Anno 7°

mercoledì, 22 maggio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cultura e spettacolo

Peppe Civati racconta la storia di Liliana Segre

sabato, 6 aprile 2019, 22:42

di annalisa ercolini

Una grande storia sul razzismo e l’indifferenza può essere raccontata attraverso la vita di chi ha vissuto l’intensa persecuzione degli ebrei italiani. Come quella di Liliana Segre. Il mare nero dell’indifferenza, nel libro di Giuseppe Civati, casa editrice People, presentato dalla titolare della libreria Ubik, Gina Truglio.

Giuseppe Civati, dottore di ricerca in filosofia, deputato e segretario di “Possibile” nel marzo 2018 annuncia le dimissioni da segretario e di tutto il gruppo dirigente del partito. Dal 2003 ad oggi l’autore assieme all’intensa attività politica pubblica diversi saggi tra l’altro “Qualcuno ci giudicherà” (2014) e “Voi sapete” (2018).

In questo saggio molto morbido con toni di narrativa, la Segre si rivolge perlopiù ai ragazzi e a i suoi “nipoti ideali” evidenziando un messaggio fondamentale per l’umanità: non perdere mai i diritti e il rispetto per le persone. Il testo riporta la testimonianza di Liliana Segre, espulsa nel 1938 da scuola quando era bambina, clandestina, chiese asilo e poi fu respinta. Il 30 gennaio del 1944 fu deportata ad Auschwitz insieme a suo papà Alberto che non sopravvisse al lager. Il saggio di Civati riprende con grande cura le parole e gli insegnamenti della senatrice a vita. Dei 776 bambini italiani di età inferiore ai quattordici anni che furono deportati ad Auschwitz, Liliana Segre fu tra i venticinque sopravvissuti. Negli ultimi trent’anni la Segre ha promosso una straordinaria campagna contro l’indifferenza e contro il razzismo.

“Gli ebrei furono censiti dagli italiani per altro con una norma – spiega Civati – quello che colpisce la Segre è che la norma era precedente a quella tedesca. La legge razziale nell’espulsione della scuola è copiata dai tedeschi.” Le porte della discriminazione chiusero anche il Parlamento ai senatori a vita ebrei, decisero di non farli più entrare, di dissuaderli quando arrivavano all’ingresso ma dopo 80 anni sono state riaperte a Liliana Segre.

“Con la casa editrice - chiarisci l’autore – abbiamo recuperato il dibattito della costituente sull’articolo 10, sui profughi, sui barconi. Inoltre, l’intento della casa editrice, è raccontare valori molti alti in maniera fruibile a tutti e attraverso la viva voce di chi li ha vissuti.”

La narrazione di Civati si dipana in un intreccio ben dosato fra situazioni di ieri e “minuzie” politiche di oggi, che rendono saporita l’atmosfera della presentazione. Il saggio non è incentrato sulla disperazione ma sul riscatto e sulla “felicità piena”, conferma Civati.

Seppur il saggio sia interessante e benché Civati abbia conquistato il pubblico con una cospicua presentazione, l’incontro ha patito una stortura evitabile riguardante un tema ancora caldo qui a Lucca, la Boldrini. Nel libro non c’è un legame stretto con questa vicenda piuttosto è parsa una punzecchiata.

“Stiamo attenti a quello che diciamo, stiamo attenti sul razzismo. E’ una cosa che non controlliamo più, siamo in un paese troppo fragile culturalmente, troppo spaventato se incominciamo a soffiare il fuoco divampa sicuro. Sono preoccupato per questo. C’è sempre quello che esagera quello che si sente sostenuto da una retorica pubblica che ritiene che si può dare del nero, del frocio, tanto non succede niente. Quando lo senti dire dalla televisione e quando lo vedi scritto dappertutto. Io per esempio ho i social che dovrebbero chiudermeli perché a me mi insultano tutti, ho questa fortuna, tutte le parti politiche. Laura Boldrini a cui dedicheremo un libro, non tanto su di lei ma su quello che le hanno fatto perché a Laura Boldrini le hanno dato tutte le colpe del mondo inventandosi delle balle assurde. Sapete no, Lei ha voluto incontrare chi ha scritto queste cose.”

 


Questo articolo è stato letto volte.


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


esedra


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


Altri articoli in Cultura e spettacolo


martedì, 21 maggio 2019, 22:31

Ultimi giorni per partecipare al premio letterario Racconti nella rete 2019

C'è tempo fino al 31 maggio per partecipare alla XVIII^ edizione del premio letterario Racconti nella Rete


martedì, 21 maggio 2019, 16:56

"Oro verde" e "Racconto d’autunno", i prossimi appuntamenti con il Circolo del Cinema

L’offerta cinematografica di questa settimana del Circolo del Cinema di Lucca prevede i due consueti appuntamenti al Cinema Centrale e a San Micheletto. Gli under 21 possono sottoscrivere la tessera annuale gratuitamente


prenota_spazio


martedì, 21 maggio 2019, 13:25

“La scuola si presenta”: ricco cartellone al Teatro San Girolamo

Un cartellone al teatro San Girolamo di 19 spettacoli teatrali e musicali – tutti a ingresso libero - che si susseguono in ogni fascia oraria fino al 30 maggio, coinvolgendo oltre 2 mila 500 persone tra partecipanti e spettatori: questo è il programma de “La scuola si presenta”, la rassegna...


martedì, 21 maggio 2019, 10:16

Sky Stone and Songs, instore di Samuel Heron

Si chiama 'Triste' ed è il nuovo album di Samuel Heron, uno dei talenti più freschi e interessanti del panorama musicale hip hop contemporaneo, e sarà presentato dall'autore allo Sky Stone & Songs, mercoledì 22 maggio a partire dalle 14, quando il rapper incontrerà i suoi fans e firmerà il...


martedì, 21 maggio 2019, 08:47

Visita alle fortificazioni della Linea Gotica della Brancoleria

Domenica 26 maggio il Comitato Linea Gotica Brancoli, con il patrocinio del comune di Lucca, organizza la visita pubblica alle fortificazioni della Linea Gotica della Brancoleria


lunedì, 20 maggio 2019, 14:22

"I 76 anni della legge urbanistica", un incontro all'auditorium del palazzo delle esposizioni

"I 76 anni della legge urbanistica" è il titolo dell'incontro che si terrà domani, martedì 21 maggio alle 17,30, all'auditorium del Palazzo delle Esposizioni della Fondazione Banca del Monte di Lucca (piazza San Martino, 7), con ingresso libero fino ad esaurimento posti


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px