Anno 7°

venerdì, 4 dicembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Il Coronavirus per passare dal rigorismo ad un espansionismo a debito. E salutame a Maastricht!

sabato, 21 novembre 2020, 11:54

di Antonello Rivalsa

I Negazionisti più convinti si sono battuti e si battono ad armi impari contro i Governi del virus, non solo in Italia, perché non hanno capito la portata reale dell’epidemia che prescinde largamente, è sempre più chiaro, da ragioni sanitarie.

Tant’è che anche i più sprovveduti governanti, come Zingaretti-Trump-Johnson che nel primo periodo ingenuamente come molti di noi hanno provato a trattare alla luce della ragione i dati sul Covid, hanno poi virato strategia, in ritardo Trump, allorquando è risultato chiaro che la linea pro-pandemia sarebbe stata vincente perfino economicamente. Ma vincente per chi?

Vincente per i governi e le opposizioni provirus che sono stati premiati e saranno in futuro premiati elettoralmente (Biden ha vinto grazie al Covid), per i media tutti, dai giornali a Facebook a Twitter che hanno aumentato abbonati e lettori, per le grandi multinazionali che operano online da Amazon in giù, per le grandi catene di distribuzione internazionale da Walmart in giù, per la grande distribuzione organizzata (Gdo) italiana - Conad, Coop, Esselunga, Eurospin - che ha avuto sempre numeri positivi nel 2020 con picchi durante i lockdown, per le multinazionali del settore industriale che hanno beneficiato di crediti miliardari come FCA (Fiat) che ha avuto accesso a 6,25 miliardi di euro dalla linea di credito per emergenza COVID-19, per le potentissime multinazionali farmaceutiche e l’elenco potrebbe continuare all’infinito.

Chi ci ha rimesso sono le piccole o piccolissime proprietà e le persone, i singoli; e neanche sempre visto che anche i dipendenti privati hanno beneficiato quantomeno della Cassa Integrazione e del blocco dei licenziamenti prorogato per ora fino al 31 marzo 2021.

Ma va fatto un passo indietro. Voi ricorderete che in tema economico negli anni scorsi il dibattito italiano ed europeo vedeva contrapposti i rigoristi (meno spese e riduzione del debito pubblico) agli espansionisti (maggiore spesa pubblica e sforamento dei Parametri di Maastricht) e in tutti i Paesi Europei aveva prevalso la prima linea; abbiamo memoria del devastante governo Monti del 2012.

Ma dopo molti anni di rigore la tendenza di sostanziale recessione o stagnazione economica europea con picco nella grande recessione degli anni 2007-2013 non mutava, anzi andava sempre peggio, con incrementi di PIL in tutti i Paesi nulli o modestissimi se paragonati a quelli di paesi emergenti, primo tra tutti la Cina.

E allora la pandemia è stato il vettore per invertire la rotta e rilanciare le economie occidentali senza sputtanare anni di politica rigorista sostenuta dalla maggior parte degli economisti ed avviare una azione politica ed economica basata su un incremento spaventoso del debito pubblico dei singoli Paesi ed europeo. E l’Europa che fino a ieri fucilava sul posto Paesi troppo indebitati come la Grecia commissariandoli con la Troika oggi, quasi ogni giorno, si inventa un “fund” nuovo da distribuire ai Paesi da titolare sovrana come è della Moneta Euro e gli economisti europei elaboreranno in fretta un nuovo modello matematico che interpreterà correttamente e positivamente il debito ulteriore.

Ma per poter attuare una politica di questo genere i Governi hanno bisogno di un elemento di sostegno fondamentale, che consenta di gestire le vaste sacche di individui arrabbiati o distrutti economicamente: le Televisioni, la Stampa, le Radio e i Network vari.

E hanno avuto gioco facile nell’averli dalla loro parte perché tutti i media, è noto, sono stati largamente beneficiati dal regime di emergenza e, alle sacche residue non allineate, basta dare un aiutino come ha fatto il Governo con l’art. 92 della Finanziaria per il 2021 o con il decreto del 12 ottobre 2020 del grillino Patuanelli che ha stanziato ben 50 milioni per le emittenti locali televisive e radiofoniche che si allineano, secondo la Tabella allegata al Decreto, passando i messaggi del Governo sul Covid.

Però, in Italia, il Governo rischiava di avere contro le Televisioni e le Radio dell’opposizione di Silvio! E ha dato un aiutino anche a Silvio e a Forza Italia.

Ci ha pensato sempre il Ministro grillino Patuanelli insieme alla sottosegretaria grillina Liuzzi, il primo ancora non avrà capito come si apre una scatoletta di tonno e la seconda come si fa a bloccare il TAP ma, dice Repubblica, si inventano una norma per bloccare la scalata dei francesi di Vivendi a Mediaset e così anche Silvio è diventato ragionevole e collaborativo a reti unificate.

Da ultimo rimanevano da sterilizzare i parlamentari, di maggioranza e opposizione, che non si allineavano o da veri ottusi non volevano capire la strategia occidentale di grande respiro messa in atto; ma le cose sono state sistemate in un attimo con l’articolo 195 della Finanziaria 2021 che, senza andare troppo per il sottile, dà un benefit di quasi 1 milione di euro a parlamentare (800 milioni di fondo per il 2021) utilizzabili tra un paio di mesi.

Ma no... non è possibile questa è dietrologia e fantapolitica, è come dire che il più grande nemico del Partito Democratico, Beppe Grillo, è diventato il sostenitore dell’ala governista e dell’alleanza con il Pd solo perché c’è una indagine (Repubblica e Corriere della Sera) riguardante il figlio, durata appena quattro mesi e con il possibile rinvio a giudizio, per violenza sessuale di gruppo, dicasi stupro. Impossibile.

Al di là delle persone, il timbro che spiega bene il Covid all’italiana e le follie, tutte e solo nostre, di questo 2020 lo diede Kissinger nel 1990 che disse: “Voi italiani siete vittima di un'unica, peculiare forma di stupidità. La vostra presunta furbizia. Se ammiraste meno la vostra furbizia, sareste probabilmente i più intelligenti e i più civili” e questa peculiarità in Italia, solo in Italia, ha trasformato il new deal dell’Occidente targato Covid in una mangiatoia infinita per amici e amici degli amici.


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

tuscania

auditerigi

lamm

il casone

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 3 dicembre 2020, 18:01

Il 4 dicembre i vigili del fuoco celebrano Santa Barbara

Quest’anno lo svolgimento della festività di Santa Barbara a causa delle restrizioni per l’emergenza sanitaria in atto, sarà in forma riservata, per il solo personale in servizio il 4 dicembre ed una rappresentanza del personale in quiescenza dell'A.N.VV.F.


giovedì, 3 dicembre 2020, 17:39

Natale blindato: stop agli spostamenti dal 21, blocco dei comuni 25, 26 e Capodanno, Toscana in arancione da domenica

È un Natale blindato quello a cui stiamo andando in contro. La linea dura del Governo è stata confermata e le deroghe sono ben poche, anzi praticamente nulle


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 3 dicembre 2020, 15:37

Coronavirus, 51 nuovi contagi e due decessi

Nell’azienda USL Toscana nord ovest i casi positivi di oggi, 3 dicembre, sono 394. All’ospedale di Lucca 86 i ricoverati, di cui 18 in terapia intensiva


giovedì, 3 dicembre 2020, 14:59

La polizia ritrova un minore scomparso a Livorno

Ieri pomeriggio la polizia ha rintracciato un minore che si era allontanato da casa. La nota di ricerca è stata diramata dalla questura di Livorno, a cui si erano rivolti i genitori del 16 enne che lì risiedono, chiedendo aiuto per il ritrovamento del ragazzo che era scomparso a seguito...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 2 dicembre 2020, 17:37

Promosso sottotenente l’ex maresciallo Pasquale Giordano

L’ex maresciallo Pasquale Giordano, già vice comandante della stazione dei carabinieri di Borgo Giannotti, dove era stato destinato nel mese di agosto 2016, è stato promosso sottotenente del ruolo normale dell’Arma dei Carabinieri, al termine di un difficile e selettivo concorso interno da poco conclusosi


mercoledì, 2 dicembre 2020, 16:57

Paura in centro per una lite tra immigrati

Due extra-comunitari di origine maghrebina, ubriachi, hanno seminato il panico all'interno di un bar in piazza San Francesco. Sul posto tre volanti della questura


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px