Anno 7°

martedì, 31 marzo 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Evento-ricordo in memoria di Vera Michelin Salomon

mercoledì, 26 febbraio 2020, 18:58

Gli occhi verdi, limpidi e vivi. Il fazzoletto bianco e azzurro legato al collo. Il pensiero mai banale, sempre lucido, attuale. Ecco chi era Vera Michelin Salomon, una donna che resiste, una memoria che resta. Quella della sua vita e della storia del gruppo di amici, dei ragazzi di via Buonarroti, cellula antifascista della Resistenza romana, portata alla luce dal professore Massimo Sestili con il bel libro "I ragazzi di via Buonarroti. Una storia della Resistenza" (Marlin Editore). 

Di Vera, che è morta a Lucca all'età di 96 anni nell'ottobre scorso, e dei ragazzi di via Buonarroti si parlerà venerdì 28 febbraio, alle 17.30 alla Casa della Memoria e della Pace (sopra Porta San Donato) in un'iniziativa organizzata dal Comune di Lucca: sarà proprio Massimo Sestili a riannodare i fili della memoria e a tracciare il profilo di questa donna, raccontando così, attraverso la sua vicenda, la vicenda dell'Italia e dell'Europa di quegli anni. 

Quella di Vera è una storia di antifascismo. A diciotto anni, in cerca di autonomia e con la voglia di ampliare i propri orizzonti culturali, scelse di trasferirsi da Carema, in provincia di Torino, a Roma. Era il 1941. Lavorava come segretaria economa in una scuola professionale e iniziò a frequentare assieme all'amica e cugina Enrica Filippini-Lera circoli e ambienti antifascisti. Dopo l'8 settembre 1943 la scelta era fatta e Vera, assieme ad Enrica e quelli che lei definisce i 'fratelli maggiori', il cugino Paolo Buffa e Paolo Petrucci in collegamento con le forze speciali inglesi, partecipa alla resistenza non armata nella capitale. Vera operava nel Comitato studentesco di agitazione. Il suo compito era distribuire materiale di propaganda antifascista davanti alle scuole superiori e all'università per impedire lo svolgimento regolare delle lezioni e degli esami accessibili solo ai giovani in grado di presentare l'autorizzazione del costituendo esercito della Repubblica di Salò. Con la cugina aderì anche alla cellula del Partito comunista di piazza Vittorio. Poi il 14 febbraio 1944 un commando di SS si presentò in via Buonarroti e arrestò tutti i presenti: Paolo Buffa, Paolo Petrucci, il fratello diciottenne appena arrivato Cornelio Michelin-Salomon e le due ragazze, Vera e Enrica. Qualcuno denunciò lei e il suo gruppo. In attesa di processo, venne rinchiusa in via Tasso: qui l'avvocato nominato d'ufficio dovette provare come Vera non fosse ebrea, a dispetto del cognome che poteva farlo pensare; da lì fu trasferita a Regina Coeli, dove fu testimone della selezione per le Fosse Ardeatine: dove morì l'amico, anche lui ragazzo di via Buonarroti, Paolo Petrucci. Il 24 aprile Vera e Enrica, compagne di deportazione fino alla fine, furono spedite in Germania, prima in camion e poi su un carro bestiame. La prima tappa fu Monaco di Baviera, poi Dachau e la prigione di Stadelheim. Dopo un mese il penitenziario femminile di Aichach. Sopravvissuta alla Germania, venne liberata dagli alleati il 29 aprile 1945, come ha raccontato per anni nelle scuole, da presidente onoraria dell'Aned, e sui Treni della memoria organizzati dalla Regione Toscana. Sempre insieme ai suoi ragazzi, a parlare e a spiegare cos'è il fascismo, cosa significa vivere sotto una dittatura, cosa significa rischiare la vita per un'idea giusta e finire per questo in un campo di concentramento.

 


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

tuscania

auditerigi

toscano

il casone

bonito400

Orti di Elisa

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 30 marzo 2020, 23:07

Flash Coronavirus: ultimo aggiornamento

Da domani pubblicheremo in questo spazio “Flash Coronavirus” solo contributi di idee ed immagini positive e qualche leggerezza per strappare se possibile un sorriso


lunedì, 30 marzo 2020, 19:49

Coronavirus, cinque contagiati a Lucca: ma sapete dirci quanti casi dovranno esserci al giorno prima di riaprire un minimo le porte?

A Lucca 'solo' cinque contagi: visto che il virus non si potrà chiudere tutto d'un colpo come fosse un rubinetto, qualcuno ci può dire cosa dobbiamo aspettare affinché si possa riaprire di un minimo il palcoscenico delle nostre esistenze? Perché più bassi di così i numeri sarà difficile che diventino...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 30 marzo 2020, 17:05

Coronavirus, questi leggono i numeri e non li capiscono: per malati diversi stessa cura!

Per fare una fotografia oggi della situazione nelle Regioni Italiane, per capire dopo due o più mesi di Covid-19 qual è l’impegno “attuale” delle strutture sociali e dei cittadini, deve essere considerato un dato fondamentale, il numero di abitanti delle Regioni stesse


lunedì, 30 marzo 2020, 16:55

Lavoratori dei servizi di appalto nella sanità, i sindacati: "Sicurezza e orari inaccettabili"

"Nonostante le nostre denunce, si continuano a riscontrare enormi carenze in termini di sicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici di tutti i servizi in appalto nella sanità di Lucca". Questo l'appello di Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltrastporti e Uiltucs alle istituzioni


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 30 marzo 2020, 16:44

Coronavirus, 39 nuovi casi in provincia di Lucca

Sono 290 i nuovi casi positivi al Coronavirus registrati in Toscana a ventiquattro ore dal precedente bollettino, analizzati nei laboratori toscani; e 16 i nuovi decessi. Salgono dunque a 4.412 i contagiati dall’inizio dell’emergenza. 33 sono finora le guarigioni virali (i cosiddetti "negativizzati"), 98 le guarigioni cliniche e 231 i...


lunedì, 30 marzo 2020, 10:52

Coronavirus, lite tra condomini e uno abitava da un'altra parte: sanzionato

Un lucchese di 43 anni sorpreso in auto dalla polizia: 'Andavo a comprare la cannabis light perché disinfetta i polmoni': multato anche lui


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px