Anno 7°

martedì, 28 gennaio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cuori in divisa

1° maggio, festa dei lavoratori. Tonelli (Sap): «Generale ipocrisia istituzionale»

martedì, 1 maggio 2018, 13:27

«Oggi è il 1°maggio, festa di tutti i lavoratori, compresi quelli in divisa. E oggi, tutti, si riempiranno la bocca, comprese le alte cariche dello Stato, di “sicurezza sul posto di lavoro”, perché questo è uno dei grossi problemi». A dichiararlo è l’onorevole Gianni Tonelli, Segretario Generale Aggiunto del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap).

«Con riferimento alle normative 626/94 e 81/08 che sono le due leggi fondamentali – continua l’On. Tonelli - faccio presente che con una generale ipocrisia istituzionale, ancora non sono stati recepiti i decreti attuativi, per cui tutti gli uomini in divisa sono fermi, dal punto di vista normativo sulla sicurezza sui posti di lavoro, al 1993. Ogni anno, solo nella Polizia di Stato, per fatti che concernono il lavoro, finiscono in ospedale 6000 persone. Non si pensa alla sicurezza, i giubbetti anti proiettili sono scaduti o inidonei, i caschi sono marci, le armi non vengono sottoposte a manutenzione, i nostri ambienti sono luridi e la gran parte fuori legge – e prosegue - Veniamo chiamati ad andare a perseguire comportamenti nei cantieri, in altri posti di lavoro, negli ambienti esterni, quando a casa nostra siamo anni luce indietro e completamente fuori legge. Sarebbe ora di finirla con questa ipocrisia istituzionale iniziando a considerare gli operatori delle forze dell’ordine come tutti gli altri lavoratori".

"Il mio impegno da Segretario Generale Aggiunto del Sap, ma soprattutto da Parlamentare – conclude Tonelli - sarà proprio mirato anche in questa direzione che, purtroppo, negli anni, mi ha portato a dover assumere delle posizioni molto dure, forti ed eclatanti, come uno sciopero della fame durato ben 61 giorni».

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


Altri articoli in Cuori in divisa


venerdì, 24 gennaio 2020, 14:07

Si è dimesso Alessandro Galardini, l’assessore che ha chiamato “fascisti” le forze dell’ordine

Si è dimesso l’assessore che ha chiamato “fascisti” le forze dell’ordine. Paoloni (Sap): «Non poteva rappresentare le istituzioni»


venerdì, 24 gennaio 2020, 14:03

Per l’assessore non va dedicata una piazza ai caduti delle forze dell'ordine perché sono “fascisti”. Paoloni (Sap): «Si vergogni e si dimetta»

«Scandaloso quanto accaduto quest’oggi durante la pausa in consiglio comunale a Montale, in provincia di Pistoia. Come può un assessore, dunque un rappresentante delle istituzioni, commentare una mozione per l’intitolazione di una via o piazza ai caduti delle forze dell’ordine, dicendo che questi sono dei fascisti»


venerdì, 24 gennaio 2020, 10:42

Zetti (NSC) contro Galardini: “Frasi indegne, si dimetta se ha una dignità”

Le recenti affermazioni dell’assessore del comune di Montale hanno fatto discutere. Prende posizione Massimiliano Zetti, segretario generale del Nuovo Sindacato Carabinieri


domenica, 19 gennaio 2020, 15:13

Napoli, baby gang si scaglia contro i poliziotti. E la Sinistra vuole cancellare i decreti sicurezza

Napoli, baby gang si scaglia contro i poliziotti. Paoloni (Sap): «I delinquenti prendono il sopravvento ma per qualcuno la priorità è cancellare il DL Sicurezza Bis»


martedì, 31 dicembre 2020, 15:45

NSC elogia la maxi operazione di Gratteri: “Adesso si riconosca l’impegno e il sacrificio dei militari”

Il Nuovo Sindacato Carabinieri è orgoglioso di rappresentare il personale che ha operato 330 arresti nella maxi operazione diretta dal Procuratore Nicola Gratteri


venerdì, 29 novembre 2019, 17:09

Sindacalizzazione dei militari: il NSC in Parlamento per ribadire l’urgenza

Dichiarazione di Massimiliano Zetti, segretario generale NSC all’uscita da Montecitorio, dove ha ribadito la necessità di addivenire quanto prima ad una definizione della questione sindacale in ambito militare, ferma ormai da tempo anche per volontà di chi vede questa epocale innovazione con preoccupazione


Ricerca nel sito