Anno XI

domenica, 5 dicembre 2021 - Giornale non vaccinato

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Lucca, 100 chiese e neanche un... gattile

martedì, 5 ottobre 2021, 19:01

di veronica dati

Cosa può far desistere una città come Lucca dall’avere un gattile? In fondo sarebbe uno status quo che gli permetterebbe una nomea migliore di quella che già ha ma, a quanto pare, chi ha il potere nelle proprie mani non la pensa allo stesso modo.

Lucca necessita di un gattile che si prenda cura dei felini randagi, abbandonati o incidentati che, se non fosse per l’umanità e la dedizione di alcuni privati, verrebbero lasciati morire lungo il ciglio delle strade di un Paese più che civilizzato.

Sabrina Gremoletti, commessa di professione, si trova costretta, ogni mese, ad utilizzare il suo intero stipendio per lo stallo e le cure di felini abbandonati o maltrattati. La domanda da porsi è semplice: come può un singolo cittadino sacrificare la propria vita per salvarne altre? Beh, fortunatamente ci sono ancora persone, di cuore, che pensano prima a chi ha realmente una necessità di sopravvivenza mettendo, in secondo piano, la propria.

"Lucca è una città che necessita urgentemente di un gattile, non è affatto giusto che i singoli cittadini si debbano prendere in carico situazioni del genere - dichiara Sabrina - io non appartengo a nessuna associazione, semplicemente mi definisco una gattara che si ritrova, con altre persone, a dover pagare ogni singolo bisogno di questi felini. Si parte dallo stallo che, se riusciamo a trovarlo a pagamento, manteniamo grazie ai nostri risparmi, mentre, in caso contrario, siamo costretti a prendere questi poveri animali nelle nostre stesse case. Le spese veterinarie non sono da meno, il loro mantenimento aggiungendo tutti i controlli dei quali, molti gatti, hanno bisogno. Lo scorso aprile - prosegue Sabrina - ho recuperato un gatto malandato sul ciglio della strada e, fino ad ora, ho speso 1200 euro, praticamente il mio intero stipendio, per farlo curare. Come possono accadere situazioni simili in una città come Lucca? Il comune deve agire, il più velocemente possibile’’.

Silvia Ghelarducci, avvocato di professione ma gattara nell’anima, ‘denuncia’ la situazione, ormai diventata ingestibile, di questi poveri animali: "Finalmente, dopo anni, due consiglieri della città di Lucca, Fabio Barsanti e Massimiliano Bindocci, si stanno muovendo per poter portare le loro proposte in consiglio comunale e tentare, quanto meno, in questa impresa della quale si parla da anni ma che nessuno, per il momento, è riuscito a raggiungere. Il gattile è una struttura fondamentale proprio come lo è per i cani’’.

Massimiliano Bindocci, consigliere comunale della città di Lucca, si sta muovendo, tramite sopralluoghi, richieste e proposte per convocare una riunione incentrata a risolvere questa situazione di disagio, sia per le volontarie che per i gatti stessi, poco considerati, a quanto pare, nella provincia toscana.

"Ritengo che il rispetto nella vita vada portato anche e soprattutto verso chi ha minor possibilità di tutelarsi - esordisce Bindocci - e mi dispiace che solo il sottoscritto, insieme all’altro consigliere, Fabio Barsanti, ci stiamo muovendo per risolvere questa situazione. La mia richiesta è già stata presentata in commissione e l’obiettivo è di cambiare, drasticamente, il modo in cui i gatti sono tenuti a Lucca e richiedere che il comune finanzi e sostenga chi, nella città, si occupa di far sterilizzare e di curare questi poveri animali indifesi. I gatti sono della via ma quando si tratta di spendere, improvvisamente, non sono più di nessuno. Le regole devono cambiare’’.


Questo articolo è stato letto volte.


francigena

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

lamm

il casone

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 5 dicembre 2021, 09:08

"Carabinieri? Ormai siamo produttori di statistiche invece di dedicarci alla sicurezza della comunità"

Da polizia di prossimità, da sistema di prevenzione e repressione dei reati, al totale servizio della propaganda numerica. Quando il Comgen spiegherà ai colleghi che non vorranno vaccinarsi quale fine faranno?


sabato, 4 dicembre 2021, 17:27

Torino fa la storia del dissenso

Oggi avremo nella piazza storica del dissenso torinese Piazza Castello a partire dalle 16 la più alta concentrazione di gruppi accomunati da un obbiettivo comune: Abbattere le incongruenze incostituzionali attualmente in atto


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 4 dicembre 2021, 16:11

Successo per il convegno “Sconnessi in Salute”

Un bellissimo incontro quello di oggi ospitato nella prestigiosa cornice della Sala Convegni Vincenzo da Massa Carrara all’Auditorium San Micheletto di Lucca


sabato, 4 dicembre 2021, 16:00

Piano operativo, prorogata di una settimana la mostra nel foyer del Teatro del Giglio

Le tavole del piano operativo adottato dal comune di Lucca il 26 ottobre rimarranno in mostra nel foyer del teatro del Giglio fino a sabato 11 dicembre


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 4 dicembre 2021, 15:05

Scuola Consapevole Toscana: "Super green pass è un abominevole ricatto"

Quando ad essere violati sono i diritti fondamentali dell'uomo e i valori della nostra Costituzione è necessario un intervento. Queste sono le chiare premesse che animano le affermazioni e le battaglie del Comitato Scuola Consapevole Toscana che nel suo comunicato attacca le ultime misure contro la pandemia applicate dal governo...


sabato, 4 dicembre 2021, 14:58

Luccasenzabarriere: il presidente Domenico Passalacqua ringrazia il comune

Il presidente dell'associazione Luccasenzabarriere, Domenico Passalacqua, ringrazia il comune di Lucca per il sostegno e il contributo dato per la promozione della Senzabarriere.app


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px