Anno 7°

venerdì, 4 dicembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Un grande bilancio per il centro Antiviolenza Luna: "Lottare insieme, sempre"

sabato, 21 novembre 2020, 15:33

di chiara bernardini

No alle aspettative, no al possesso, no al giudizio. È su questa teoria che il centro Antiviolenza Luna di Lucca accoglie e offre risorse alle donne, senza imporre condizioni ma favorendo il passaggio dalla sudditanza all'autonomia.

È qui per dire basta, per contrastare una società in cui le donne hanno paura di essere tali. "Lottiamo contro ogni tipo di violenza di genere - spiegano - Accogliamo telefonicamente o vis a vis le vittime di questi reati offendo loro colloqui di prima accoglienza, sostegno psicologico, alla genitorialità, servizi di consulenza legale e progetti di allontanamento dalla situazione di violenza ed un eventuale inserimento in casa rifugio".

Senza scopo di lucro, l'associazione agisce col solo fine di combattere insieme. A conferma dell'affidabilità il numero di accesso di quest'anno: 190 sono state le donne, di ogni età, accolte nel corso del 2020 le quali hanno trovato supporto e la forza di reagire. La paura spesso paralizza, il terrore talvolta può essere fatale. Non si tratta solo di violenza fisica, anzi, stando ai dati è quella psicologica ad essere più frequente. Si tratta di un'operazione subdola, della quale spesso la vittima non si accorge. Quello della violenza di genere è un reato che viene combattuto quotidianamente, inizia fra le mura domestiche, ma non si ferma lì. Cambia gli occhi di una donna, la visione del mondo e spegne i colori. "Il numero di denunce è aumentato", si legge nei grafici di bilancio, e questo può significare soltanto che la presa di coscienza è in continua crescita, ma strada è ancora molto lunga. Le operatrici si impegnano quotidianamente per ricordare a tutte la loro importanza, le loro capacità aiutandole a uscire da una situazione drammatica. L'accesso il più delle volte è diretto, altre vengono indirizzate da amici o parenti o dai servizi sociali. Ognuna con la propria storia, ognuna con il proprio bagaglio da svuotare, le cicatrici da mostrare lentamente. Aprirsi significa spogliarsi di ogni cosa, affidarsi a qualcuno. Ciò non significa che debba avvenire subito, anzi, più è profondo il dolore più è difficile, ma questo non ferma chi con passione, coraggio e orgoglio lotta per ricordare a tutte le donne ciò che si meritano. 


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

tuscania

auditerigi

lamm

il casone

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 3 dicembre 2020, 18:01

Il 4 dicembre i vigili del fuoco celebrano Santa Barbara

Quest’anno lo svolgimento della festività di Santa Barbara a causa delle restrizioni per l’emergenza sanitaria in atto, sarà in forma riservata, per il solo personale in servizio il 4 dicembre ed una rappresentanza del personale in quiescenza dell'A.N.VV.F.


giovedì, 3 dicembre 2020, 17:39

Natale blindato: stop agli spostamenti dal 21, blocco dei comuni 25, 26 e Capodanno, Toscana in arancione da domenica

È un Natale blindato quello a cui stiamo andando in contro. La linea dura del Governo è stata confermata e le deroghe sono ben poche, anzi praticamente nulle


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 3 dicembre 2020, 15:37

Coronavirus, 51 nuovi contagi e due decessi

Nell’azienda USL Toscana nord ovest i casi positivi di oggi, 3 dicembre, sono 394. All’ospedale di Lucca 86 i ricoverati, di cui 18 in terapia intensiva


giovedì, 3 dicembre 2020, 14:59

La polizia ritrova un minore scomparso a Livorno

Ieri pomeriggio la polizia ha rintracciato un minore che si era allontanato da casa. La nota di ricerca è stata diramata dalla questura di Livorno, a cui si erano rivolti i genitori del 16 enne che lì risiedono, chiedendo aiuto per il ritrovamento del ragazzo che era scomparso a seguito...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 2 dicembre 2020, 17:37

Promosso sottotenente l’ex maresciallo Pasquale Giordano

L’ex maresciallo Pasquale Giordano, già vice comandante della stazione dei carabinieri di Borgo Giannotti, dove era stato destinato nel mese di agosto 2016, è stato promosso sottotenente del ruolo normale dell’Arma dei Carabinieri, al termine di un difficile e selettivo concorso interno da poco conclusosi


mercoledì, 2 dicembre 2020, 16:57

Paura in centro per una lite tra immigrati

Due extra-comunitari di origine maghrebina, ubriachi, hanno seminato il panico all'interno di un bar in piazza San Francesco. Sul posto tre volanti della questura


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px