Anno 7°

martedì, 31 marzo 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cultura e spettacolo

Muti... di fronte ad un Falstaff da applausi a scena aperta

sabato, 14 dicembre 2013, 11:22

di oriano de ranieri

Falstaff al teatro del Giglio in questi giorni è una dimostrazione che, con intelligenza, e nel rispetto degli autori, si può mettere in scena una delle opere più difficili di Verdi, il capolavoro della sua vecchiaia e l’ultimo, su libretto di Arrigo Boito ispirato da Shakespeare. Tutte voci all’altezza e fresche, con l’orchestra giovanile Luigi Cherubini. I lunghissimi applausi del pubblico hanno premiato un lavoro impeccabile. Il rapporto instaurato tra la nostra città e il Ravenna Festival ha dato, come era ovvio, i suoi frutti.

La regia di Cristina Mazzavillani Muti, moglie del maestro, è stata incisiva e snella in un’opera ricca di colpi di scena e di tanti personaggi soprattutto nel finale tra fate, spiritelli, le allegre Comari di Windsor , servi trattati male, marito geloso, tutti pronti a punire la protervia e la sfacciataggine di Falstaff. Buona l’idea delle proiezioni che fanno da scene suggestive dei luoghi verdiani: Roncole, S.Agata, Busseto. Il baritono bulgaro Kiril Manolov ha dato il meglio di sé nel vecchio che si crede un grande seduttore, ha dimostrato capacità canore e sceniche. Buona esibizione anche del baritono Francesco Landolfi nel geloso Ford che rimane gabbato anche lui, in fondo, dalla figlia Nannetta. Quest’ultima interpretata dalla giovane Damiana Mizzi è stata bravissima. Soprano di agilità dalla dizione perfetta ha notevoli capacità di attrice.

Un po’ meno all’altezza il suo spasimante Fenton che alla fine con uno strattagemma diviene suo sposo, il tenore Alessando Scotto di Luzio. Bravissime le comari  Elisa Balbo in Mrs. Alice Ford, Mrs. Quickly Isabel De Paoli, Mrs. Meg Page Anna Malavasi. Bravi, anche se in ruoli minori, il dott. Cajus di  Giorgio Trucco, i servi Bardolfo Matteo Falcier, Pistola Graziano Dallavalle, l’oste della Giarrettiera Fabrizio Petrachi, Robin paggio di Falstaff Michael D’Adamio. Buona la direzione di Nicola Paszkovski che ha guidato un’orchestra di bravi giovanissimi e ha saputo rendere bene i vari momenti dell’opera verdiana: comici, grotteschi e lirici. Ricordiamo il finale Tutto nel mondo è burla  nella saggia constatazione di Tutti gabbati! Citiamo il light design Vincent Longuemare, le cene di Ezio Antonelli, i costumi di Alessandro Lai, il visual design Davide Broccoli. Bravo anche il coro del teatro municipale di Piacenza diretto da Corrado Casati. E bravi le ballerine e i ballerini. Domani, domenica pomeriggio alle ore 16 si replica.

 

Foto Maurizio Montanari


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

celsius

esedra

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone


Altri articoli in Cultura e spettacolo


martedì, 31 marzo 2020, 13:43

Anche in tempo di Covid-19 la Fondazione Ragghianti non si ferma

Stiamo vivendo tempi eccezionali. Anche la biblioteca e gli uffici della Fondazione Ragghianti, a seguito del DPCM dell’11 marzo 2020, sono chiusi al pubblico


domenica, 29 marzo 2020, 17:49

Teatro del Giglio, distanti ma uniti: al via lunedì 30 marzo un nuovo palinsesto social

Il Teatro del Giglio, grazie a un'idea del suo direttore artistico Aldo Tarabella, ha messo a punto una serie di appuntamenti per tenerci virtualmente uniti, nell'attesa di ritrovarci tutti finalmente di nuovo insieme nel nostro amato teatro, fisicamente chiuso ma al contempo ancora forte, vivo e attivo


prenota_spazio


domenica, 29 marzo 2020, 16:50

Il mondo della lettura ai tempi del Covid-19

Seduti al tavolo della biblioteca e circondati da innumerevoli libri di ogni genere, i membri dell'associazione portano sempre al centro dell'attenzione le loro poesie, vecchi elaborati o racconti del proprio vissuto


sabato, 28 marzo 2020, 09:38

La DAD: docenti e discenti nella scuola in absentia

Dopo i primi giorni di frenesia in cui docenti e studenti sono stati chiamati dalla contingenza ad una nuova sfida, stimolante ma piena di nuovi problemi da risolvere


venerdì, 27 marzo 2020, 17:32

Anche gli iscritti alla biblioteca della Fondazione Ragghianti possono accedere alla biblioteca digitale

Anche la biblioteca della Fondazione Ragghianti aderisce al servizio della biblioteca digitale della Regione Toscana (MLOL) con accesso libero 24 ore su 24 e tutti i giorni della settimana. Con MediaLibraryOnLine è possibile leggere gratuitamente quotidiani, riviste, e-book da casa, ascoltare audiolibri, vedere film e frequentare corsi a distanza


mercoledì, 25 marzo 2020, 14:02

Dalla Cina con amore, il dono dello studente Liang Wu alla Scuola IMT

"Dopo l'incubo arriverà la primavera". Con questo messaggio di speranza e la spedizione di 150 mascherine, lo studente Liang Wu mostra la sua affettuosa solidarietà alla comunità accademica


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px