Anno XI

venerdì, 14 maggio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca : la lanterna

Il vicepresidente della Fondazione Versiliana Pellati: "Io sto con Colombini e con chi era su quella piazza"

martedì, 4 maggio 2021, 21:39

di francesco pellati

Francesco Pellati, vicepresidente della fondazione Versiliana, interviene  con grande intelligenza e senza fare sconti sulla polemica Colombini-Covid-25 aprile e lo fa in maniera devastante per l'intelligenza e la capacità di analisi che applica ad una realtà lontana, per fortuna, anni luce dalla becera ignoranza dei giornalisti dagli occhi foderati di prosciutto:

Caro direttore,

Non conosco Andrea Colombini se non del tutto indirettamente, attraverso quello che ha realizzato in tanti anni di felice attività artistica: mi configuro che, come tutti gli artisti, abbia un carattere esuberante e creativo.

A me pare che il 25 aprile scorso abbia messo i piedi nella trappola della perenne campagna ideologica condotta dal PD e dai sinistri cespugli che lo circondano.

La campagna ha ripreso vigore sostenuta dal neo segretario P.D. Enrico Letta che l’ha estratta dal cassetto in cui Zingaretti l’aveva, pur solo in parte, socchiusa. La spocchia dei primi della classe, tali definiti da Enrico Berlinguer con canonizzazione a mezzo comizio, con Letta è ricominciata a rilucere.

Figuriamoci poi il 25 aprile, data di cui l’ANPI si è impadronita da tempo e guai a toccargliela o anche solo a cercare di condividerla: non deve essere la festa della Repubblica, deve restare la festa dei partigiani comunisti.

Invece il 25 aprile è davvero una bella data perché ci ha liberato dal fascismo senza però consegnarci all’altro orrore secolare, il comunismo. L’abbiamo scampata bella, caro amico e l’abbiamo scampata nonostante l’ANPI e il PCI.

Se ho ben compreso il 25 aprile scorso Colombini ha deposto la bacchetta di direttore e ha promosso o anche solo suggerito un incontro in luogo pubblico a chi voleva esprimere il dissenso alle politiche restrittive del governo, senza bandiere rosse, senza Bella Ciao, senza il comizio di prammatica. Si è impadronito di una piazza violando il diritto di monopolio che la sinistra si è concessa da decenni.

Tralascio l’aspetto normativo: forse ha violato norme vigenti. La giustizia “farà il suo corso”, certamente lasciando fuori dalle sacre stanze ogni aspetto politico. Anche se le ultime vicende giudiziarie, fra il “caso“ Palamara e quello Amara, stanno mettendo a nudo il “sistema” della magistratura di sinistra. Ma per fortuna la Magistratura dispone della maggioranza di giudici che fanno il loro mestiere con competenza ed equità. Auguro a Colombini che la sua modesta vicenda giudiziaria resti fuori dai giochi torbidi del “Sistema”.

Invece spendo due parole sull’aspetto economico/socio/politico presente anche nella manifestazione ispirata da Colombini.

Si può dire che il centro sinistra (di cui fa ormai parte il M5S) è in perenne campagna elettorale difendendo gli interessi di quello che ritiene il suo elettorato prevalente: i dipendenti pubblici, i pensionati, i titolari del reddito di cittadinanza, i lavoratori protetti delle grandi aziende, che a fine mese ricevono il puntuale pagamento della busta paga. In una parola i titolari di reddito fisso che nel 2020 hanno risparmiato 185.000 milioni e li hanno depositati in banca (report Banca d’Italia).

A sua volta il centrodestra difende gli interessi del suo prevalente elettorato: tutti i soggetti che svolgono lavori autonomi e non protetti che da oltre un anno, a fine mese nulla ricevono se non producono ricavi. Bada bene: si tratta nella stragrande maggioranza di “borghesi”, i nemici storici del proletariato.

Trovo umoristico sentire le sinistre accusare il centrodestra di cavalcare le difficoltà a fini elettorali, mentre loro nulla cavalcherebbero.

La manifestazione che Colombini ha indotto (non indetto) il 25 aprile è stata una occasione per rappresentare il disagio, per non dire la disperazione, di quei concittadini lucchesi che hanno dietro di sé un anno a reddito zero e davanti una concreta prospettiva di miseria, altro che risparmi!

Io sto con Colombini e con chi era su quella piazza, molto più autentica di quelle celebrative con i comizi e i concertoni. Fra cui quello di Fedez che l’ha usato per togliersi qualche soddisfazione con i compagni di RAI 3 (la famosa Telekabul) e magari dare un’occhiata a come si sta in politica: morto (politicamente) un comico arriva un rapper a dare una mano ad una sinistra di VIP, attori, cantanti, intellettuali: di tutto, tranne che di gente che tira la carretta giorno per giorno.


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

lamm

il casone

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 14 maggio 2021, 18:12

I lavoratori del gioco legale si mobilitano: “Fateci riaprire in sicurezza”

In occasione della giornata di mobilitazione nazionale dei lavoratori del settore del gioco legale indetta da Filcams Cgil, Fisascat CISL e UILtucs, si è svolta un’assemblea regionale, alla quale hanno partecipato tanti lavoratori che ormai da quasi un anno non lavorano o lavorano pochissimo, continuando ad utilizzare gli ammortizzatori sociali...


venerdì, 14 maggio 2021, 12:14

Successo per le pulizie di primavera

Grande successo per le pulizie di primavera, iniziativa gratuita organizzata dal comune di Lucca e Sistema Ambiente per agevolare i cittadini nello smaltimento dei rifiuti ingombranti


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 14 maggio 2021, 11:43

"Disegna la tua strada sicura": Aci in campo per l'educazione stradale

Fare educazione stradale, anche a distanza: è quello che sta facendo AC Lucca, che ha deciso di non fermare la propria attività di incontro e confronto con gli studenti lucchesi per coinvolgerli in percorsi di sensibilizzazione e informazione sull'importanza di rispettare le regole in strada


giovedì, 13 maggio 2021, 18:31

Lavoratori e disoccupati: "Servono sicurezza, soldi e lavoro. Non il coprifuoco"

Questo il monito dei lavoratori e disoccupati di Lucca e provincia, che in una nota mandano un messaggio forte e chiaro: aprire definitivamente e intervenire radicalmente sulle condizioni economiche, sociali e sanitarie, in modo da non essere ancora costretti a chiusure o rischi


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 13 maggio 2021, 16:35

Arena della musica, l'ordine degli architetti per un concorso di progettazione

L’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Lucca da tempo cerca di porre all'attenzione delle amministrazioni l’importanza dei processi di qualità per la programmazione e gestione delle trasformazioni della città


giovedì, 13 maggio 2021, 15:02

Villa Basilica: 400 mila euro dalla Regione per la messa in sicurezza della strada Boveglio-Pizzorne

Ammonta a 400 mila euro la cifra che la Regione Toscana, attraverso il fondo “Sviluppo e coesione”, ha stanziato a favore del comune di Villa Basilica per la messa in sicurezza della strada Boveglio-Pizzorne


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px