi recenti articoli sui “cessi” alla turca che denuncia come presenti alla Pascoli e condividiamo con tutto il cuore ogni critica. Le scriviamo perché abbiamo figli che frequentano la scuola primaria di San Marco, la famosa Ferdinando Martini, facente parte del comprensivo Lucca4 e combattiamo da un paio di anni ormai una battaglia poiché abbiamo tutti i bagni dei nostri piccolini alla turca, in pessime condizioni di manutenzione e maleodoranti... Abbiamo tentato di farci sentire già lo scorso anno riguardo questa situazione inaccettabile, ma alla luce della risonanza mediatica del suo articolo, ci domandiamo se lei sarebbe disponibile a dar luce anche alla nostra voce, affinché il nostro comune prenda sul serio ed in tempi brevi le soluzioni necessarie a garantire il benessere, il decoro e la serenità a tanti piccoli bambini della nostra Lucca!

Riepilogando, ci sono bagni ad uso esclusivo dei bambini tutti alla TURCA (su 15 solo uno non è alla turca), porte rotte e che non si chiudono, sia nei bagni per i bambini che in quelli degli adulti, piastrelle rotte, lavandini con rubinetterie rotte, una perdita d’acqua in una plafoniera a soffitto, scarichi spesso non funzionanti e obsoleti che non garantiscono il continuo e completo deflusso delle acque, tubazioni esterne in stato di trascuratezza, allacci idraulici a parete inutilizzati coperti in maniera temporanea oramai da troppo tempo, una lastra di ferraccio a parete e sempre cattivo odore. Il deflusso, a volte e in alcuni bagni, fuoriesce anche dalla base della turca. 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini


tuscania


auditerigi


toscano


il casone


bonito400


Orti di Elisa


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 27 febbraio 2020, 11:54

La famiglia del sovrintendente Alessandro De Bellis dona un defibrillatore alla Stradale

Un defibrillatore per ricordare il fratello scomparso nel 2013 in un incidente a bordo del suo motociclo mentre si recava a lavoro. Questo l’obiettivo della donazione di Riccardo De Bellis che, con l’associazione “Team DB Motorsport” di cui fa parte, ha donato lo strumento alla sede della polizia stradale di...


giovedì, 27 febbraio 2020, 11:33

Coronavirus, due nuovi casi sospetti a Siena e Torre del Lago

Uno è un ragazzo di 22 anni della provincia di Siena, giocatore della Pianese. Il secondo caso è un signore di 44 anni, che risiede a Torre del Lago e lavora a Vo Euganeo (comune del Veneto che fa parte delle zone a rischio)


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 27 febbraio 2020, 10:07

Inizia il percorso formativo “Laudato si’”

Sta per partire un percorso di formazione e riflessione che, sulla scia degli insegnamenti pronunciati da Papa Francesco nell’enciclica «Laudato si’», da cui l’iniziativa prende nome, si pone l’obiettivo di sensibilizzare tutti coloro che intendono acquisire conoscenza e strumenti per impegnarsi nel campo sociale e politico all’insegna del «bene comune»


mercoledì, 26 febbraio 2020, 19:05

Sciacallaggio Coronavirus: finti addetti Asl propongono tamponi a domicilio

Oggi si è svolta nella sede direzionale via Cocchi a Pisa una riunione tra la direzione dell'Asl Toscana nord ovest, insieme ad alcuni componenti dell'unità di crisi aziendale, ed i rappresentanti delle organizzazioni sindacali


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 26 febbraio 2020, 19:01

Puccini & Lucca: it's safe to be here. Il Festival lancia una campagna sui social contro la psicosi da Coronavirus

Puccini & Lucca: it's safe to be here. Il Puccini e la sua Lucca International Festival lancia una campagna promozionale contro la psicosi da Coronavirus che, nelle ultime settimane, si registra anche nella città murata


mercoledì, 26 febbraio 2020, 18:58

Evento-ricordo in memoria di Vera Michelin Salomon

Gli occhi verdi, limpidi e vivi. Il fazzoletto bianco e azzurro legato al collo. Il pensiero mai banale, sempre lucido, attuale. Ecco chi era Vera Michelin Salomon, una donna che resiste, una memoria che resta. Quella della sua vita e della storia del gruppo di amici, dei ragazzi di via...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px