Anno 7°

domenica, 23 settembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cultura e spettacolo : lucca summer festival

Roger Waters, musica e politica il mix vincente

giovedì, 12 luglio 2018, 02:34

di cinzia guidetti

Il concerto di Roger Waters (o dei Pink Floyd) è uno di quei concerti che tutti nella vita dovrebbero vedere almeno una volta. Non solo per l’indubbia spettacolarità dell’impianto scenico, che alla fine ha sempre caratterizzato le performance anche del gruppo, ma per tutto quello che significano e hanno significato per la musica e la storia.

Roger Waters è una garanzia. Sì è vero. Anche con i suoi 74 anni suonati quella fetta della storia della musica viaggia con lui come se fosse senza tempo. Lo sono la testimonianza delle persone, circa 20 mila, che sono arrivate da tutta Italia e dall’estero per il suo show: giovani, meno giovani, coetanei di Waters, tutti uniti sotto l’unico cielo, quello di un afoso luglio nel campo ex Balilla di Lucca.

Il tour Us+ Them dovrebbe servire all’artista per portare in giro l’ultimo album “Is this the life we really want?” uscito nel 2017, ma in realtà l’ex Pink Floyd strizza l’occhio molto spesso al suo passato, pescando da “The Wall”, “The dark side of the moon” e “Animals”.

Alle 21.30 spaccate Roger Waters fa la sua apparizione sul mega palco. Religioso silenzio al suo arrivo: una platea intera ha aspettato un suo cenno per poi perdersi tra le due note e i respiri di “Breathe”, una fantastica “Time” con gli orologi, come quelli del video originale che si materializzavano nel maxi schermo di 60 metri alle spalle dei musicisti, e la magia, grazie alla voce di Jess Wolfe e Holly Laessig, di “The great gig in the sky”. E chiaramente non poteva mancare, con tutto quello che ha significato e significa ancora “Another brick in the wall pt. 1 e pt. 2” con un coro di ragazzini in tuta arancione da detenuti con la scritta “Maggie’s Farm” sulla schiena che hanno cantato, insieme a Waters,  per poi mostrare una T-shirt con la scritta “Resist”.

Resist è il motto che l’artista ripete e ricorda durante il concerto. Resistere contro il mondo, un mondo corrotto che sta consumando le persone, resistere contro le brutture e andare avanti. Resistere per creare un posto migliore. È nella seconda parte del concerto, dopo che le ciminiere della centrale elettrica di Battersea (con tanto di maiale) sono letteralmente venute su e hanno cominciato a fumare, che Waters “dipinge”, con le sue canzoni e le immagini che scorrono sul maxi schermo, il mondo brutto in cui viviamo: mondo corrotto dai soldi (“Money”) dove i maiali (“Pigs”) la fanno da padroni. E quindi foto di potenti come Kim Jong-un, Berlusconi (forse un po’ datato) e Trump, che Waters attacca apertamente, e infatti le immagini sul maxi schermo raffigurano il presidente degli Stati Uniti come un maiale.

Waters mostra la kefiah e le sue parole vanno alla Palestina e i suoi “amici palestinesi”. L'ex Pink Floyd porta in giro il suo messaggio di pace, e di speranza per un mondo migliore, e infatti in fondo al concerto le due mani di US + Them appaio sul palco forse per ricordare, come faceva il maiale che girava sopra le teste degli spettatori e riportava la scritta “Stay human” (sia in italiano che in inglese) di tendere la mano agli altri, di sostenerci a vicenda, insomma di rimanere umani perché alla fine "siamo tutti fratelli e sorelle senza nessuna distinzione".

Non manca di presentare il gruppo e tra un ringraziamento ai musicisti e qualche anedotto sorride racconta che tra poco diventerà papà.E con una “Confortably numb” piena di luci, fumi, l’apparizione di un prisma colorato (omaggio alla copertina di The dark side of the moon) e fuochi di artificio finali, l’ex Pink Floyd si congeda dal caloroso pubblico.

 

Foto di Cinzia Guidetti


Questo articolo è stato letto volte.


scopri la Q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


esedra


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


Altri articoli in Cultura e spettacolo


celsius


domenica, 23 settembre 2018, 12:18

Lonely Brains, una mostra di Elio Lutri dedicata ai cervelli solitari

La mostra si inaugura il 29 settembre alle 17,30 a Villa Mazzarosa in via delle Selvette 255 a Segromigno in Monte. La mostra si intitola Lonely Brains. Cervelli solitari, in quanto unici e irripetibili. Cervelli che hanno determinato una svolta nella storia


domenica, 23 settembre 2018, 11:32

Romina Lombardi e il suo "Giovani Inversi" presentato alla Ubik

Nella gremita saletta delle presentazioni, al primo piano della libreria Ubik di via Fillungo, la ventisettenne lucchese Romina Lombardi, ha presentato il suo "Giovani Inversi", un libro di poesie inerenti la terribile piaga del bullismo


prenota_spazio


domenica, 23 settembre 2018, 09:51

Presentato il palio dipinto da Paolo Lazzerini

Sabato pomeriggio si è tenuta la presentazione del drappo dipinto dall’artista Paolo Lazzerini in occasione della seconda edizione del Palio delle Contrade San Paolino, in programma per domenica 30 settembre in Piazza San Michele dove i balestrieri dell’associazione si sfideranno a colpi di verrette


domenica, 23 settembre 2018, 09:49

Aperta la mostra collettiva del Fotoclub Lucchese B.F.I.

La mostra collettiva dei soci del Fotoclub Lucchese B.F.I. sarà aperta dal 22 al 30 settembre nella splendida cornice della sala dell'affresco del complesso di San Micheletto. L'inaugurazione si terrà domenica 23 settembre alle 16


domenica, 23 settembre 2018, 09:41

"Lo Stuzzichino Events" patrimonio dell'Unesco

Si è tenuto nel pomeriggio di sabato, presso il primo piano di palazzo Bernardini in pieno centro storico, il dibattito dell'Unesco. Lo staff de "Lo Stuzzichino Events" di Guamo, ha allietato la presenza degli ospiti con un magnifico catering a base di prodotti nostrani


sabato, 22 settembre 2018, 13:12

Da San Pietroburgo a Lucca grazie alla Fondazione BML

Dall'Ermitage di San Pietroburgo a Lucca, grazie alla Fondazione Banca del Monte di Lucca. Mercoledì 26 settembre alle 17,30 il direttore di "Ermitage 20/21'' San Pietroburgo Dmitri Ozerkov sarà ospite al Palazzo delle Esposizioni per parlare di "Il museo Ermitage: dove arte classica e contemporanea convivono"


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px