Anno XI

giovedì, 23 settembre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

A causa della pandemia gli adolescenti sempre più a rischio dipendenza Internet

martedì, 18 maggio 2021, 14:17

La dipendenza da Internet, nota anche come Internet Addiction Disorder (IAD), viene definita nel 1995 grazie allo psichiatra Ivan Golberg e fa parte di una nuova forma di dipendenze che consistono nell'uso smodato della tecnologia, nello specifico di Internet, che compromettono fortemente la vita delle persone.

Già le statistiche ci dicono che il 59% della popolazione mondiale (4,57 miliardi) è un utente attivo di internet.
La dipendenza, sia da sostanze che comportamentale, consiste nel trascorrere la maggior parte del tempo, con conseguente dispendio energetico, nella ricerca o nell'utilizzo dell'oggetto tossico, andando ad influire negativamente sulla propria area personale, sociale e lavorativa. Anche nella dipendenza da internet si possono sviluppare dinamiche simili alle dipendenze da sostanze, con comparsa di fenomeni come tolleranza, craving ed assuefazione.

Esistono diverse forme di IAD ed ognuna di queste ha un focus differente:

• Dipendenza cibersessuale: utilizzo esagerato di materiale pornografico online o di chat per soli adulti;
• Dipendenza ciber-relazionale: caratterizzata da eccessivo coinvolgimento in relazioni online;
• Uso compulsivo di internet: gioco d'azzardo online patologico, shopping compulsivo online, scommesse online, ecc.;
• Sovraccarico cognitivo: ricercare compulsivamente informazioni sul web;
• Dipendenza da videogiochi: giocare online incontrando persone nella realtà virtuale con una falsa identità e relativa astinenza quando non si é online.

Durante la pandemia, causata dal COVID-19, l'utilizzo del pc o dello smartphone è aumentato notevolmente ed il motivo principale è stato lo spostamento del lavoro/studio all'interno della "casa dolce casa", la quale, da una parte è una protezione rispetto al virus e dall'altra una prigione dove c'è il rischio di diventare schiavi di tutto ciò che è a portata di un "click".

Gianni Lanaripsicoterapeuta responsabile del Pronto Soccorso Psicologico "Roma Est", sostiene che "il fenomeno riguardi in maniera particolare gli adolescenti. Se da un lato la rete potrebbe essere considerata un'ancora di salvezza in un momento di isolamento sociale forzato, dall'altro lato il rischio potrebbe consistere nel "disconnettersi" sempre di più dalla vita reale".

"Gli adolescenti subiscono direttamente o indirettamente le conseguenze della reclusione forzata, ed oltre al distacco fisico, dal proprio gruppo di pari subiscono soprattutto quello psicologico ed emotivo. L'adolescenza è un periodo di grandi cambiamenti dove il tono dell'umore tende a fluttuare tra alti e bassi e la ricorrenza ad una gratificazione immediata è di certo più rapida di un percorso di conoscenza interiore", continua il Dr. Lanari.

"È più semplice di quanto si possa credere ritrovarsi giorno dopo giorno a mettere in atto lo stesso comportamento, che da una tantum si trasforma in un più volte al giorno con una facilità estrema", spiega Giorgia Comandini, psicologa clinica e psicoterapeuta in formazione.

"Sfortunatamente non è sempre possibile prevenire, ma si può intervenire, con l'aiuto di un professionista, per cambiare le cose. Attraverso il sostegno psicologico, il paziente diventa maggiormente consapevole dei propri pensieri, delle emozioni e dei comportamenti e con la giusta dose di motivazione può essere in grado di modificare le abitudini disadattive che lo portano a cercare consolazione nell'utilizzo sbagliato del Web", continua la D.ssa Comandini.

Per far fronte a queste problematiche il Pronto Soccorso Psicologico "Roma Est" ha istituito un servizio di aiuto psicologico in 22 lingue, per aiutare adolescenti ed adulti ad uscire dalla dipendenza di internet.

I 310 psicologi della rete del pronto soccorso sono presenti in tutte le regioni italiane e in 20 paesi esteri, come Regno Unito, Hong Kong, Messico, Russia, Argentina, Grecia, Kenya, Ghana, Brasile, Portogallo, Serbia, Romania, Bulgaria, Egitto, Giordania, Pakistan, Azerbaijan, India, Spagna, Svizzera.

Per contattare il Pronto Soccorso Psicologico "Roma Est" basta telefonare ai numeri +39 06 227 96 355 / +39 345 627 6162 o andare sul sito internet www.pronto-soccorso-psicologico-roma.it.


Questo articolo è stato letto volte.


francigena

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

lamm

il casone

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 22 settembre 2021, 18:17

Furti in centro storico, denunciata 50enne

Lei, 50enne di Montecatini con precedenti specifici, in poco meno di tre ore ha colpito almeno quattro volte. In alcuni negozi si era addirittura camuffata con una parrucca bionda


mercoledì, 22 settembre 2021, 16:40

Intitolata gradinata del Porta Elisa al calciatore Danilo Michelini

Danilo Michelini, calciatore nato nel 1917 all’Arancio, si era fatto notare giovanissimo mentre giocava sugli spalti delle Mura dalla prima squadra della lucchese ed ha esordito in serie B a soli 16 anni e mezzo


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 22 settembre 2021, 16:32

'Lucca Tattoo Expo', conto alla rovescia per l'ottava edizione

Lucca Tattoo Expo, la kermesse dedicata all'arte del tatuaggio, si terrà al Polo Fiere dal 24 al 26 settembre. Saranno 100 gli artisti tatuatori che parteciperanno all'evento provenienti da numerose città italiane e da numerose località estere come: Svizzera, Francia e Spagna


mercoledì, 22 settembre 2021, 16:26

Il canale Benassai sarà coperto interamente: c'è l'accordo con la Soprintendenza

È giunta a conclusione la vicenda della ricostruzione della copertura del canale Benassai che corre sotto la pista ciclabile del viale San Concordio, dove, nei mesi scorsi, si era verificato un cedimento


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 22 settembre 2021, 14:41

Arrestato tunisino per spaccio

L’indagine ha avuto inizio il 7 aprile, quando i militari, impegnati in un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nella stazione ferroviaria di Lucca, hanno sorpreso il giovane mentre si avvicinava ad un altro soggetto noto consumatore di sostanze stupefacenti con fare sospetto


martedì, 21 settembre 2021, 13:26

Aci Lucca aderisce a campagna su sicurezza in strada anche con i nuovi veicoli elettrici

Mobilità elettrica e nuovi mezzi di trasporto: come convivere sulla strada? La risposta arriva dalla nuova campagna per la sicurezza stradale #RoadHasEvolved ("la strada si è e-voluta") lanciata da FIA Region I e già accolta sia dall'ACI nazionale che da Aci Lucca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px