Anno 7°

domenica, 29 marzo 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cultura e spettacolo

Si presenta il volume di lettere inedite di Puccini della Collezione del Marchese Antinori

martedì, 3 dicembre 2019, 17:33

Grande attesa per la presentazione in anteprima assoluta del volume di Maurizio Sessa, «Andrò nelle Maremme». Giacomo Puccini a caccia a Bolgheri e Capalbio: lettere al conte Giuseppe della Gherardesca e al marchese Piero Antinori, che raccoglie 161 lettere inedite, scritte da Puccini nell'arco di tempo che spazia dal 1903 al 1924, anno della sua morte sopraggiunta in una clinica di Bruxelles e conservate nell'Archivio Antinori

Una scoperta resa possibile dal marchese Piero Antinori, omonimo del nonno paterno (colui che suggerì a Puccini di assistere, a New York, a un lavoro teatrale di David Belasco da cui fu tratto il libretto de LaFanciulla del West), che ha promosso la pubblicazione delle lettere custodite a Firenze nel rinascimentale Palazzo Antinori.

Il volume, pubblicato con un ricco corredo fotografico dalla Maria Pacini Fazzi editore di Lucca, sarà presentato a Lucca il prossimo 5 dicembre 2019, alle ore 18:00, a Palazzo Bernardini, Sede di Confindustria Toscana Nord, presentazione inserita all'interno della manifestazione “I giorni di Puccini” e realizzata in collaborazione con il Rotary Club di Lucca. Dopo il saluto del presidente del Rotary Domenico Fortunato e del Direttore della Fondazione Puccini Massimo Marsili, sarà la professoressa Gabriella Biagi Ravenni, presidente del Centro Studi Giacomo Puccini a presentare il volume addentrandosi nel lavoro affrontato da Sessa; è inoltre in programma l'intervento di Agnese Pini, direttrice del quotidiano La Nazione.

Giacomo Puccini, Giuseppe “Beppino” della Gherardesca, Piero Antinori dunque al centro di una lunga storia di amicizia, che partendo dalle due Maremme toscane, tra una battuta al cignale e una tela alle folaghe, conduce poi per mano il lettore in giro per il mondo. Un viaggio tra le grandi capitali della Vecchia Europa con lunghi soggiorni artistici in America del Sud e Stati Uniti, sulle tracce di un compositore di genio assoluto, a lungo svilito dalla critica coeva, e che tante e troppe biografie hanno sbrigativamente cristallizzato in una rassicurante e stereotipa immagine oleografica, aneddotica. Una personalità, quella di Puccini, invece molto più complessa di quanto si è comunemente portati a credere. 

Il libro di Sessa si muove alla riscoperta non del “vero Puccini”, ma del Puccini più vicino al vero. Un'occasione per rivivere “in presa diretta”, con la calligrafia nervosa, con la prosa sintetica e ricca di espressioni colorite e motti di spirito che contraddistinguono queste lettere inedite, i trionfi e i “fiaschi” (su tutti il clamoroso insuccesso della premiere di Madama Butterfly il 17 febbraio 1904 al Teatro alla Scala di Milano), le gioie e i dolori, gli amori e i dissapori familiari di un artista che con le sue opere impregnate di lirico sentimentalismo colpiva dritto al cuore il pubblico osannante. Lettere che raccontano delle sue ascese e delle sue cadute artistiche e umane. Un “romanzo” epistolare, che ha per protagonista il «guitto organista di Mutigliano» divenuto con infiniti, spossanti tormenti creativi il compositore più acclamato al mondo, che ha ben poco di romanzesco.

Maurizio Sessa, “Andrò nelle Maremme. Puccini a caccia tra Bolgheri e Capalbio. Lettere al conte Giuseppe della Gherardesca e al marchese Piero Antinori”, Pacini Fazzi Editore, 362 pagine, 100 foto b/n e colori.

 


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

celsius

esedra

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone


Altri articoli in Cultura e spettacolo


domenica, 29 marzo 2020, 16:50

Il mondo della lettura ai tempi del Covid-19

Seduti al tavolo della biblioteca e circondati da innumerevoli libri di ogni genere, i membri dell'associazione portano sempre al centro dell'attenzione le loro poesie, vecchi elaborati o racconti del proprio vissuto


sabato, 28 marzo 2020, 09:38

La DAD: docenti e discenti nella scuola in absentia

Dopo i primi giorni di frenesia in cui docenti e studenti sono stati chiamati dalla contingenza ad una nuova sfida, stimolante ma piena di nuovi problemi da risolvere


prenota_spazio


venerdì, 27 marzo 2020, 17:32

Anche gli iscritti alla biblioteca della Fondazione Ragghianti possono accedere alla biblioteca digitale

Anche la biblioteca della Fondazione Ragghianti aderisce al servizio della biblioteca digitale della Regione Toscana (MLOL) con accesso libero 24 ore su 24 e tutti i giorni della settimana. Con MediaLibraryOnLine è possibile leggere gratuitamente quotidiani, riviste, e-book da casa, ascoltare audiolibri, vedere film e frequentare corsi a distanza


mercoledì, 25 marzo 2020, 14:02

Dalla Cina con amore, il dono dello studente Liang Wu alla Scuola IMT

"Dopo l'incubo arriverà la primavera". Con questo messaggio di speranza e la spedizione di 150 mascherine, lo studente Liang Wu mostra la sua affettuosa solidarietà alla comunità accademica


mercoledì, 25 marzo 2020, 13:46

Open day del Bachelor of Arts per lavorare nella produzione musicale

Continuare a progettare il futuro. È giovedì 26 marzo mattina, a partire dalle 10, l'open day, virtuale, per conoscere i corsi, le docenti e i docenti di musica dei corsi dell'anno accademico 2020-2021 del Bachelor of Arts in Production


martedì, 24 marzo 2020, 20:02

Le iniziative dell’Isi Machiavelli per il sommo poeta

Il 25 marzo, si celebrerà per la prima volta il Dantedì, la giornata dedicata a Dante Alighieri recentemente istituita dal governo


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px