Anno 7°

mercoledì, 21 agosto 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cuori in divisa

Gianni Tonelli annuncia lo sciopero della fame: "Basta schiaffi alla democrazia"

mercoledì, 17 gennaio 2018, 18:51

di elena ricci

Diritti calpestati, libertà di espressione lesa, due pesi e due misure. Il tutto fa emergere un rapporto controverso tra i poliziotti e la loro amministrazione. È quanto è stato denunciato e reso pubblico dal Sindacato Autonomo di Polizia, nella persona del suo segretario generale Gianni Tonelli, durante una conferenza stampa tenutasi presso la sala “Caduti di Nassiriya” del Senato della Repubblica, alla quale ha preso parte anche Marisa Grasso, vedova Raciti.

Tutto ha inizio il 23 novembre 2017, giorno in cui Tonelli, denuncia con una lettera aperta indirizzata al capo della Polizia e pubblicata sui giornali, il fatto che un suo strettissimo collaboratore, il prefetto Stefano Gambacurta, abbia prestato la sua immagine istituzionale quale “sigillo di bontà”, in una video presentazione del programma elettorale di un partito, il Movimento Cinque Stelle.

“E’ una cosa gravissima – ha detto Gianni Tonelli – in questo modo ci ritroveremo allora Prefetti, Questori e altre autorità, presentare programmi di partiti?”.

Alla missiva di Tonelli seguì, il giorno successivo, la replica del prefetto Gambacurta che sostenne di non fare campagna elettorale per il Movimento Cinque Stelle.

La denuncia dell’esponente del sindacato non è stata vista di buon occhio, tant’è che lo scorso 18 dicembre, la questura di Bologna (presso la quale Tonelli è in forza) ha notificato allo stesso un procedimento disciplinare che prevede la sospensione dal servizio. Questo perché, a dire della questura, Tonelli avrebbe mosso accuse offensive e lesive “non supportate da prove e che configurano una valutazione puramente soggettiva di fatti che di per sé paiono altamente lesivi della dignità dell’istituzione dell’Amministrazione della P.S., in quanto lesivi dell’onore e della reputazione del vertice stesso”.

Gianni Tonelli non si lascia intimorire: “Vogliono punirmi perché ho detto la verità. Questi provvedimenti dimostrano che è saltato il banco delle regole elementari della democrazia. Questa è una cosa gravissima”.

Per questo motivo Gianni Tonelli ha annunciato lo sciopero della fame. A sostenerlo nella sua battaglia anche Marisa Grasso, vedova Raciti, presente in conferenza stampa, la quale si unirà allo sciopero simbolicamente per qualche giorno, in segno di appoggio e solidarietà.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


Altri articoli in Cuori in divisa


lunedì, 5 agosto 2019, 18:00

50 immigrati accerchiano volante, la distruggono e mandano due agenti in ospedale

50 immigrati accerchiano volante, la distruggono e mandano due agenti in ospedale. Paoloni (Sap): «La misura è colma. Non ci stiamo a farci pestare»


lunedì, 29 luglio 2019, 09:06

Uil Polizia: “Carabiniere ucciso, Eliana Frontini (dis)educatrice professionale”

Il segretario nazionale Gianluca Pantaleoni, del sindacato Uil Polizia, interviene per commentare il pensiero espresso da un’insegnante di Novara circa l’uccisione del brigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega


sabato, 27 luglio 2019, 16:49

Carabiniere ucciso a Roma. Paoloni (Sap): «E’ una strage. Soggetti senza rispetto per la vita umana»

«Esprimiamo profondo cordoglio all’Arma dei Carabinieri per questo tragico evento e vicinanza alla famiglia del giovane Vice Brigadiere barbaramente ucciso. E’ il quinto collega caduto in servizio dall’inizio dell’anno, a fronte dei tanti che ogni giorno vengono feriti mentre svolgono il servizio.


martedì, 23 luglio 2019, 12:56

Giorgio Napolitano in vacanza con 4 agenti di scorta. Paoloni (Sap): «Ci sono priorità più importanti, Napolitano può scegliere vacanze meno impegnative»

"Quattro agenti di scorta per Giorgio Napolitano e per sua moglie. Due ciascuno, in modo tale da potersi spostare per le proprie esigenze. E’ la richiesta pervenuta alla questura di Livorno, dove il presidente emerito e sua moglie, sono in vacanza per 45 giorni"


martedì, 9 luglio 2019, 14:14

Corteo antifa, poliziotto ferito da molotov. Per i giudici manifestazione “legittima”

«Un antagonista condannato a 1 anno di reclusione per il lancio di bottiglie contro le forze dell’ordine. Tutti gli altri sono stati assolti poiché difficile da identificare in quanto avevano il volto completamente travisato, in una manifestazione che i giudici hanno ritenuto ‘legittima’ poiché contro il fascismo, durante la quale...


sabato, 8 giugno 2019, 16:29

Nigeriano manda 3 poliziotti in ospedale e il giudice lo libera. Paoloni (Sap): «Lasciati soli»

«Abbiamo iniziato a contare le aggressioni ai nostri colleghi, postando una cartolina sui nostri canali social. Abbiamo iniziato il 1° giugno e, ad oggi, le aggressioni sono già 10. L’ultima è avvenuta ieri mattina a Bologna»


Ricerca nel sito