Anno 7°

giovedì, 16 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cultura e spettacolo

“Gioia è arricchire la vita di chi ci è accanto”: il saluto di Khalid ai suoi insegnanti

martedì, 30 giugno 2020, 15:40

La lettera che segue, inviata ai propri insegnanti, è di Khalid Dakir, studente dell’ITE “Carrara”, Indirizzo “Sistemi Informativi Aziendali”, recentemente diplomatosi con l’esito di 86/100. Il pubblico lo ha conosciuto nell’occasione di una intervista  a suo tempo recepita dalla stampa locale con il titolo Elogio dell’amicizia, ovvero la storia di Khalid e della sua classe.  Nel suo scritto, lo studente esamina in modo personale ed estraneo ad ogni facile retorica l’incidenza che la scuola ha esercitato sulla sua crescita.

Marina Giannarini

Cari Professori,

cinque anni fa, prima di iniziare questo mio percorso, non avevo la minima idea di quello che mi aspettava, non pensavo che la trafila scolastica portasse con sé dei piccoli, grandi stravolgimenti esistenziali.

Non nego che, prima di intraprendere questo cammino, avevo un po' di apprensione, perché ogni cosa nuova genera un sentimento di paura. I primi giorni sono stati di adattamento al nuovo “mondo”, successivamente, con la mia predisposizione allo studio ed alla relazione umana, è andato tutto bene.

Il biennio è stato il periodo di rodaggio, il bello è venuto dopo. Infatti, gli ultimi tre anni sono quelli che rimangono maggiormente impressi per la complessità degli argomenti affrontati e perché le relazioni interpersonali si intrecciano in maniera più profonda. Si incomincia anche a vedere che senso prende la nostra vita, soprattutto in base alle scelte compiute. È il periodo più stimolante, in quanto ci troviamo nella fase finale della crescita. Nel mio caso specifico tutto è amplificato perché, purtroppo o per fortuna, la mia condizione fisica non ha influito quasi per niente, se non in maniera positiva, sul mio percorso scolastico e, non meno importante, su quello personale. Questa mia condizione mi ha permesso di conoscere persone meravigliose, dato che il mio modo di essere e di approcciarmi alla vita mi ha fatto scoprire in coloro con i quali entravo in contatto aspetti umani che non pensavo di trovare.

Mi riferisco ai miei compagni di classe, il cui punto di forza è la solidarietà, un valore che, difficile da trovare in casi come il mio, ci ha consentito di completarci a vicenda. Con loro ho condiviso momenti belli e momenti difficili, ma anche in quelli di difficoltà siamo rimasti uniti. Penso che il periodo atipico della DaD ci abbia tolto la possibilità di continuare a vivere ancora pienamente la nostra amicizia “in presenza”. Se dovessi racchiudere in una parola questo mio sentimento, non potrei farlo perché troppo ricco, profondo e sentito, frutto di un cammino in cui ho imparato a provare determinate sensazioni che prima non avvertivo in maniera così intensa. Spero di continuare questo invidiabile rapporto con loro anche dopo la fine del percorso scolastico, perché ha cambiato la mia visione di una vita un po' complicata. Tutto questo grazie anche ad un corpo docente preparatissimo che non ha come obiettivo principale l’insegnare e basta, bensì l’incoraggiare e stimolare la crescita interiore; io sono stato fortunato perché con alcuni docenti curricolari e di sostegno ho sviluppato una relazione empatica che mi ha aiutato non solo a maturare consapevolezze che prima non avevo, ma anche a studiare.

Sono sicuro che questo mio indelebile trascorso avrà delle inevitabili ripercussioni, positivamente parlando, sul mio futuro, a livello sia personale sia professionale. Dal punto di vista professionale, grazie alle consapevolezze maturate ho capito che l’ambizione non ha limiti di alcun genere, anzi, gli ostacoli sono solo stimoli che aiutano ad andare avanti e a progredire. Tuttavia, la mia gioia più grande non sarebbe tanto quella di avere un lavoro gratificante nel quale crescere e realizzarmi, quanto quella di arricchire la vita di chi mi sta accanto. Le persone diversamente abili, infatti, molto spesso hanno paura di dimostrare quello che valgono: io, questo, vorrei evitarlo. Spero di avere contribuito in qualche modo alla comunità alla quale appartengo e di essere ricordato per quello che sono, per la mia partecipazione attiva non solo al contesto scolastico, ma anche nelle relazioni interpersonali e spero di aver fatto passare il messaggio: “qualsiasi avversità la vita ti metta davanti, bisogna reagire con un sorriso”. Questo mio “viaggio” mi ha aiutato a capire, anche attraverso compagni-amici e docenti, che la mia condizione “speciale “è un valore aggiunto senza il quale non sarei quello che sono oggi.

Khalid


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

celsius

esedra

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone


Altri articoli in Cultura e spettacolo


giovedì, 16 luglio 2020, 14:01

Torna la musica in piazza del Giglio

Torna la musica in piazza del Giglio: venerdì 17 luglio alle ore 21, il recital lirico “Donne all’opera” con Antonella Biondo, Lara Leonardi e Arianna Tarantino


mercoledì, 15 luglio 2020, 14:28

L'Indo-Pacifico non è pacifico: si presenta a Lucca il nuovo numero di Limes

L'Indo-Pacifico non è pacifico. Giovedì 16 luglio alle 21,30 appuntamento nel chiostro dell'ex Real Collegio (in piazza del Collegio a Lucca) per la presentazione del numero 6/2020 di Limes – Rivista italiana di geopolitica


prenota_spazio


martedì, 14 luglio 2020, 14:45

Tutto pronto per il gran gala lirico in piazza San Martino

Ospite acclamata dei più importanti teatri del mondo, fra i quali il Metropolitan Opera, la Royal Opera House, il Teatro alla Scala, la Bayerische Staatsoper, la Staatsoper di Berlino, la Staatsoper di Vienna e l'Opéra di Parigi, Sonya Yoncheva sarà protagonista a Lucca


martedì, 14 luglio 2020, 09:47

Cinema: “Mister Wonderland”, su emigrante lucchese, re dei cinema in USA, in programma sulla piattaforma Più Compagnia

Il documentario sarà visibile il 15 luglio sulla sala on line del cinema La Compagnia. E' la straordinaria storia di Sylvester Z. Poli emigrato da Lucca in America alla fine del XIX secolo, e diventato il più̀ grande proprietario di sale cinematografiche del suo tempo


lunedì, 13 luglio 2020, 15:33

L’Oratorio degli Angeli Custodi e la Fortezza delle Verrucole su Rai Due

L’Oratorio degli Angeli Custodi, nel centro storico di Lucca, e la Fortezza delle Verrucole, a San Romano in Garfagnana, sono al centro della puntata del programma televisivo “L’Italia che fa”, condotto da Veronica Maya, conduttrice e volto di punta della Tv di Stato, in onda domani, martedì, su Rai 2...


lunedì, 13 luglio 2020, 14:59

Lucca Curiosa visita la chiesa di San Benedetto in Gottella

La chiesa, sul lato di levante di Piazza Bernardini, ha origini precedenti al mille, come testimoniano le decorazioni medioevali presenti nella sagrestia. Venne poi ricostruita nel XIII secolo in laterizio, con una facciata in pietra e calcare bianco


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px