Anno 7°

giovedì, 23 gennaio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cultura e spettacolo

Ezio Bosso a Lucca Classica 2020

sabato, 7 dicembre 2019, 18:08

di francesca sargenti

Per il secondo anno Lucca Classica Music Festival ha presentato le anticipazioni della sesta edizione 2020 a Il Desco, annunciando il primo grande ospite dell’edizione 2020: Ezio Bosso.

Il Maestro Bosso sarà a Lucca per tutti i cinque giorni del Festival per preparare il concerto finale in programma domenica 3 maggio alle ore 20 al Teatro del Giglio, eseguito dall’Orchestra sinfonica dell’Istituto superiore di studi musicali Luigi Boccherini, che proporrà con la Prima e la Settima Sinfonia di Beethoven.

“Lucca Classica è il frutto della passione, della professionalità di tante persone - ha commentato Marco Cattani, presidente dell’Associazione musicale lucchese – ed è reso possibile grazie al supporto e al sostegno delle istituzioni e di sponsor, che costituiscono una rete importante che di anno in anno si va consolidando ed allargando, con nostro grande orgoglio”.

“Tra i grandi anniversari che saranno celebrati da Lucca Classica, ci sarà anche il 200° anno dalla nascita di Ludwig van Beethoven - ha dichiarato Simone Soldati, direttore artistico dell’associazione e del festival – e ci siamo prefissi a rendere possibile l’attualità di questo musicista e uomo. Il leitmotiv della sesta edizione del festival sarà utopia, come ideale a cui tendere, un mondo in cui tuffarsi. Per farlo avevamo bisogno di un alleato che abbiamo trovato in Ezio Bsso, che lavorerà con i giovani del Boccherini, anziché portare a Lucca la sua orchestra.”

Tutti i pomeriggi del Festival il pubblico potrà assistere alle prove aperte dell’orchestra, un vero e proprio cantiere della musica dove si vedrà la nascita e lo sviluppo dell’intesa tra orchestrali e direttore, oltre alla possibilità di conoscere “dall’interno” il loro lavoro.

Un’occasione imperdibile per seguire da vicino il percorso di costruzione di un grande concerto, accompagnati da un musicista molto amato, che sta facendo della condivisione e della divulgazione la sua missione. Negli ultimi anni, infatti, la formula delle prove aperte è divenuta per Bosso l’occasione per stare in contatto con il grande pubblico (pensiamo anche alla serata-evento di Rai3 “Che Storia è la Musica”, andata in onda lo scorso inverno) e far comprendere lo studio e la ricerca che stanno dietro alla concertazione. Il tutto con la carica umana, la cultura e l’ironia che caratterizzano il musicista e che lui stesso adopera con maestria per far avvicinare le persone alla grande musica, che Bosso definisce “libera” e non più “classica”.

Un tempo di prove aperte così lungo non è in programma per nessun altro concerto di Bosso nei prossimi mesi e il Maestro commenta così la sua partecipazione a Lucca Classica: «Sono davvero molto felice – ha dichiarato Ezio Bosso - di venire a Lucca per questo progetto che mi ha entusiasmato fin dall’inizio. Lucca Classica è una manifestazione perfettamente nelle mie corde, in linea con la mia visione della musica.»

Il presidente dell’Associazione musicale lucchese,Marco Cattani, e il direttore artistico dell’associazione e del festival, Simone Soldati hanno, inoltre,  presentato il manifesto di Lucca Classica 2020 con l’immagine ideata dall’agenzia Lindbergh, che caratterizzerà la manifestazione in programma il primo fine settimana di maggio, con grande musica, incontri ed eventi di rilievo internazionale che riempiranno il centro storico di Lucca, da Palazzo Ducale al Teatro del Giglio, passando per S. Martino, i musei nazionali, Palazzo Orsetti e molti altri luoghi significativi della città.

Lucca Classica Music Festival, promosso dall’Associazione Musicale Lucchese e dal Teatro del Giglio con la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca come main sponsor, nel programma 2020 prevede – tra le tante cose - anche percorsi dedicati a una serie di figure del mondo della musica e della cultura tra cui Giuseppe Ungaretti, Raffaello Sanzio, Gianni Rodari, Bruno Maderna e Ludwig van Beethoven. Appuntamenti che confermano la vocazione multidisciplinare e la visione umanistica di un festival che ricerca nella bellezza, nell’arte e nella musica gli strumenti per ricreare una società civile armoniosa.

Lucca Classica 2020 si è aggiudicata due collaborazioni di grande prestigio che porteranno la manifestazione su Rai5 e Rai Cultura che si aggiungono alle mediapartnership con Bell’Italia, Gardenia e Rai Radio3. Ha anche rafforzato il sostegno di privati e istituzioni dal territorio per una manifestazione che anno dopo anno si afferma sempre di più a livello nazionale e porta il nome di Lucca alla ribalta nel panorama culturale.

Gli sponsor “gold” che si affiancano alla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca sono Akeron, Fondazione Banca del Monte di Lucca, Lucar Toyota, Wolters Kluwer – CHH Tagetik e il gruppo Esedra; gli sponsor “silver” sono Acqua Silva, Banca del Monte di Lucca, Caffè Bonito, Cartografica Galeotti, Del Monte, Ego Wellness, Farmacia Novelli, Fabio Francesconi, assicurazioni Generali, Guidi Gino, Hotel Ilaria, I gelati di Piero, LDM Dentistry, Toscotec e Unicoop.

I biglietti per il concerto di Ezio Bosso con l’Orchestra dell’ISSM “L. Boccherini” saranno in vendita nella seconda metà del mese di dicembre alla Biglietteria del Teatro del Giglio (seguirà comunicazione sull’apertura delle prevendite, ndr). Questi i prezzi: primo settore € 35 (ridotto €30); secondo settore €25 (ridotto €20); galleria € 15; loggione € 10 (in vendita un’ora prima dello spettacolo).

Chi è Ezio Bosso?

Ezio Bosso è’ considerato uno dei compositori e direttori d’orchestra di maggior talento del panorama musicale internazionale, oltre ad essere un personaggio al passo con i tempi, molto seguito sui social e con un canale YouTube con visualizzazioni da record. Ha debuttato in Francia a soli 16 anni, ma la svolta è arrivata dopo l’incontro con il maestro Ludwig Streicher, grazie al quale ha iniziato a studiare Composizione e Direzione d’Orchestra presso l’Accademia di Vienna

Oltre ad essere pianista, compositore e direttore d’orchestra, è anche insegnante a Parigi e Giappone e nel 2019, è approdato in tv con un’avventura completamente diversa: la narrazione di Che storia è la musica su Rai 3, che l’ha visto nel triplice ruolo di autore, conduttore e direttore d’orchestra. Ezio Bosso ha letteralmente rivoluzionato la storia della divulgazione musicale in TV con ascolti superiori al milione di media e ne ha definitivamente sancito il ruolo centrale nel panorama classico, ruolo ribadito dal clamoroso sold out a 14.000 presenze per il suo debutto in Arena di Verona coi Carmina Burana ad agosto 2019

Bosso è anche direttore stabile e artistico della StradivariFestival Chamber Orchestra, oggi Europe Philharmonic, Sony Classical International Artist e Steinway Artist, è testimone e Ambasciatore internazionale dell’Associazione Mozart14, eredità ufficiale dei principi sociali ed educativi del Maestro Claudio Abbado, diretta con dedizione dalla figlia Alessandra, una conferma dell’impegno didattico e sociale del maestro Bosso che si sviluppa anche nell’attività svolta con Opera Pia Barolo e Medicina a Misura di Donna a Torino. Ezio Bosso è stato inoltre il testimone ufficiale della Festa Europea Della Musica per il 2018 e unico italiano invitato al Parlamento Europeo per una storica riflessione sullo stato della cultura europea.

Il 20 gennaio 2019 ha diretto a Bologna l’evento di Associazione Mozart14 “Grazie Claudio” per ricordare Claudio Abbado nei cinque anni dalla morte, portando sul palco del Teatro Manzoni un’orchestra di 50 elementi provenienti dalle migliori compagini europee e cresciuti con Abbado, fra cui vale la pena ricordare nomi di assoluta eccellenza quali Keith Pascoe, Etienne Abelin, Robert Kendall, Jorg Winkler, Luca Franzetti fra i tanti.


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini


auditerigi


celsius


esedra


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


Altri articoli in Cultura e spettacolo


mercoledì, 22 gennaio 2020, 17:32

Fondazione BML lancia un concorso per le scuole di Lucca e Viareggio realizzato con il Miur

Un concorso destinato agli istituti scolastici, bandito insieme al Miur, per celebrare l'istituzione della scuola pubblica, realizzata da Maria Luisa di Borbone nel gennaio del 1820


mercoledì, 22 gennaio 2020, 13:57

Tornano gli incontri del venerdì sulla musica allo Sky Stone

Torna per il settimo anno consecutivo, il ciclo di approfondimenti sulla musica 'Friday I'm in Love' e lo fa con un incontro, in programma venerdì 24 gennaio alle 21:30, a ingresso libero, allo Sky Stone & Songs


prenota_spazio


mercoledì, 22 gennaio 2020, 13:48

Lucca Classica, al via le prevendite per le prove aperte di Ezio Bosso

I biglietti per il concerto sono andati a ruba in pochissime ore, ma ci sono altre opportunità per vedere il maestro Ezio Bosso all'opera con l'orchestra sinfonica dell'ISSM "L. Boccherini"


mercoledì, 22 gennaio 2020, 13:30

Giorno della Memoria: tra Monte San Quirico e Borgo a Mozzano si ricorda il beato Aniceto Koblin

Il frate cappuccino morto ad Auschiwtz verrà ricordato in occasione del Giorno della Memoria 2020 con preghiere, proiezioni, musiche e letture


martedì, 21 gennaio 2020, 20:56

Anna Vagli bis in Tv a Rai1: dalle Gazzette al piccolo schermo

Anche questa mattina noi delle Gazzette eravamo sintonizzati su Rai 1 per ascoltare l’intervento della nostra collaboratrice e criminologa Anna Vagli. Nuovamente ospite a Storie Italiane


martedì, 21 gennaio 2020, 14:36

Ancora una consegna di risorse utili dalle aziende del progetto LU.ME

Nei giorni scorsi Antonella Lancellotti di Rotork, Daniela Franceschi di Gambini e Ombretta Pacini di Fapim hanno consegnato abiti per donne e bambini donati dai dipendenti delle rispettive aziende, all'associazione che tutela donne e bambini vittime di violenza, che sono ospiti dei rifugi di prima accoglienza gestiti dall'associazione


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px