Anno 7°

giovedì, 16 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cultura e spettacolo

Neil Young incanta piazza Napoleone

domenica, 17 luglio 2016, 02:07

di cinzia guidetti

Potrebbero bastare solo due parole per descrivere il concerto del Summer Festival di ieri sera, sabato 16 luglio. Neil Young, un nome e un cognome. Perché Neil Young ha fatto la storia della musica, perché Neil Young è la denuncia, perché Neil Young è la poesia perché, perché Neil Young è Neil Young, e quando lo ascolti tutto questo lo percepisci, lo senti vivo, e palpabile, come lo hanno sentito in maniera vivida gli 8 mila spettatori in piazza Napoleone venuti da tutta Italia e dall’estero per vedere il cantautore canadese.

Cappello, maglia a quadri e sotto una T-shirt con scritto “Earth”, che chiaramente strizza l’occhio a un tema che sta tanto a cuore al cantautore canadese, l'ecologia (e non a caso il concerto è stato aperto dall’ingresso di due contadine che hanno gettato semi sul palco e piantato la terra nei vasi posizionati a bordo palco). Taciturno (tre parole in tutta la sera per ringraziare il pubblico), a parlare sono state, come sempre, le sue canzoni. Neil Young è salito sul palco, e si è seduto al piano. “After the gold rush”, “Heart of gold” i primi brani. La prima parte del concerto, acustica, intima, quasi un ingresso in punta di piedi, con piano e armonica. Toccante “Mother earth” suonata con armonica e un organo pump con due grossi ceri ai lati.

E poi sul palco sono saliti tre disinfestatori vestiti di bianco che hanno aperto la strada ai “Promise of the real” del chitarrista Lukas Nelson affiancato dal fratello Micah alla chitarra, Corey McCormick al basso e Anthony Logerfo e Tato Melgar divisi tra batteria e percussioni a completare la sezione ritmica. Lukas Nelson si è spostato al piano e ha eseguito in un italiano incerto “Nel blu dipinto di blu”, aspettandosi forse più partecipazione dal pubblico, ma il brano non ha fatto molto presa.

Invece la sorpresa che ha fatto entusiasmare tutta piazza Napoleone è stata l’ingresso della leggenda del country Willie Nelson (padre di Lukas e Micah). Due i brani eseguiti “Are there any more real cowboys e “On the road again” e la musica ha virato così verso il country e piazza Napoleone ha intonato le canzoni entusiasta. Neil Young e Nelson hanno duettato, intrecciato suoni, ritmi che hanno lasciato il pubblico senza fiato. Un'emozione, vivida e palpabile, quella che i mostri sacri hanno trasmesso con tanta naturalezza.

Il country inizia a mischiarsi sempre più al rock lasciando sempre più spazio a quest’ultimo per la gioia di una grossa fetta degli spettatori. Intanto il pubblico canta “Alabama”, “Winterlong”, “Seed justice". Neil Young si lascia andare a lunghi assolo e anche la band ha tutto il tempo di spaziare con lunghissime code strumentali ed effetti. Non manca, perché non può mancare, la protesta con “Monsanto” tratta dal concept album “Monsanto years” del 2015 (ultimo registrato in studio proprio con i “Promise of the real”), un album di denuncia contro l'azienda e tutte le multinazionali del cibo.

La piazza è rapita dai lunghi assolo e dagli effetti, siamo alla fine arrivati proprio nella sezione dedicata al rock (l'ultima dopo l'acustico e il country), piazza Napoleone, dopo tre ore di concerto chiede il bis al canadese che, anche se ha oltre 70 anni non si lascia sfuggire l’occasione e insieme a Willie Nelson e ai “Promise of the real” rientra sul palco, anche se la mezzanotte è passata da oltre venti minuti.


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

celsius

esedra

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone


Altri articoli in Cultura e spettacolo


mercoledì, 15 luglio 2020, 14:28

L'Indo-Pacifico non è pacifico: si presenta a Lucca il nuovo numero di Limes

L'Indo-Pacifico non è pacifico. Giovedì 16 luglio alle 21,30 appuntamento nel chiostro dell'ex Real Collegio (in piazza del Collegio a Lucca) per la presentazione del numero 6/2020 di Limes – Rivista italiana di geopolitica


martedì, 14 luglio 2020, 14:45

Tutto pronto per il gran gala lirico in piazza San Martino

Ospite acclamata dei più importanti teatri del mondo, fra i quali il Metropolitan Opera, la Royal Opera House, il Teatro alla Scala, la Bayerische Staatsoper, la Staatsoper di Berlino, la Staatsoper di Vienna e l'Opéra di Parigi, Sonya Yoncheva sarà protagonista a Lucca


prenota_spazio


martedì, 14 luglio 2020, 09:47

Cinema: “Mister Wonderland”, su emigrante lucchese, re dei cinema in USA, in programma sulla piattaforma Più Compagnia

Il documentario sarà visibile il 15 luglio sulla sala on line del cinema La Compagnia. E' la straordinaria storia di Sylvester Z. Poli emigrato da Lucca in America alla fine del XIX secolo, e diventato il più̀ grande proprietario di sale cinematografiche del suo tempo


lunedì, 13 luglio 2020, 15:33

L’Oratorio degli Angeli Custodi e la Fortezza delle Verrucole su Rai Due

L’Oratorio degli Angeli Custodi, nel centro storico di Lucca, e la Fortezza delle Verrucole, a San Romano in Garfagnana, sono al centro della puntata del programma televisivo “L’Italia che fa”, condotto da Veronica Maya, conduttrice e volto di punta della Tv di Stato, in onda domani, martedì, su Rai 2...


lunedì, 13 luglio 2020, 14:59

Lucca Curiosa visita la chiesa di San Benedetto in Gottella

La chiesa, sul lato di levante di Piazza Bernardini, ha origini precedenti al mille, come testimoniano le decorazioni medioevali presenti nella sagrestia. Venne poi ricostruita nel XIII secolo in laterizio, con una facciata in pietra e calcare bianco


lunedì, 13 luglio 2020, 14:50

Amanda Sandrelli e Danilo Rossi omaggiano Ungaretti

Lucca Classica Music Festival ricorda Giuseppe Ungaretti a 50 anni dalla sua scomparsa e lo fa con una serata che vede due grandi interpreti salire sul palco della chiesa di S. Francesco: l'attrice Amanda Sandrelli e il violista Danilo Rossi


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px