Anno 7°

giovedì, 6 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cultura e spettacolo

La mostra fotografica dell'artista di Forte Dei Marmi Florian D'Angelo a GreenheArt

giovedì, 2 luglio 2020, 16:17

Domenica 5 luglio, alle ore 21, nel teatro naturale di GreenheArt, lo spazio si accende dei suoni del mare... che "sa parlare" e dice cose che non sempre ci piacciono. Ci racconta della nostra disattenzione, del nostro menefreghismo, e ci sputa addosso i relitti non di antiche navi, ma i nostri resti umani, poco umani. Una mostra che ricorda e sottolinea l'importanza della cultura del ri-uso e del ri-ciclo. Per il rispetto di noi stessi e dell'ambiente: praticamente la stessa cosa.

Il ritmo vertiginoso del cambiamento svalorizza tutto ciò che potrebbe essere desiderabile e desiderato oggi, contrassegnandolo fin dall'inizio come lo scarto di domani, mentre il timore di essere scartati che trasuda dall'esperienza del ritmo vorticoso del cambiamento induce i desideri a essere più avidi, e il cambiamento stesso a essere più rapidamente desiderato..."
Zygmunt Bauman , Vite di scarto

 
La ricerca "MareMeerMarSeaMer" intrapresa quattro anni fa da Florian D'Angelo abbraccia la complessità e la natura itinerante di processo di scoperta, acquisizione e studio delle dinamiche ambientali dedicate all'ecosistema marino.

L'aggravarsi dell'emergenza ambientale legata allo spreco di risorse e ai temi legati al riscaldamento globale rendono l'opera di D'Angelo ancora più attuale.
L'utilizzo di mezzo fotografico per documentare l'inquinamento marino è andato di pari passo a quello della performance attraverso mezzi di comunicazione tradizionali come l'apposizione di manifesti pubblici e la presenza in gallerie e sedi museali istituzionali.

La sua ricerca ha incluso partner istituzionali, enti ed esperti in campo di conservazione della biosfera, includendo workshop e giornate dedicate alla conoscenza del problema dell'inquinamento che, partendo dalle spiagge toscane, si fa globale.

D'Angelo ci interroga sul ruolo della nostra specie e sull'impatto che abbiamo sul pianeta che ci ospita come ineludibile effetto collaterale del progresso economico. Con la sua opera denuncia lo stato dei mari attraverso il materiale ritrovato sulle nostre spiagge: macerie che appartengono all'uomo e che a questo ritornano come relitti di una società che produce più di quanto richiesto. Questi oggetti, scarto della nostra società dei consumi, sono riprodotti dall'artista  in maniera assoluta, decontestualizzati dall'ambiente circostante, come relitti senza tempo e senza spazio.

Nel suo lavoro c'è un tema iconografico che riguarda la natura e la sua mutazione in relazione all'uomo e sono ineludibili al confronto teoretico.

La percezione che ognuno di noi ha sull'opera di D'Angelo è complessivamente varia ma lo spettatore è coinvolto e stimolato ad avvicinarsi per comprendere la relazione tra uomo e ambiente. Questo paradigma può essere sciolto in maniera attiva, prendendo come assunto l'uomo tiranno dei sui tempi o in maniera passiva, come teoria dell'abbandono perché si tratta di scarti rispetto a cui non è concepibile alcun riciclaggio ecologico, sociale, economico.

I rifiuti e il loro scarto sono il simbolo dell'accelerazione dei tempi e rappresentano ciò che a tutti i costi vogliamo rimuovere, fino a dimenticarcene: questi ci appaiono come rovine ineludibili delle nostra società per i quali proviamo una centra empatia in quanto ci appartengono ma verso i quali abbiamo già elaborato il lutto e creato una distanza verso questi.

La dimensione escatologica dei rifiuti, degli scarti è legata tanto all'archeologia dei saperi di Foucaultiana memoria, che ci dà il diagramma di stato di un'opera, quanto alla funzione sociale di attivatore sociale; anche D'Angelo vuole stimolare il singolo fruitore riattivando il pensiero critico, la sua opera diventa mezzo e fine di comunicazione sociale e l'artista diventa curatore e primo spettatore di se stesso.

Gli scatti di D'Angelo sono dispositivi di analisi che indicano come cartelli il pericolo prossimo lungo la strada di sviluppo da noi intrapresa.


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

celsius

esedra

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone


Altri articoli in Cultura e spettacolo


giovedì, 6 agosto 2020, 16:12

Giorgio Panariello, rinviato al 2021 lo spettacolo al Teatro del Giglio

A causa dell'emergenza sanitaria e alla luce delle relative disposizioni governative in tema di salute pubblica in merito ad assembramenti di persone, sono rinviate alla primavera 2021 le date de "La Favola Mia", il nuovo spettacolo teatrale di Giorgio Panariello


giovedì, 6 agosto 2020, 12:51

Ecco la programmazione di Estatecinema a Villa Bottini Lucca fino al 6 settembre

L'arena di Villa Bottini sta accogliendo in piena sicurezza e distanziamento garantito numerosi spettatori che ogni sera si avvicinano alla sala per vedere o rivedere film della stagione appena terminata e i nuovi titoli in uscita per la prima volta in sala


prenota_spazio


giovedì, 6 agosto 2020, 11:45

Il mondo digitale nella mente. A Lucca la mostra di Rachel Lee Hovnanian

Nella chiesa di San Cristoforo esposta un'installazione multimediale dell'artista americana. Ad ingresso libero dal 7 agosto fino al 6 settembre


giovedì, 6 agosto 2020, 11:45

Nell'archivio personale di Maria Eletta Martini un pezzo di storia del Novecento

Nell'archivio personale di Maria Eletta Martini un pezzo di storia del Novecento. I faldoni custoditi dai familiari conferiti al Centro di Ricerca. Saranno catalogati, digitalizzati e resi fruibili


mercoledì, 5 agosto 2020, 15:05

Lucca Classica Estate: Gabriele Ragghianti e Simone Soldati in concerto

Venerdì 7 agosto, alle 21.15 nella chiesa di S. Francesco. In programma musica di Bach, Schumann, Boccherini e Bottesini


mercoledì, 5 agosto 2020, 13:06

Gene Gnocchi ospite della rassegna '... Ma la notte sì con lo spettacolo Sconcerto Rock

Gene Gnocchi mercoledì 26 agosto sarà ospite della rassegna ".. Ma la notte sì" promossa dal Comune e gestita da Cineforum Ezechiele 25,17 e Grimaldi Impianti con il sostegno di Regione Toscana, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e alcune aziende del territorio, che si svolge nell'area verde sul retro...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px