Anno XI

mercoledì, 21 aprile 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Si getta nel Serchio dal Ponte del Diavolo: trovato senza vita dai vigili del fuoco

lunedì, 5 aprile 2021, 22:01

di aldo grandi

Fino all'ultimo hanno coltivato la speranza di poterlo ritrovare in vita. Purtroppo, dopo quasi tre ore di ricerche nel Serchio, è spuntato il cadavere di Mario Mazzei, 33 anni, di Lucca, gettatosi dal Ponte del Diavolo poco dopo le 21.

E' il tragico epilogo di una vicenda che era partita da una telefonata, arrivata in serata al centralino del 112, che segnalava un ragazzo che, raggiunta la sommità del Ponte della Maddalena, era salito sul parapetto e si era gettato nel fiume.

E' stata la fidanzata, che era con lui, a vederlo gettarsi in acqua e a lanciare l'allarme. Infatti, i due erano arrivati al Ponte del Diavolo con l'auto, dopodiché il giovane avrebbe consegnato cellulare e portafoglio alla ragazza e sarebbe corso verso la cima del ponte. La compagna ha provato a inseguirlo per farlo desistere, ma non c'è stato niente da fare.

Sul posto si sono precipitati i vigili del fuoco della caserma di via Barbantini a Lucca e i carabinieri della stazione di Borgo a Mozzano, oltre ad un'ambulanza della Misericordia. I pompieri hanno scandagliato la zona dove si è tuffato il ragazzo con l'ausilio di un canotto.

Secondo una prima, sommaria, ricostruzione dei fatti, il giovane, che lavora a Borgo a Mozzano, negli ultimi tempi era profondamente turbato a causa dei problemi di salute del padre.

Le ricerche hanno trovato difficoltà, sia a causa del buio che del fondale del fiume troppo scuro, per questo è arrivata nuova attrezzatura e gruppo elettrogeno con potenti luci per illuminare la zona. Sul posto anche il soccorso subacqueo acquatico di Firenze dei vigili del fuoco, con tanto di robot subacqueo da calare in acqua. 

Presente pure il consigliere comunale della Lega di Borgo a Mozzano, Yamila Bertieri, la quale ha effettuato un collegamento telefonico con enti e associazioni al fine di trovare volontari che potessero aiutare nelle ricerche i vigili del fuoco.

Mentre i vigili stavano scandagliando i fondali sotto le arcate del ponte, i volontari della Misericordia di Borgo a Mozzano, accorsi sul posto, si sono messi a disposizione del capo squadra dei vigili del fuoco che ha suggerito di camminare lungo le rive del fiume in direzione della diga. Un gruppo di volontari si è recato in località "venezia", lato strada Lodovica, dove c'è un accesso al fiume ed alla ferrovia, che costeggia il fiume. Dalla ferrovia, poco dopo, una giovane volontaria della Misericordia ha notato il corpo del giovane, impigliato nei resti della struttura muraria di un canale che, anticamente, convogliava l'acqua, lungo il fiume stesso, fino all'abitato di Borgo a Mozzano. Il corpo del giovane 33enne, ben visibile, era in un fondale di circa un metro di profondità. I volontari della Misericordia hanno segnalato immediatamente il ritrovamento ai carabinieri, comandati dal maresciallo Matuozzo e ai vigili del fuoco, che hanno provveduto ad inviare un canotto e ad effettuare il recupero.


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

auditerigi

lamm

il casone

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 21 aprile 2021, 00:42

Offende e picchia la moglie anche davanti ai figli: arrestato cingalese. E la chiamano integrazione

Nella tarda serata di lunedì, gli agenti della Squadra Volanti della questura hanno sottoposto agli arresti domiciliari uno srilankese di 42 anni colpevole di maltrattamenti in famiglia ai danni della moglie connazionale di 34 anni e dei tre figli minori di 9,7 e 6 anni


mercoledì, 21 aprile 2021, 00:42

Claudio Vita muore inseguendo il ladro che gli aveva portato via qualcosa dal locale

Adesso si comincia a comprendere che cosa può essere accaduto ieri notte nel tratto ferroviario tra Montignoso e Massa dove, nella scarpata che fiancheggia i binari, è stato ritrovato da un macchinista il cadavere di Claudio Vita, 31 anni, imprenditore e titolare del Vintage Cafè Cinquale


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 20 aprile 2021, 18:18

Delitto Raluka Serban, una pista concreta dai tabulati del cellulare

Chi era, veramente, Raluca Elena Serban, la splendida ragazza di 31 anni uccisa con una coltellata alla gola ad Aosta sabato scorso? Intanto la polizia sarebbe sulle tracce di un possibile indagato


lunedì, 19 aprile 2021, 21:12

Trovato il cadavere di un ristoratore lungo i binari: è Claudio Vita, titolare del Vintage Cafè Cinquale

Il cadavere di un uomo è stato trovato questa mattina lungo i binari ferroviari nei pressi della stazione di Montignoso. La vittima si chiama Claudio Vita, aveva 31 anni ed era il titolare del Vintage Cafè Cinquale


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 19 aprile 2021, 17:45

Altra incursione a Maggiano. Il direttore del dipartimento tecnico Ceragioli: “In genere sono bravate, ma molto rischiose”

Altri otto minorenni sono stati fermati nel fine settimana all’interno dell’ex ospedale psichiatrico di Maggiano. Sono stati individuati grazie al sistema di videosorveglianza installato da tempo dall’Azienda sanitaria nella struttura e sono stati fermati da agenti della polizia


lunedì, 19 aprile 2021, 13:26

Uccisa con una coltellata ad Aosta, la sorella disperata scoppia in lacrime: "Era tutto per me"

Raluca Elena Serban aveva 31 anni e, per diversi anni, era stata a Lucca insieme alla madre Mariana e alla sorella Alecsandra. L'hanno trovata morta l'altra sera nella sua casa ad Aosta uccisa con una coltellata alla gola


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px