Anno 7°

martedì, 2 giugno 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Amara sorpresa al Panda: dipendente ruba scarpe per rivenderle su Internet

venerdì, 22 maggio 2020, 12:17

di aldo grandi

Gli stava facendo la posta da giorni. Sapeva da tempo che quella persona gli stava portando via decine di paia di scarpe che, poi, rivendeva puntualmente su Internet, ma voleva beccarlo sul fatto. E così è stato. Ogni notte aspettava il momento giusto fino a quando, ieri mattina verso le 5.15, ha colto il dipendente con le mani nel sacco. Aveva fatto copia di tutte le chiavi così da poter entrare liberamente senza problemi. A quel punto il proprietario del negozio, Federico Lanza (nella foto con la moglie nel suo negozio), uno dei commercianti più seri, stimati, considerati del centro storico e non solo, ha chiesto l'intervento della polizia che già stava seguendo il caso da mesi.

All’arrivo della volante il ladro ha subito ceduto, confessando che stava per portar via diverse paia di scarpe dal negozio Panda Lab e che ne aveva già parecchie in casa. Poco distante, sempre in via Fillungo, si trovava, all'interno dell'auto, la moglie che lo stava aspettando.

Gli operatori, quindi, si sono recati presso l’abitazione dell’uomo, il quale spontaneamente ha consegnato ai poliziotti 28 paia di scarpe, oltre alle chiavi di cui illecitamente aveva fatto la copia per poter entrare indisturbato di notte.

Il dipendente, che lavorava presso il negozio da 17 anni, da almeno cinque anni si appropriava di merce per rivenderla su Internet, come da lui stesso confessato una volta scoperto.

Da diversi mesi il proprietario aveva cominciato a sospettare qualcosa, tanto che da qualche tempo si appostava di notte in attesa di coglierlo sul fatto. E così è stato. Dai primi calcoli effettuati, il soggetto, un lucchese di 47 anni, avrebbe rubato merce per circa 50 mila euro. Per lui è scattata la denuncia per furto continuato e aggravato.

"Cosa devo dire? - ha detto Federico Lanza - Per me era come un figlio, mai mi sarei aspettato un comportamento del genere. Io sapevo da tempo che c'era qualcuno che rubava le scarpe e sapevo anche che era lui, ma avevo voluto vedere fino a quando avrebbe continuato e se, magari, avrebbe smesso con questa emergenza e viste le difficoltà. Invece non c'è stato niente da fare. Così mi sono appostato, per me è stata durissima, poi, ieri mattina, la sorpresa. Scoperto. Non ho altro da aggiungere se non che finalmente questa storia è finita e non ne voglio più parlare. Per me è stata una grandissima delusione, ma nella vita accadono anche certe cose. Colgo l'occasione per ringraziare personalmente gli uomini della questura di Lucca e, in particolare, l'ufficio delle Volanti e quello dove si presentano le denunce. Questo perché gli agenti sono arrivati con una tempestività incredibile".

 


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

tuscania

auditerigi

toscano

il casone

bonito400

Orti di Elisa

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 2 giugno 2020, 10:16

Celebrata nel Cortile degli Svizzeri la Festa della Repubblica

Una cerimonia composta e ristretta, ma non per questo meno sentita, è quella che si è tenuta nel Cortile degli Svizzeri, questa mattina, per la Festa della Repubblica, alla presenza dei rappresentanti delle autorità civili, militari e religiose. Video


lunedì, 1 giugno 2020, 14:47

La Fondazione Arpa piange la scomparsa del professor Franco Mosca

Se ne è andato ieri - domenica 31 maggio - dopo pochi mesi di malattia, il Presidente della Fondazione Arpa, il Prof. Franco Mosca. Chirurgo di fama internazionale, uomo illuminato e lungimirante, era nato a Biella, nel 1942


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 1 giugno 2020, 13:24

Sgominata dai carabinieri banda dedita agli assalti ai Bancomat

Nell'ambito di attività d’indagine coordinata dal sostituto procuratore della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Padova hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP di Padova nei riguardi di 5 soggetti, pregiudicati trevigiani e lucchesi, giostrai zingari sinti, per i delitti di furto aggravato,...


lunedì, 1 giugno 2020, 13:21

La protesta delle autoscuole alla Motorizzazione Civile di Lucca

Alla manifestazione di stamani hanno partecipato moltissime autoscuole della provincia di Lucca le quali sin da subito hanno messo in chiaro un concetto fondamentale


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 1 giugno 2020, 08:51

Assalti ai bancomat, arrestati dai carabinieri i componenti di una banda

I carabinieri, a conclusione di un’attività investigativa iniziata lo scorso mese di febbraio, stanno eseguendo delle ordinanze di custodia cautelare in carcere


domenica, 31 maggio 2020, 23:01

La seconda ondata di Silvio Brusaferro: sì, ma al cesso

E' di ieri l'uscita dell'illustrissimo direttore dell'Istituto Superiore della Sanita, tal Silvio Brusaferro, il quale, per non perdere il palcoscenico e per non deludere i suoi padroni, si è sentito in dovere di farci sapere che dobbiamo aspettarci la seconda ondata di contagi


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px