Anno 7°

mercoledì, 23 settembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cultura e spettacolo

A Lucca si proietta l’ultimo documentario di Alberto Grossi

martedì, 28 gennaio 2020, 18:55

Giovedì 6 febbraio, alle ore 21.15 a Lucca presso il Complesso San Micheletto (Via San Micheletto, 3) sarà proiettato “Cave Cavem” l’ultimo documentario di Alberto Grossi. A seguire un dibattito, con gli interventi dell’autore, di Elia Pegollo, di Nicola Cavazzuti e di Franca Leverotti, finalizzato anche all'elaborazione di nuove proposte per un'economia che sostenga e valorizzi il territorio apuano.

La commissione Tutela Ambiente Montano (TAM) del CAI sezione di Lucca ha scelto di iniziare le sue attività di comunicazione parlando delle Alpi Apuane.

Le Alpi Apuane sono una catena montuosa unica al mondo: costiera, isolata, situata al confine tra la regione medioeuropea e la regione mediterranea, dall’aspetto aspro e imponente e con una straordinaria biodiversità vegetale tale da farle meritare l’appellativo di Giardino d’Europa. Sulle Apuane, infatti, vivono 1.784 specie vegetali (su un totale di quasi 6.000 specie italiane) di queste 104 sono protette e 30 sono strettamente endemiche, cioè vivono solo nel territorio apuano.

La natura geologica prevalentemente calcarea e il clima con un’elevata piovosità hanno reso le Apuane uno dei sistemi carsici più sviluppati e profondi d’Europa con oltre 70 km di gallerie e grotte (tra cui l’Antro del Corchia, la seconda grotta più estesa d’Europa) e abissi che raggiungono i 1.000 m di profondità. Per la stessa ragione, alle quote minori, abbiamo molte sorgenti tra cui quella del Frigido che, con oltre 1.500 l/s, è la sorgente più grande della Toscana.

L’altro elemento caratteristico delle Apuane è il pregiato marmo bianco per il quale sono sfruttate da oltre 2000 anni, con impatto sempre maggiore con l’evolversi delle tecnologie. Negli anni Settanta nell’attività estrattiva viene introdotto il filo diamantato che va a sostituire quello elicoidale. La velocità di taglio passa così da 0,5 a 18 m2 all’ora: 36 volte di più. Da quel momento, in un’ora si fa il lavoro di 36 ore, in un giorno quello di 36 giorni, in un anno quello di 36 anni. Parallelamente cambia anche il mercato e il materiale di scarto acquisisce importanza rispetto alla pietra ornamentale. Così oggi ciò che viene estratto è primariamente materiale che va ad alimentare l’industria del carbonato di calcio per la produzione di colle, solventi, dentifrici, cosmetici, e inerti per l’edilizia.

Presentato anche al Festival dei diritti umani di Napoli, “Cave cavem” è un documentario crudo che mostra la scomoda realtà del territorio apuano. Immagini e numeri mettono in evidenza gli aspetti cruciali dell'attività estrattiva e i danni che essa causa al territorio, deturpando il paesaggio e aggredendo un bene indispensabile come l'acqua. “Cave Cavem” è un grido in difesa delle Apuane e un invito ad acquisire consapevolezza sui rischi e sulle minacce che incombono sul nostro territorio, in particolare sulla disponibilità di acqua, a causa dell’esasperato sfruttamento del bacino marmifero apuano.

Serata organizzata da CAI sezione di Lucca con il patrocinio del Comune di Lucca e con la collaborazione di TAM CAI, GrIG Onlus, Assemblea Permanente Carrara, Associazione A. Benetti Massa, La Pietra Vivente e Fridays For Future.

Per informazioni: www.cailucca.it; facebook: @cailucca; Giulio 335 6144258; Silvia 329 3718544.

Serata a ingresso libero, fino a esaurimento posti.


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

celsius

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone


Altri articoli in Cultura e spettacolo


martedì, 22 settembre 2020, 19:23

A Lucca un percorso formativo certificato da Karin Mensah

Un percorso formativo in collaborazione con l'Accademia Superiore di canto di Verona, interamente certificato da Karin Mensah. è quello in programma a Lucca - a partire dal 17 ottobre prossimo - all'Accademia di musica La Rondine


martedì, 22 settembre 2020, 11:34

L’Ensemble Modo Antiquo in concerto all’Orto botanico

L’Ensemble Modo Antiquo sarà protagonista domani – mercoledì 23 settembre – alle ore 21 (Orto botanico) del terzo appuntamento della sezione “lucchese” del Festival Opera Barga 2020, concerti prodotti e promossi dall’Associazione Culturale Opera Barga e dal Teatro del Giglio


prenota_spazio


martedì, 22 settembre 2020, 11:23

Cancellato il concerto dei Lynyrd Skynyrd al Lucca Summer Festival

Il concerto previsto per l’edizione 2020 non sarà recuperato, gli spettatori potranno richiedere rimborso a partire da oggi


lunedì, 21 settembre 2020, 14:24

La corale ed il centro parrocchiale di Nave intitolati a don Fabio

La Corale ed il Centro Parrocchiale di Nave sono stati intitolati a monsignor Fabio Unti, per 30 anni parroco di questa frazione, come ricordo e testimonianza del suo impegno e del suo legame fortissimo con queste due realtà del paese


lunedì, 21 settembre 2020, 14:12

Lucca Teatro Festival chiude all'insegna del successo

Grande successo dell'edizione estiva del festival dedicato al teatro per famiglie e giovani. Da luglio a settembre 21 eventi sotto l'insegna del tutto esaurito


domenica, 20 settembre 2020, 15:49

Pupi Avati, emozione e tanti applausi in San Romano

Pupi Avati, un maestro del cinema e di vita. Emozione e tanti applausi ieri sera a San Romano durante l’incontro con il regista, una delle tappe lucchesi della quinta edizione del Festival Economia e Spiritualità


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px