Anno 7°

domenica, 26 gennaio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cultura e spettacolo

Ennio Morricone, una leggenda sul palco del Summer

sabato, 29 giugno 2019, 22:54

di andrea cosimini

La sensazione era quella di stare per assistere ad un evento. Ed in effetti lo è stato. 'The final concert' o, se preferite, il concerto d'addio di uno dei più grandi compositori della storia della musica mondiale: Ennio Morricone.

Lucca la città scelta per questo ultimo importante avvenimento. Sul palco del Summer Festival, con le suggestive mura a fare da sfondo, il maestro è stato accolto da una vera e propria standing ovation da parte delle circa 20 mila persone presenti. Non prima però di aver lasciato accomodare la sua numerosa orchestra, il Nuovo Coro Lirico Sinfonico Romano & Coro C. Casini dell'Università di Roma Tor Vergata, composta dalla bellezza di 200 elementi. 

Con l'immancabile bacchetta in mano, e la naturale cadenza di chi, dopotutto, del suo tocco ha fatto un'arte, Morricone ha dato libero sfogo al suo repertorio, o per lo meno, ad una parte di esso, vista la vastità delle sue composizioni. Un lungo excursus all'interno della sua sessantennale carriera. La sua musica, senza tempo, è stata capace di emozionare ad ogni accordo riportando ognuno di noi, a prescindere dall'età, indietro nel tempo: in un passato vissuto o, magari, solo immaginato perché visto sul grande schermo. Un concerto da vedere, da ascoltare, ma soprattutto da vivere. 

Proprio come in un film, Morricone ha suddisivo il concerto in tre parti (o se vogliamo episodi) con tanto di primo tempo, intervallo e secondo tempo. Tra colpi di scena, attimi di suspence e momenti di azione, il compositore romano è riuscito nell'impresa di raccontare una storia tenendo sempre coinvolti emotivamente gli spettatori come solo il più grande dei cineasti sarebbe in grado di fare.

La scaletta è stata lusinghera con tanto di encore finale. Servendosi di alcune comparsate, dalla voce angelica di Susanna Rigacci a quella più energetica di Dulce Pontes, il maestro ha riproposto alcune delle sue colonne sonore più celebri, come quella per "Il buono, il brutto e il cattivo" di Sergio Leone o per la più recente "The hateful eight" di Quentin Tarantino, senza dimenticare gli altri evergreen: dalla musica per "Sacco e Vanzetti" di Giuliano Montaldo, a quella per "Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto" e "La classe operaia va in paradiso" di Elio Petri.

Insomma, una serata magica. 91 anni e non sentirli affatto. Unico, eterno, inimitabile. Semplicemente lui. Ennio Morricone.


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini


auditerigi


celsius


esedra


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


Altri articoli in Cultura e spettacolo


sabato, 25 gennaio 2020, 18:38

Conclusa con successo la prima edizione della “Giornata nazionale di promozione della cultura economica”

Bilancio positivo della prima edizione della “Giornata nazionale di promozione della cultura economica” svoltasi, la mattina del 15 gennaio scorso, all’ITE “F. Carrara”


sabato, 25 gennaio 2020, 15:19

Una giornata di approfondimento al Piaggione sulle dipendenze

Sì è svolto questa mattina nel Centro Civico del Piaggione una giornata di approfondimento e aggiornamento organizzata da Arcat Toscana (Associazione regionale dei club alcologici territoriali) relatori Tiziana Fanocchi e Manfredo Bianchi


prenota_spazio


venerdì, 24 gennaio 2020, 18:06

Grande successo per la mostra della Fondazione Ragghianti "Bernardo Bellotto 1740. Viaggio in Toscana"

A poco più di due settimane dalla chiusura della mostra della Fondazione Ragghianti "Bernardo Bellotto 1740. Viaggio in Toscana", il bilancio finale è estremamente positivo


venerdì, 24 gennaio 2020, 17:34

Il Festival di Colombini plaude alla costituzione di un Comitato per i cento anni dalla morte di Giacomo Puccini

Il Festival plaude alla costituzione di un Comitato per i cento anni dalla morte di Giacomo Puccini: "Noi in prima fila per fare grande il binomio Lucca-Puccini con l'appoggio del Governo". Nel frattempo l'autocaricatura di Giacomo Puccini entra a fare parte della collezione privata del Festival


venerdì, 24 gennaio 2020, 17:33

Musica ragazzi, lunedì mattina un appuntamento dedicato alla Giornata della memoria e alla strage di Sant'Anna di Stazzema

Lunedì 27 gennaio alle 10.15 al Boccherini. L'eccidio raccontato da Enio Mancini, la storia dell'Organo della Pace e la testimonianza dei ragazzi del "Passaglia" che lo scorso anno hanno visitato Auschwitz


venerdì, 24 gennaio 2020, 13:25

Tutto esaurito per lo spettacolo inedito “La Tregua” di e con Marco Brinzi

Un percorso attraverso la parola, che prima accompagna il pubblico fin dentro gli orrori dei campi di concentramento e poi descrive il ritorno in Italia, a Torino


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px