Anno 7°

lunedì, 26 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cultura e spettacolo : Speciale "I Teatri del Sacro 2013"

Nelle storie di Rilke, l’essenza è la domanda

giovedì, 13 giugno 2013, 16:18

di davide barsotti

Nel terzo giorno della rassegna I Teatri del Sacro, presso il Complesso di San Micheletto, va in scena lo spettacolo Le storie del buon Dio, tratto da Rainer Maria Rilke per la regia di Amandio Pinheiro. Le varie narrazioni evocate nel titolo hanno una comune morale: interrogarsi e domandare. Un tavolo con due persone, un uomo, una donna e il telefono che suona incessantemente all’interno del fantomatico Ufficio per le Domande Irrisolte: ed è un continuo squillare, un drin drin ripetitivo, perché le domande si generano a causa della natura della mente umana e l’ufficio è destinato a un lavoro interminabile. Le parole, i costumi e gli oggetti di scena danno l’idea di un tempo indefinito, fiabesco, nota che contraddistingue, in effetti, tutto lo spettacolo. I due protagonisti riportano storie che vengono narrate ai grandi (non sono, infatti, i bambini i destinatari delle fiabe di Rilke), per risolvere le domande dei bambini su Dio. I racconti sono tratti dall’omonimo testo del poeta tedesco che si presta a diventare il grande libro delle risposte consultato da Klara (Laura Nardi) e Georg (Danilo Nigrelli). I quesiti non sono mai filosofici o dogmatici: sono semplici domande fatte da bambini che vengono poste all’ufficio tramite il telefono; ma solo gli adulti possono conoscerne le risposte attraverso le storie, in modo da raccontarle e formare una catena che le trasmetta di generazione in generazione. Ogni novella racconta e illustra, in modo originale e sorprendente, certe caratteristiche di Dio: le varie conclusioni di questi racconti contengono il perché di certe qualità o relazioni con la divinità, ma non sono mai convincenti e gli stessi attori rimarcano questo aspetto dicendo “… è finita così?” “… E poi?”. 

Il vuoto finale comune a ogni storia  comunica, in accordo con lo spettacolo, che non tutto si conosce o è conoscibile: talvolta, è importate il vuoto, il fare spazio all’ascolto e alla fantasia, quel vuoto che viene riempito grazie all’immaginazione suggestionata dai racconti, a dimostrare che l’ importante è saper porre la questione, interrogare e interrogarsi. È la domanda su Dio, non la risposta, a rendere speciale l’uomo in quanto essere che sempre ha coltivato il dubbio su di sé e sull’idea dell’essere supremo. In conclusione, è importate il confronto di qualsiasi genere, anche se fatto attraverso le domande di un bambino. Ogni storia interessava lo spettatore  sia perché suggestiva per l’immaginazione sia perché gli attori usano oggetti, figure, ogni tipo di stratagemma teatrale, rendendo una narrazione scenica chiara e dinamica.

 

Associazione Culturale Causa

Storie del buon Dio

Liberamete ispirato a Storie del buon Dio di Rainer Maria Rilke

Drammaturgia Laura Nardi

Collaborazione per la drammaturgia Alessandro Hellmann

Con Danilo Nigrelli e Laura Nardi

Regia Amandio Pinheiro

Scene Laura Cortini

Luci Marco Maione

 


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

celsius

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone


Altri articoli in Cultura e spettacolo


sabato, 24 ottobre 2020, 11:34

Covid, rimandato il concerto inaugurale del "Boccherini"

Avrebbe dovuto tenersi in una sede eccezionale, con protagonisti l'orchestra del conservatorio e la musica di Antonín Dvořák, ma ancora una volta la pandemia causata dal coronavirus ha fatto saltare i piani dell'Istituto superiore di studi musicali "L.


venerdì, 23 ottobre 2020, 19:01

L’avventura dell’arte nuova anni '60-'80 Cioni Carpi e Gianni Melotti

La Fondazione Ragghianti propone due mostre contemporanee che intendono indagare il periodo di grande fermento nell’arte italiana degli anni Sessanta, Settanta e Ottanta del Novecento, riscoprendo le figure di Cioni Carpi e Gianni Melotti, artisti poliedrici molto attivi rispettivamente a Milano e a Firenze


prenota_spazio


venerdì, 23 ottobre 2020, 16:23

Al Teatro del Giglio va in scena Lucrezia forever!

Al Teatro del Giglio va in scena Lucrezia forever! nuovo progetto di Graphic Novel Theater, co-produzione Teatro del Giglio e Lucca Crea nell'ambito del programma di Lucca Comics & Games edizione ChanGes


venerdì, 23 ottobre 2020, 11:30

Riprendono le visite all'ex ospedale psichiatrico di Maggiano

Nel rispetto delle norme anti covid, riprendono con cadenza mensile le visite dell'ex Ospedale Psichiatrico di Maggiano. La prima è in programma sabato 31 ottobre


venerdì, 23 ottobre 2020, 11:29

Il Puccini Museum celebra il 25 ottobre il World Opera Day

Il Puccini Museum ha aderito alla seconda edizione del World Opera Day 2020, l'iniziativa promossa da Opera Europa – l'associazione che riunisce oltre 200 teatri e festival di 43 paesi – insieme a Opera America e Ópera Latinoamérica con l'obiettivo di celebrare in tutto il mondo l'Opera lirica


giovedì, 22 ottobre 2020, 15:38

Alla libreria Ubik l'artista Maria Guida consegna le stampe acquistate dai lucchesi

Questa mattina presso la libreria Ubik di via Fillungo sono state consegnate le stampe dell'artista Maria Guida ai cittadini lucchesi che hanno acquistato le opere della pittrice il cui ricavato è andato a favore dell'azienda Asl Toscana Nord Ovest


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px