Anno 7°

martedì, 22 gennaio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cultura e spettacolo

Contesti diversi per imparare meglio: succede al liceo artistico

venerdì, 11 maggio 2018, 10:29

Come fare per motivare i ragazzi allo studio dell'algebra e della geometria, materie sempre meno amate dagli studenti? E a scrivere? Magari in modo corretto, cercando di spiegare le proprie idee, o semplicemente descrivere qualcosa che si è fatto con gli amici? Le difficoltà sembrano, a volte, insuperabili. Eppure la Matematica e l'Italiano forniscono competenze di base indispensabili per la vita da adulti. I ragazzi, però, non lo sanno o si rifiutano di ammetterlo.

Come risolvere questi problemi? Al Liceo Artistico Musicale un team di docenti ha accettato una scommessa: proporre agli studenti con maggiori difficoltà interventi di recupero basati su una didattica inclusiva e far nascere motivazione e interesse, ingredienti indispensabili per poter davvero “imparare”. Il progetto, un pacchetto di 30h pomeridiane per disciplina, è stato realizzato, grazie ai finanziamenti del PON FSE “Inclusione sociale e lotta al disagio”, dalle professoresse Catiuscia Corrente e Marcella Pastore per l'Italiano e da Tiziana Martini e Giorgio Dalzotto per la Matematica. I ragazzi, abolite l’ansia da prestazione e la paura di sbagliare, messi a loro agio in un ambiente informale, hanno esposto liberamente i loro dubbi e fatto domande. Lavorare a coppie o in piccoli gruppi ha dato maggiori possibilità a tutti di capire, grazie al confronto e all’aiuto reciproco. Altre “carte vincenti”: proporre “compiti di realtà” o esercizi sotto forma di gioco e usare tecnologie interattive. E i risultati? “Siamo riusciti a far capire ai ragazzi che l'algebra è uno strumento indispensabile anche per risolvere problemi in situazioni quotidiane e che le competenze matematiche possono risultare utili e divertenti nelle strategie di gioco. Rimangono delle incertezze ma molte difficoltà sono state affrontate e risolte.” afferma la professoressa Martini.

“Lavorare in un contesto diverso da quello della classe tradizionale ed estraneo, quindi, alla realtà della interrogazione e del voto sul registro, ha favorito un clima più tranquillo e disteso tra gli studenti, la collaborazione reciproca, la socializzazione e il venir meno dell’aspetto giudicante che caratterizza la lezione tradizionale. L’apprendimento è stato più efficace e i risultati, sicuramente, più soddisfacenti”, conclude la prof.essa Corrente che sottolinea l’importanza di questa esperienza come esempio di didattica alternativa a quella consueta, non sempre di successo.



Questo articolo è stato letto volte.


q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


esedra


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


Altri articoli in Cultura e spettacolo


lunedì, 21 gennaio 2019, 18:56

Appartengo alla razza umana: “Il trionfo e la persecuzione di un grande allenatore, Ernst Erbstein"

“Giorno della memoria 2019”: Le classi quarte e quinte del “Giorgi” riflettono sulle Leggi Razziali e le loro conseguenze


lunedì, 21 gennaio 2019, 15:28

Al via la rassegna che il “Boccherini” dedica alle sei corde

Prende il via domani il Guitar Festival e lo fa con grandi interpreti e con il primo appuntamento con “Bwv 2019”, la maratona intitolata a Johann Sebastian Bach che nei prossimi mesi accompagnerà il pubblico alla scoperta degli adattamenti per chitarra della musica del grande compositore tedesco


prenota_spazio


lunedì, 21 gennaio 2019, 12:22

"Musica ragazzi": la musica nella storia e una prova d'orchestra aperta

Dopo un primo incontro tenutosi in ottobre, riparte la programmazione di Musica ragazzi, il ciclo di incontri e concerti che l'Associazione Musicale Lucchese dedica agli studenti delle scuole, dalle materne alle superiori


lunedì, 21 gennaio 2019, 11:48

Boccherini, grande successo per il primo concerto della stagione 2019

Tutto esaurito ieri pomeriggio per il concerto inaugurale della Stagione dell'Associazione musicale lucchese. Il Sestetto Stradivari dell'Accademia nazionale di Santa Cecilia e la musica di Schönberg e Brahms hanno incantato il pubblico che si è ritrovato all'Auditorium "Boccherini" per il primo appuntamento della stagione cameristica 2019


lunedì, 21 gennaio 2019, 11:18

Silvia Tocchini racconta "La Bohème" di Puccini

Venerdì 25 gennaio, alle 21,15, presso il centro parrocchiale Le Vele a San Donato, Silvia Tocchino (soprano) racconterà l'opera La Bohème di Giacomo Puccini. Questo sarà il primo di altri incontri in preparazione del concerto che avrà luogo presso la chiesa parrocchiale di San Donato


lunedì, 21 gennaio 2019, 09:37

Presentata la nuova stagione dell'ISSM "L. Boccherini"

Tra musicisti di livello internazionale, concerti, conferenze, eventi e collaborazioni di grande livello, è stata svelata l'edizione 2019 della stagione Open dell'Istituto superiore di studi musicali "L. Boccherini". Open arriva quest'anno alla sua decima edizione, segno della validità e vitalità della formula e della continuità dell'impegno di tutte le forze...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px