Anno 7°

lunedì, 26 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cultura e spettacolo

Poesia e vite spezzate

venerdì, 14 giugno 2013, 15:46

Siamo arrivati esattamente alla metà del festival I teatri del sacro con cui Lucca diventa, per una settimana (dal 10 al 16 giugno), capitale del teatro e dello spirito, pronta ad accogliere con calore compagnie teatrali di prim’ordine da tutta Italia. Anche il giovedì, come ormai è consuetudine, si apre al Teatro San Girolamo, con un appuntamento molto atteso: Un po’ d’eternità, dell’Associazione Culturale Celesterosa. Silvio Castiglioni veste i panni di Osip Mandel'štam, poeta russo perseguitato dalla dittatura staliniana negli anni Trenta, a causa dal suo progressivo distanziamento dal regime. La vera protagonista, però, è la moglie Nadežda (Silvia Pasello): mentre il marito racconta dei suoi viaggi –specie quello in Armenia– e del suo lavoro, la donna ci mostra soprattutto la sofferenza di quelle vite spezzate dalla condanna al confino.

La regia di Giovanni Guerrieri non prevede mai un dialogo diretto tra i due, piuttosto si tratta di due monologhi in successione e decisamente distinti: il poeta parla per circa un quarto d’ora, in assenza della moglie, con una luce arancione molto calda e avvolgente calata dall’alto, creando ombre e riflessi sul volto dell’attore –di cui alcune parti sono ricoperte di foglia-oro. È circondato da valigie e bauli, che sembrano sovrastarlo: si muove a fatica, non riesce a spostarle, finché, a un certo punto, tutto crolla, lui e i bagagli, ed è qui che entra in scena la moglie, aprendo la parete di sfondo. Nadežda abbassa il lampadario arancione e l’illuminazione cambia, diventa più chiara e, allo stesso tempo, chiarificante, perché non lascia ombre. Anche la recitazione è molto diversa: più coinvolgente, a partire dal fatto che l’attrice, a differenza di Castiglioni, non usa il microfono. Mentre parla, maneggia alcune valigie, che, nel gioco teatrale, diventano lapidi; il marito è ancora in scena, perso dietro  bagagli, sdraiato e silente, mentre la moglie gli toglie affettuosamente scarpe e calzini.

Uno spettacolo delicato, che ci dimostra cosa significa la Storia quando si scontra con le vite quotidiane, gli amori e le creazioni artistiche, continuamente ostacolati da un regime totalitario che fa di tutto per cancellare i versi del suo maggior poeta, tanto che l’unico mezzo per conservarli è stamparli nella memoria di Nadežda, compromettendone, però, la fama e la diffusione presso i propri contemporanei che, infatti, considerano Mandel'štam alla stregua di uno sconosciuto. C’è qualche debolezza, specie nell’eccessiva prevalenza discorsiva che, complice l’assoluta mancanza di azioni, induce spesso lo spettatore a distrarsi, smarrendo il filo della narrazione con il rischio di perdere il senso della messinscena. Difetti perdonabili in una prima rappresentazione, per uno spettacolo che si pone un obiettivo alto, purché possano risolversi col trascorrere delle repliche e il confronto con i “testimoni”, cioè il pubblico.

Andrea Balestri

 

Celesterosa Associazione Culturale

Un po’ d’eternità, per Osip e Nadežda Mandel'štam

drammaturgia Andrea Nanni

con Silvia Pasello, Silvio Castiglioni

luci Federico Polacci

scene Georgia Galanti e Giulia Gallo

regia Giovanni Guerrieri


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

celsius

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone


Altri articoli in Cultura e spettacolo


sabato, 24 ottobre 2020, 11:34

Covid, rimandato il concerto inaugurale del "Boccherini"

Avrebbe dovuto tenersi in una sede eccezionale, con protagonisti l'orchestra del conservatorio e la musica di Antonín Dvořák, ma ancora una volta la pandemia causata dal coronavirus ha fatto saltare i piani dell'Istituto superiore di studi musicali "L.


venerdì, 23 ottobre 2020, 19:01

L’avventura dell’arte nuova anni '60-'80 Cioni Carpi e Gianni Melotti

La Fondazione Ragghianti propone due mostre contemporanee che intendono indagare il periodo di grande fermento nell’arte italiana degli anni Sessanta, Settanta e Ottanta del Novecento, riscoprendo le figure di Cioni Carpi e Gianni Melotti, artisti poliedrici molto attivi rispettivamente a Milano e a Firenze


prenota_spazio


venerdì, 23 ottobre 2020, 16:23

Al Teatro del Giglio va in scena Lucrezia forever!

Al Teatro del Giglio va in scena Lucrezia forever! nuovo progetto di Graphic Novel Theater, co-produzione Teatro del Giglio e Lucca Crea nell'ambito del programma di Lucca Comics & Games edizione ChanGes


venerdì, 23 ottobre 2020, 11:30

Riprendono le visite all'ex ospedale psichiatrico di Maggiano

Nel rispetto delle norme anti covid, riprendono con cadenza mensile le visite dell'ex Ospedale Psichiatrico di Maggiano. La prima è in programma sabato 31 ottobre


venerdì, 23 ottobre 2020, 11:29

Il Puccini Museum celebra il 25 ottobre il World Opera Day

Il Puccini Museum ha aderito alla seconda edizione del World Opera Day 2020, l'iniziativa promossa da Opera Europa – l'associazione che riunisce oltre 200 teatri e festival di 43 paesi – insieme a Opera America e Ópera Latinoamérica con l'obiettivo di celebrare in tutto il mondo l'Opera lirica


giovedì, 22 ottobre 2020, 15:38

Alla libreria Ubik l'artista Maria Guida consegna le stampe acquistate dai lucchesi

Questa mattina presso la libreria Ubik di via Fillungo sono state consegnate le stampe dell'artista Maria Guida ai cittadini lucchesi che hanno acquistato le opere della pittrice il cui ricavato è andato a favore dell'azienda Asl Toscana Nord Ovest


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px