Anno 7°

mercoledì, 13 novembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cultura e spettacolo

Mimmo raggiante: "Williams colpito dalla bellezza di Lucca, fra due anni vuole tornare qui"

venerdì, 24 luglio 2015, 02:12

di aldo grandi

Come fai, quando appare in cima alle scale con quella sua aria trasognata, solo, il sigaro a mezze labbra, la barba ispida che ti graffia il volto, a non alzarti e ad andare ad abbracciarlo. Con affetto, di cuore, con gratitudine, perché un concerto così, emotivamente parlando, a Lucca, nei 18 anni del Summer Festival, non si era mai visto o forse sì, ma che importa?, importante è che stasera sembri proprio così, una emozione mai vista, inimitabile e inimitata. E' felice, vorrebbe gridarlo ai quattro venti, ma chi lo sentirebbe in mezzo a tutto questo casino e, poi, in fondo, che cosa gliene frega di far sapere agli altri che la gioia si può anche condividere da soli, con se stessi pur essendo in mezzo a 16 mila esseri umani che non ti conoscono, che non ti guardano, ma che, grazie a te e alla tua perseveranza, sono stati in grado di assaporare un evento come questo.

"Sono felice - esordisce D'Alessandro - Prima dell'inizio del concerto ho parlato un quarto d'ora con Robbie Williams e mi ha detto che Lucca è una delle città più belle in cui ha suonato e che fra due anni vuole tornare. Ecco, questo è il mio regalo per questa meravigliosa città. Il sindaco? Mi ha telefonato scusandosi per aver avuto un impegno, ma non è il momento di fare polemiche e anche le mie sono sempre state polemiche costruttive, questo deve essere chiaro. Stasera ci sono 16 mila persone che lasciano Lucca felici, in un momento e in un'epoca come questa, perdonatemi se sono anch'io contento di essere riuscito a regalare loro non solo un po' di felicità, ma anche un po' di Lucca che mi porto nel cuore".

E' commosso, si vede. Si avvicina alla ringhiera della tribuna Vip, giusto sopra la piazza. Osserva la folla che balla e canta seguendo Robbie Williams. Non sono mancati nemmeno i palloncini bianchi, rossi e verdi di una coreografia e di una scenografia tutte da gustare e mai invasive. Quanti anni sono passati e che anni, chi scrive ne aveva appena 20, da quando, nel settembre 1982 il giovanissimo D'Alessandro era riuscito a portare a Capannelle, a Roma, nientepopodimeno che Neil Young, un evento, un successo straordinario di cui parlarono per giorni le cronache dei quotidiani della capitale. In quel parco, seduto per terra, in compagnia degli amici di strada, moto sotto il culo e pochi soldi in tasca, c'era anche questo umile guitto che mai e poi mai avrebbe potuto immaginare, leggendo quel nome e quella sigla, D'Alessandro & Galli, che un giorno, tanti anni dopo, avrebbe abbracciato, ringraziandolo, proprio colui che lo aveva iniziato ai miti della West Coast americana.

Alle spalle di D'Alessandro, seduto, un vecchio amico, il professor Enrico Castellacci, l'uomo dal sorriso dolcissimo, amico di sangue di Mimmo Baffo. Poco distanti anche il notaio Tumbiolo e il generale Autuori, altri due Amici miei che allietano le serate invernali di una combriccola senza tempo né età. Le ultime note di My Way si perdono nella calura estiva e Mimmo D'Alessandro si bea di un successo meritato. Gli domandiamo come si può perdere un concerto così, come si può non comprendere quanto la musica, questa musica, rappresenti il miglior passaporto per cercare di trovare, tra la gente e le nazioni, un minimo comune denominatore per tentare, quantomeno, di raggiungere un'isola parzialmente felice..

Senza acrimonia verso Alessandro Tambellini, ma lei, caro sindaco, stasera doveva essere qui, seduto ad assistere a questo immenso regalo che Mimmo D'Alessandro ha fatto a questa città e, quindi, anche e soprattutto a lei che questa città dovrebbe rappresentare e che, invece, non rappresenta. Lei ha idea di che cosa voglia dire, per una città che è un buco di culo del mondo, poter ospitare, per una sera, 16 mila persone chiamate ad assistere ad una esibizione simile? Lei ha idea di quanta pubblicità gratuita e di quale ritorno abbiano beneficiato Lucca e i suoi concittadini di tutto ciò? Non le sarebbero bastati, caro Tambellini, tutti i siti Internet di questo mondo per far conoscere e promuovere la sua città allo stesso modo e con la medesima efficacia con le quali lo ha fatto questo napoletano sbarcato a Viareggio e innamorato di Lucca.

Noi, al suo posto, gli chiederemmo, umilmente e pubblicamente, scusa. Anche lei, come tutti i sindaci che l'hanno preceduta, sparirà, il Summer Festival, al contrario, resterà fino a quando D'Alessandro avrà la capacità di costruire uno spettacolo che non ha eguali in Europa. 


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini


auditerigi


brico


celsius


esedra


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


Altri articoli in Cultura e spettacolo


martedì, 12 novembre 2019, 22:27

Red Poppies

I "red poppies", o " Remembrance poppy", questo il nome inglese, sono i fiori che tutti gli abitanti del Commonwealth portano ogni 11 novembre- il Rembembrance Day- sul bavero, per ricordare i loro caduti nella Prima Guerra Mondiale


martedì, 12 novembre 2019, 18:52

Lia Piano al Real Collegio con la sua 'Planimetria di una famiglia felice'

Mercoledì 13 novembre alle ore 18.30 sarà presentato al Real Collegio di Lucca il libro di Lia Piano "Planimetria di una famiglia felice" edito da Bompiani


prenota_spazio


martedì, 12 novembre 2019, 15:07

Apre la mostra “Every Letter Is A Love Letter”

Apre il 16 novembre, alle 18, la mostra “Every Letter Is A Love Letter” (Anna Oberto | Marcela Moraga | Clarissa Falco) a cura di Alessandra Poggianti ed Elvira Vannini. Resterà aperta fino al 26 gennaio 2020 presso TERZOPIANO arte contemporanea, in Piazza dei Servi, 7 Lucca


martedì, 12 novembre 2019, 14:26

“Professione Donna”: le professioniste della lucchesia tra pregiudizi, problemi e possibili soluzioni

Tracciare un quadro delle principali criticità che interessano il lavoro professionale femminile ed individuare potenziali soluzioni alle problematiche esistenti. Saranno questi i temi affrontati questo venerdì (15 novembre) dalle 14.30 alle 18.30 al cinema Astra, in piazza del Giglio, nel corso del convegno “Professione Donna”


lunedì, 11 novembre 2019, 14:14

Sold-out alla presentazione ufficiale dell'attesissimo libro di Renzo Cresti

Sold-out alla presentazione ufficiale dell'attesissimo libro di Renzo Cresti "Musica presente, tendenze e compositori di oggi". Le presentazioni proseguiranno in tutta Italia fino al 2020


lunedì, 11 novembre 2019, 12:58

Tre giovani allievi del Boccherini si aggiudicano le borse di studio per il biennio di eccellenza

A Lucca un raro esempio di mecenatismo a vantaggio di giovani talenti. Proseguono infatti le proficue collaborazioni tra l’Istituto superiore di studi musicali “L. Boccherini” e il mondo imprenditoriale e dell’associazionismo lucchese


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px