Anno 7°

giovedì, 20 settembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cultura e spettacolo

Muti... di fronte ad un Falstaff da applausi a scena aperta

sabato, 14 dicembre 2013, 11:22

di oriano de ranieri

Falstaff al teatro del Giglio in questi giorni è una dimostrazione che, con intelligenza, e nel rispetto degli autori, si può mettere in scena una delle opere più difficili di Verdi, il capolavoro della sua vecchiaia e l’ultimo, su libretto di Arrigo Boito ispirato da Shakespeare. Tutte voci all’altezza e fresche, con l’orchestra giovanile Luigi Cherubini. I lunghissimi applausi del pubblico hanno premiato un lavoro impeccabile. Il rapporto instaurato tra la nostra città e il Ravenna Festival ha dato, come era ovvio, i suoi frutti.

La regia di Cristina Mazzavillani Muti, moglie del maestro, è stata incisiva e snella in un’opera ricca di colpi di scena e di tanti personaggi soprattutto nel finale tra fate, spiritelli, le allegre Comari di Windsor , servi trattati male, marito geloso, tutti pronti a punire la protervia e la sfacciataggine di Falstaff. Buona l’idea delle proiezioni che fanno da scene suggestive dei luoghi verdiani: Roncole, S.Agata, Busseto. Il baritono bulgaro Kiril Manolov ha dato il meglio di sé nel vecchio che si crede un grande seduttore, ha dimostrato capacità canore e sceniche. Buona esibizione anche del baritono Francesco Landolfi nel geloso Ford che rimane gabbato anche lui, in fondo, dalla figlia Nannetta. Quest’ultima interpretata dalla giovane Damiana Mizzi è stata bravissima. Soprano di agilità dalla dizione perfetta ha notevoli capacità di attrice.

Un po’ meno all’altezza il suo spasimante Fenton che alla fine con uno strattagemma diviene suo sposo, il tenore Alessando Scotto di Luzio. Bravissime le comari  Elisa Balbo in Mrs. Alice Ford, Mrs. Quickly Isabel De Paoli, Mrs. Meg Page Anna Malavasi. Bravi, anche se in ruoli minori, il dott. Cajus di  Giorgio Trucco, i servi Bardolfo Matteo Falcier, Pistola Graziano Dallavalle, l’oste della Giarrettiera Fabrizio Petrachi, Robin paggio di Falstaff Michael D’Adamio. Buona la direzione di Nicola Paszkovski che ha guidato un’orchestra di bravi giovanissimi e ha saputo rendere bene i vari momenti dell’opera verdiana: comici, grotteschi e lirici. Ricordiamo il finale Tutto nel mondo è burla  nella saggia constatazione di Tutti gabbati! Citiamo il light design Vincent Longuemare, le cene di Ezio Antonelli, i costumi di Alessandro Lai, il visual design Davide Broccoli. Bravo anche il coro del teatro municipale di Piacenza diretto da Corrado Casati. E bravi le ballerine e i ballerini. Domani, domenica pomeriggio alle ore 16 si replica.

 

Foto Maurizio Montanari


Questo articolo è stato letto volte.


scopri la Q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


esedra


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


Altri articoli in Cultura e spettacolo


celsius


mercoledì, 19 settembre 2018, 19:18

X^ Edizione Suoni di Lucca: musica a Palazzo Pfanner

Domenica 23 settembre, alle 21, presso la Sala Concerti situata in Palazzo Pfanner, (via degli Asili, 33 - Lucca), in occasione della X^ Rassegna Musicale "Suoni di Lucca- Musica in Palazzo Pfanner", si terrà il Recital Pianistico del m° Danylo Saienko


mercoledì, 19 settembre 2018, 16:58

Un percorso formativo per approfondire i temi dell'essere genitori

Il comune di Lucca e associazioni invitano genitori e tutte le persone interessate a 16 incontri dal 21 settembre 2018 a 25 maggio 2019 in cui confrontarsi e discutere con esperti sui principali problemi che mamme e papà affrontano nell'educazione dei figli


prenota_spazio


mercoledì, 19 settembre 2018, 16:00

Cartasia-Lucca Biennale: le tende di cartone di Nicolas Bertoux a piazzale S. Donato

È possibile utilizzare il cartone riciclato per far fronte a un'emergenza abitativa dopo un terremoto, per esempio? Sì, almeno secondo Nicolas Bertoux, artista francese, versiliese d'adozione e direttore artistico della sezione outdoor di Cartasia-Lucca Biennale, che ha progettato "Pirouette" (piroetta) una tenda modulare in cartone che può essere usata nelle...


mercoledì, 19 settembre 2018, 14:41

Photolux cresce ancora: nasce il gemellaggio con il festival PhotAumnales di Beauvais

Proseguono le grandi collaborazioni internazionali per Photolux. Oggi infatti il direttore della biennale lucchese di fotografia, Enrico Stefanelli è stato ospite del prestigioso festival francese PhotAumnales che si sta svolgendo in questi giorni a Beauvois e che richiama artisti da tutta Europa


mercoledì, 19 settembre 2018, 14:18

Alla Fondazione Ragghianti il workshop “Per sogni e per chimere. Giacomo Puccini e le arti visive”

“Insieme per sogni e chimere…?” è il titolo del workshop condotto da Isabella Ghilarducci, formatrice in apprendimento cooperativo, che si terrà alla Fondazione Ragghianti sabato 22 settembre, nell’ambito della mostra “Per sogni e per chimere. Giacomo Puccini e le arti visive”


mercoledì, 19 settembre 2018, 08:44

Open day a Fuoricentro, un fine settimana per provare cose nuove

Sabato 22 e domenica 23 settembre 2018 a Fuoricentro (San Concordio, Lucca) porte aperte per l'open day con corsi per tutti, anche per i piccolissimi con le loro mamme


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px