Anno XI

giovedì, 23 settembre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

ISI Machiavelli commemora la XXVI^ Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

venerdì, 19 marzo 2021, 10:42

L’ISI Machiavelli, in linea con il progetto Legalità promosso lo scorso anno, ha organizzato due importanti seminari sul fenomeno mafioso in vista della giornata commemorativa del 21 marzo.

I due seminari hanno convolto il Liceo classico, il Liceo delle Scienze Umane e l’I.P Civitali.

Il 13 marzo la referente del Presidio di Libera di Lucca, prof.ssa Laura Soletti, e Riccardo Guazzelli, in collegamento dalla Sicilia, figlio di Giuliano Guazzelli maresciallo dell’Arma dei carabinieri ucciso da Cosa Nostra ad Agrigento nel 1992, hanno incontrato gli studenti delle quarte e quinte del Liceo classico e del Liceo delle Scienze Umane, compresa la 3B LES e hanno raccontato la storia del maresciallo Guazzelli e le vicende legate agli anni delle stragi mafiose.

Dopo i ringraziamenti e l’introduzione al fenomeno mafioso della Dirigente scolastica, Prof.ssa Maria Cristina Pettorini e i saluti istituzionali del Provveditore di Lucca, Dott.ssa Donatella Buonriposi, la prof.ssa Rosa Manco, organizzatrice dell’evento, ha presentato gli ospiti e ha dato inizio al seminario.

Attraverso la testimonianza di Riccardo Guazzelli , il suo attaccamento all’Arma dei Carabinieri e la lettura molto toccante di una lettera dedicata a suo padre, abbiamo ricordato e onorato tutte le vittime innocenti delle mafie.

Gli studenti, durante lo spazio ad essi dedicato, hanno espresso riflessioni e rivolto domande agli ospiti, e alla fine del dibattito hanno realizzato un toccante flashmob intitolato Memoria Viva, grazie al quale le mascherine, simbolo dell’emergenza sanitaria, sono diventate un mezzo per dare vita e voce alle vittime innocenti delle mafie. Su ogni mascherina, infatti, era riportato il nome di una vittima innocente delle mafie. Si è realizzata, così, in un modo alternativo e simbolico la lettura dei nomi, che ogni anno si trasforma in una nuova preghiera di speranza. Infine, è stato presentato un video, realizzato dagli studenti, in memoria di Giuliano Guazzelli e consegnato idealmente a suo figlio Riccardo.

Il secondo seminario si è svolto il 18 marzo alla presenza delle classi quarte e quinte dell’I.P Civitali e la 3Bles Paladini.

L’ospite illustre della seconda giornata formativa è stato Renato Scalia, consigliere della Fondazione Antonino Caponnetto, la più autorevole costituzione di Studi sulla mafia.

Anche questa volta la Dirigente scolastica Maria Cristina Pettorini ha fatto gli onori di casa ricordando l’altezza morale del giudice Antonino Caponnetto. Dopo l’intervento del Provveditore di Lucca, Dott.ssa Donatella Buonriposi, che si è soffermata sul compito della scuola come baluardo di legalità, e la presentazione dell’Istituto Civitali del referente di plesso prof. Luca Marcheschi, la prof.ssa Rosa Manco ha presentato Renato Scalia agli studenti ed ha dato inizio alla giornata formativa, guidando le classi nelle attività proposte durante l’incontro.

Intensa e coinvolgente è stata la testimonianza di Renato Scalia il quale ha ribadito con fermezza che la lotta alla mafia si fa ogni giorno, non solo con l’azione di contrasto della magistratura e delle Forze di polizia, ma anche con la cultura della legalità, rendendo consapevoli i cittadini e partendo proprio dalla scuola.

Lo spazio Memoria Viva è iniziato con il flashmob “Antonino Caponnetto”, grazie al quale gli studenti hanno esibito una frase del giudice scritta a caratteri cubitali su un foglio bianco. A seguire è partita l’ intervista che gli studenti, giornalisti in erba, hanno fatto al nostro ospite.

Una lettera di ringraziamento a Renato Scalia e un video-dossier alla memoria del giudice Falcone, di Francesca Morvillo e della Quarto Savona 15 ha caratterizzato il finale dello spazio dedicato agli studenti.

“La mafia teme la scuola più che la giustizia. L’istruzione taglia l’erba sotto ai piedi della cultura mafiosa”. E’ così che affermava il giudice Antonino Caponnetto, guida e anima del Pool antimafia. Ed è questa anche la convinzione della nostra scuola.

Il nostro impegno c’è. E insieme ad esso c’è la volontà di formare, nel miglior modo possibile, i nostri ragazzi, le sentinelle della legalità.

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


francigena

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

lamm

il casone

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 22 settembre 2021, 18:17

Furti in centro storico, denunciata 50enne

Lei, 50enne di Montecatini con precedenti specifici, in poco meno di tre ore ha colpito almeno quattro volte. In alcuni negozi si era addirittura camuffata con una parrucca bionda


mercoledì, 22 settembre 2021, 16:40

Intitolata gradinata del Porta Elisa al calciatore Danilo Michelini

Danilo Michelini, calciatore nato nel 1917 all’Arancio, si era fatto notare giovanissimo mentre giocava sugli spalti delle Mura dalla prima squadra della lucchese ed ha esordito in serie B a soli 16 anni e mezzo


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 22 settembre 2021, 16:32

'Lucca Tattoo Expo', conto alla rovescia per l'ottava edizione

Lucca Tattoo Expo, la kermesse dedicata all'arte del tatuaggio, si terrà al Polo Fiere dal 24 al 26 settembre. Saranno 100 gli artisti tatuatori che parteciperanno all'evento provenienti da numerose città italiane e da numerose località estere come: Svizzera, Francia e Spagna


mercoledì, 22 settembre 2021, 16:26

Il canale Benassai sarà coperto interamente: c'è l'accordo con la Soprintendenza

È giunta a conclusione la vicenda della ricostruzione della copertura del canale Benassai che corre sotto la pista ciclabile del viale San Concordio, dove, nei mesi scorsi, si era verificato un cedimento


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 22 settembre 2021, 14:41

Arrestato tunisino per spaccio

L’indagine ha avuto inizio il 7 aprile, quando i militari, impegnati in un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nella stazione ferroviaria di Lucca, hanno sorpreso il giovane mentre si avvicinava ad un altro soggetto noto consumatore di sostanze stupefacenti con fare sospetto


martedì, 21 settembre 2021, 13:26

Aci Lucca aderisce a campagna su sicurezza in strada anche con i nuovi veicoli elettrici

Mobilità elettrica e nuovi mezzi di trasporto: come convivere sulla strada? La risposta arriva dalla nuova campagna per la sicurezza stradale #RoadHasEvolved ("la strada si è e-voluta") lanciata da FIA Region I e già accolta sia dall'ACI nazionale che da Aci Lucca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px