Anno 7°

lunedì, 13 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

La protesta delle autoscuole alla Motorizzazione Civile di Lucca

lunedì, 1 giugno 2020, 13:21

di chiara grassini

Alle 9.30 si sono presentatati davanti agli uffici della Motorizzazione Civile di Lucca per un nuovo sit-in di protesta dopo quello di Firenze avvenuto lo scorso mercoledì. Alla manifestazione di stamani hanno partecipato moltissime autoscuole della provincia di Lucca le quali sin da subito hanno messo in chiaro un concetto fondamentale che cosi potremmo riassumere: "Vogliamo gli esami".

E così i titolari di ciascuna autoscuola presente lo hanno detto e ribadito in vari modi come il ripetuto suonare del clacson della propria auto e si sono fatti sentire grazie all'utilizzo di fischietti e trombette. Alla manifestazione hanno partecipato il segretario nazionale autoscuole Christian Filippi il quale ha cosi commentato: "Siamo qui per chiedere la ripresa immediata degli esami di teoria di guida per formalizzare e finalizzare tutti i corsi che sono ripresi da poco. Ci risulta che in tutta la Toscana attualmente gli esami siano fermi. Questo è un danno economico molto rilevante per le aziende. Dopo tre mesi di stop questo è inaccettabile. Noi chiediamo che la pubblicazione amministrazione prenda atto di questa esigenza e che risponda a questa domanda che viene fatta da noi autoscuole".

Abbiamo intervistato Luca dell'autoscuola Lucchese di Borgo Giannotti il quale ci ha spiegato il motivo della protesta: "Siamo qui per protestare nei confronti del ministero di come ha gestito questa ripartenza degli esami di guida. E' dall' 11 di marzo che siamo chiusi e ancora non siamo ripartiti con gli esami di guida" ha sottolineato.

"La nostra protesta non è nei confronti della Motorizzazione Civile di Lucca, assolutamente!". Siamo qui a manifestare a Lucca, l'altra volta a Firenze. Vogliamo fare gli esami, non vogliamo né colpevoli né innocenti. Vogliamo che ci diano la possibilità di tornare a lavorare  perché se ripartiamo a luglio sono quattro mesi che non percepiamo lo stipendio" ha concluso.

Nel corso della protesta è intervenuto anche il coordinatore regionale Confarca, Corrado Festelli: "Siamo qui a manifestare per la seconda o terza volta durante la settimana perché le autoscuole soffrono una ripartenza troppo lenta da parte degli uffici dirigenziali della Motorizzazione Civile della Toscana. Ci sono tutte le autoscuole della Toscana qui presenti. La ripartenza proposta dai dirigenti della Toscana è troppo lenta  rispetto a quella che è la nostra necessità di sopravvivenza.

Ha inoltre precisato: "Siamo qui per manifestare questo dissenso civile pur rispettando le difficoltà della pubblica amministrazione" ha concluso. L' ingegnere  Alessandro Iacopini, anch'egli presente alla protesta ha espresso una sua opinione a riguardo: "Siamo andati a manifestare a Firenze lo scorso mercoledì e  successivamente abbiamo fatto un flash mob a Lucca nella mattinata di giovedì della settimana appena passata dove hanno partecipato altri "vicini" di altre città toscane per solidarietà.

"Questo ufficio provinciale, cioè quello della Motorizzazione, è l' ufficio di riferimento per le provincie di Massa, Pisa, Livorno e Lucca. E' un ufficio dirigenziale". 

"Il problema non è la motorizzazione civile ma il sistema  che è "incancrenito" cosi lo ha definito Iacopini. Prima di avviarsi alle conclusioni ha voluto specificare il seguente punto:" Avevamo chiesto di fare esami presso la propria sede  in modo da evitare le " transumanze", cioè partire da Viareggio per venire a sostenere l'esame a Lucca. Questo significa accompagnare i ragazzi in macchina creando assembramenti. Ma dal ministero ci è stato detto di no".Alla manifestazione hanno aderito molte autoscuole del territorio come" Salvino" di Fornaci di Barga, Il Ponte di Ponte a Moriano e l'autoscuola Simone Aquilini di Castelnuovo, tanto per citare alcuni esempi di chi ha partecipato.

 

 

Foto Ciprian Gheorghita

Video La protesta delle autoscuole alla Motorizzazione Civile di Lucca


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

tuscania

auditerigi

toscano

il casone

bonito400

Orti di Elisa

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 12 luglio 2020, 22:19

Incendio in un appartamento in centro: intossicati il proprietario e due carabinieri

Un incendio è divampato questa sera poco dopo le 21.30 in un appartamento in fondo a via Fillungo a Porta dei Borghi


domenica, 12 luglio 2020, 21:20

Vende alcol ai minorenni, terza sanzione in un mese: rischia chiusura locale in via San Paolino

in via San Paolino la polizia municipale ha sanzionato nuovamente il titolare di un locale che stava somministrando alcool a un minore. Il locale, che verrà segnalato alla prefettura, rischia la chiusura in quanto recidivo, già sanzionato tre volte nell'arco di un mese


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 12 luglio 2020, 21:17

Lucca Curiosa, Ponte “ai Frati2, dei percorsi da recuperare

Paolo Pescucci e Lucca Curiosa: Abbiamo voluto fare questo video per richiamare l’attenzione sul ponte ”ai Frati”, da troppi anni abbandonato e sulla serie di percorsi ciclopedonali di cui era il fulcro


domenica, 12 luglio 2020, 19:15

San Paolino: il sindaco di Massarosa Alberto Coluccini accende la lampada del santo patrono

Il sindaco di Massarosa Alberto Coluccini nella basilica di San Paolino a Lucca nel giorno del santo patrono, durante la solenne concelebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Paolo Giulietti


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 11 luglio 2020, 19:54

Alla Bussola serata raccolta fondi per la Fondazione Tobino

Serata dedicata alla raccolta fondi per la ristrutturazione delle stanze che accoglieranno a Maggiano, presso la sede della Fondazione Tobino nell'ex manicomio, la storica biblioteca. La presidente della Fondazione Isabella Tobino, nipote dello scrittore, parteciperà all'evento per una breve ringraziamento e l'illustrazione del progetto


sabato, 11 luglio 2020, 09:24

Video hard e contenuti violenti: scoperta chat dell'orrore. Denunciati 20 minorenni

La vicenda è iniziata quando una madre lucchese, trovando sul telefono cellulare del figlio quindicenne numerosi filmati hard con protagoniste giovanissime vittime, si è rivolta alla polizia postale chiedendo aiuto. Video


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px