Anno 7°

mercoledì, 23 settembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cultura e spettacolo

Zanna Bianca al Giglio

lunedì, 27 gennaio 2020, 17:17

Zanna Bianca, della natura selvaggia, testo che il drammaturgo Francesco Niccolini ha scritto ispirandosi liberamente ai romanzi e alla vita avventurosa di Jack London, va in scena al Teatro del Giglio giovedì 30 e venerdì 31 gennaio (alle ore 9.45) nell’ambito del cartellone dedicato alle nuove generazioni. Vincitore del prestigioso Premio Eolo Awards 2019 come Miglior Spettacolo, Zanna Bianca porta la firma registica di Luigi D’Elia (anche protagonista dello spettacolo) e Francesco Niccolini. 

Niccolini e D’Elia tornano nel luogo che amano di più, la grande foresta. Ma se cinque anni fa, ne La grande foresta, l'avevano raccontata con gli occhi di un bambino meravigliato e di un nonno esperto e silenzioso, questa volta rinunciano agli esseri umani e alle loro parole, per incontrare chi della foresta fa parte come le sue ombre, il muschio, l’ossigeno: i lupi. Nel grande Nord, al centro di un silenzio bianco e sconfinato, una lupa con chiazze di pelo color rosso cannella sul capo e una lunga striscia bianca sul petto, ha trovato la tana migliore dove far nascere i suoi cuccioli. Tra questi un batuffolo di pelo che presto diventerà il lupo più famoso di tutti i tempi: Zanna Bianca. 

Zanna Bianca è uno spettacolo che ha gli occhi di un lupo, da quando cucciolo per la prima volta scopre il mondo fuori dalla tana a quando fa esperienza della vita, della morte, della notte, dell’uomo, fino all'incontro più strano e misterioso: un ululato sconosciuto, nella notte. E da lì non si torna più indietro. Un racconto che morde, a volte corre veloce sulla neve, altre volte si raccoglie intorno al fuoco. Un omaggio selvaggio e passionale che racconta Jack London, i lupi, il Grande Nord e l’antica e ancestrale infanzia del mondo. 

«Il più celebre di tutti i lupi – scrive Francesco Niccolini - non c'è dubbio è White Fang, in Italia meglio conosciuto come Zanna Bianca. Ma forse non tutti ricordano che Zanna Bianca è un incrocio: un po' lupo e un po' cane. Più lupo che cane. E gli incroci, quelli che con disprezzo chiamiamo “bastardi”, sono gli animali migliori, perché spesso prendono i pregi di una razza e dell'altra. Così, quando io e Luigi D'Elia abbiamo cominciato a costruire lo spettacolo, ci siamo visti costretti a tradire Jack London e il suo celebre romanzo per dar vita al nostro incrocio: un po' Zanna Bianca. Troppo forte il richiamo del bosco, dell'estremo nord del mondo perché il lupo protagonista di questa storia invecchiasse come un cane da compagnia, in casa, su un tappeto, tra ciabatte e tende con i pizzi: impossibile, Zanna Bianca non è un qualunque, orribile cagnolino di città né da salotto. Infedeli a Jack London, abbiamo preferito la fedeltà ai suoi due romanzi mischiati insieme, e alle sue disavventure in cerca d'oro e celebrità: con un doppio salto mortale il “nostro” Zanna Bianca ha ceduto a quell'irrefrenabile richiamo della foresta che – a Dio piacendo, come diceva una cara nonnina di nostra conoscenza – ci auguriamo ogni ragazzo e ogni spettatore provi un giorno, almeno una volta. Senza pantofole, senza salotti, senza città, telefonini e merendine preconfezionate: solo bosco, il cuore che batte a mille e vita.» 

Biglietti: 6 euro (in vendita alla biglietteria del Teatro del Giglio). Info, prenotazioni e acquisti al numero 0583.465320 o via email biglietteria@teatrodelgiglio.it.

 

§§§

Teatro del Giglio | giovedì 30 e venerdì 31 gennaio 2020 ore 9.45

 

Zanna Bianca

della natura selvaggia

di Francesco Niccolini, liberamente ispirato ai romanzi e alla vita avventurosa di Jack London


regia Francesco Niccolini e Luigi D'Elia
con Luigi D'Elia
scene costruite da Luigi D'Elia
luci Paolo Mongelli

distribuzione Francesca Vetrano

una produzione INTI

con il sostegno della Residenza artistica di Novoli

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

celsius

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone


Altri articoli in Cultura e spettacolo


martedì, 22 settembre 2020, 19:23

A Lucca un percorso formativo certificato da Karin Mensah

Un percorso formativo in collaborazione con l'Accademia Superiore di canto di Verona, interamente certificato da Karin Mensah. è quello in programma a Lucca - a partire dal 17 ottobre prossimo - all'Accademia di musica La Rondine


martedì, 22 settembre 2020, 11:34

L’Ensemble Modo Antiquo in concerto all’Orto botanico

L’Ensemble Modo Antiquo sarà protagonista domani – mercoledì 23 settembre – alle ore 21 (Orto botanico) del terzo appuntamento della sezione “lucchese” del Festival Opera Barga 2020, concerti prodotti e promossi dall’Associazione Culturale Opera Barga e dal Teatro del Giglio


prenota_spazio


martedì, 22 settembre 2020, 11:23

Cancellato il concerto dei Lynyrd Skynyrd al Lucca Summer Festival

Il concerto previsto per l’edizione 2020 non sarà recuperato, gli spettatori potranno richiedere rimborso a partire da oggi


lunedì, 21 settembre 2020, 14:24

La corale ed il centro parrocchiale di Nave intitolati a don Fabio

La Corale ed il Centro Parrocchiale di Nave sono stati intitolati a monsignor Fabio Unti, per 30 anni parroco di questa frazione, come ricordo e testimonianza del suo impegno e del suo legame fortissimo con queste due realtà del paese


lunedì, 21 settembre 2020, 14:12

Lucca Teatro Festival chiude all'insegna del successo

Grande successo dell'edizione estiva del festival dedicato al teatro per famiglie e giovani. Da luglio a settembre 21 eventi sotto l'insegna del tutto esaurito


domenica, 20 settembre 2020, 15:49

Pupi Avati, emozione e tanti applausi in San Romano

Pupi Avati, un maestro del cinema e di vita. Emozione e tanti applausi ieri sera a San Romano durante l’incontro con il regista, una delle tappe lucchesi della quinta edizione del Festival Economia e Spiritualità


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px