Anno XI

sabato, 27 febbraio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cultura e spettacolo

Muti... di fronte ad un Falstaff da applausi a scena aperta

sabato, 14 dicembre 2013, 11:22

di oriano de ranieri

Falstaff al teatro del Giglio in questi giorni è una dimostrazione che, con intelligenza, e nel rispetto degli autori, si può mettere in scena una delle opere più difficili di Verdi, il capolavoro della sua vecchiaia e l’ultimo, su libretto di Arrigo Boito ispirato da Shakespeare. Tutte voci all’altezza e fresche, con l’orchestra giovanile Luigi Cherubini. I lunghissimi applausi del pubblico hanno premiato un lavoro impeccabile. Il rapporto instaurato tra la nostra città e il Ravenna Festival ha dato, come era ovvio, i suoi frutti.

La regia di Cristina Mazzavillani Muti, moglie del maestro, è stata incisiva e snella in un’opera ricca di colpi di scena e di tanti personaggi soprattutto nel finale tra fate, spiritelli, le allegre Comari di Windsor , servi trattati male, marito geloso, tutti pronti a punire la protervia e la sfacciataggine di Falstaff. Buona l’idea delle proiezioni che fanno da scene suggestive dei luoghi verdiani: Roncole, S.Agata, Busseto. Il baritono bulgaro Kiril Manolov ha dato il meglio di sé nel vecchio che si crede un grande seduttore, ha dimostrato capacità canore e sceniche. Buona esibizione anche del baritono Francesco Landolfi nel geloso Ford che rimane gabbato anche lui, in fondo, dalla figlia Nannetta. Quest’ultima interpretata dalla giovane Damiana Mizzi è stata bravissima. Soprano di agilità dalla dizione perfetta ha notevoli capacità di attrice.

Un po’ meno all’altezza il suo spasimante Fenton che alla fine con uno strattagemma diviene suo sposo, il tenore Alessando Scotto di Luzio. Bravissime le comari  Elisa Balbo in Mrs. Alice Ford, Mrs. Quickly Isabel De Paoli, Mrs. Meg Page Anna Malavasi. Bravi, anche se in ruoli minori, il dott. Cajus di  Giorgio Trucco, i servi Bardolfo Matteo Falcier, Pistola Graziano Dallavalle, l’oste della Giarrettiera Fabrizio Petrachi, Robin paggio di Falstaff Michael D’Adamio. Buona la direzione di Nicola Paszkovski che ha guidato un’orchestra di bravi giovanissimi e ha saputo rendere bene i vari momenti dell’opera verdiana: comici, grotteschi e lirici. Ricordiamo il finale Tutto nel mondo è burla  nella saggia constatazione di Tutti gabbati! Citiamo il light design Vincent Longuemare, le cene di Ezio Antonelli, i costumi di Alessandro Lai, il visual design Davide Broccoli. Bravo anche il coro del teatro municipale di Piacenza diretto da Corrado Casati. E bravi le ballerine e i ballerini. Domani, domenica pomeriggio alle ore 16 si replica.

 

Foto Maurizio Montanari


Questo articolo è stato letto volte.


auditerigi

tuscania

celsius

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone


Altri articoli in Cultura e spettacolo


sabato, 27 febbraio 2021, 08:40

Premiati gli alunni del concorso “Pensiero di Natale”

Anche quest'anno, pur nelle difficoltà dovute alla pandemia, CTT Nord ha voluto dare seguito alla manifestazione quale segnale di speranza ed attenzione al mondo della scuola e la scelta è stata veramente azzeccata


giovedì, 25 febbraio 2021, 16:25

Un nuovo libro-dossier sui misteri legati alle mogli di Paolo Guinigi

Un grande mistero avvolge la vita e la morte di Ilaria del Carretto e delle altre tre mogli del signore lucchese Paolo Guinigi, condannate dalla storia a essere solo le semplici pedine di una politica di matrimoni e di alleanze del loro tempo


prenota_spazio


mercoledì, 24 febbraio 2021, 23:59

Un giorno lo dirò al mondo di Alessandro Milan

Alessandro Milan, giornalista e storica voce di Radio24, con il suo libro "Un giorno lo dirò al mondo" (Mondadori) oggi ha dialogato con i librai di Lucca, Busto Arsizio, Como e Novara a Connssioni, l’appuntamento on line con le Librerie Ubik


martedì, 23 febbraio 2021, 15:53

Allarmi siam fascisti... In libreria 'Gli eroi di Mussolini' di Aldo Grandi

Et voilà: incurante del rischio di vedersi la vetrina presa a sassate, Gina Truglio della libreria Ubik di via Fillungo ha messo in evidenza la fatica del direttore (ir)responsabile delle Gazzette. Non ci denunceranno mica per apologia di reato?


lunedì, 22 febbraio 2021, 10:25

"Gli eroi di Mussolini" di Aldo Grandi da domani in libreria e in tutti i maggiori store on line

Le idee e gli errori di quella gioventù che, nel Ventennio, visse con un unico ideale: servire Mussolini e il regime fascista. A costo di morire. In vendita alla libreria Ubik di Gina Truglio di via Fillungo


sabato, 20 febbraio 2021, 16:03

“Le parole per non dimenticare”: premiati gli studenti più meritevoli

Oltre 200 sono stati gli studenti delle tre scuole che hanno partecipato al concorso con testi scritti, elaborati digitali, video-testimonianze e documentari


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px