Anno 7°

giovedì, 23 maggio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cuori in divisa

Inveì contro gli agenti al corteo, insegnante licenziata. Era ora!

mercoledì, 13 giugno 2018, 16:15

"Siete delle merde": questa una delle frasi urlate in faccia agli agenti da un'insegnante, Lavinia Flavia Cassaro, 38 anni, durante una manifestazione antifascista indetta per protestare contro un comizio di CasaPound. L’Ufficio scolastico regionale del Piemonte ha concluso il procedimento disciplinare nei suoi confronti avviato all'indomani dell'episodio contestato alla professoressa.

La Cassaro è stata indagata dalla procura della Repubblica presso il tribunale di Torino per i reati di istigazione a delinquere, oltraggio a pubblico ufficiale e minacce. Il provvedimento disposto dall’ufficio scolastico ha disposto il licenziamento a partire dal 1 marzo 2018, da quando, cioè, la segnalazione sui fatti di quel 22 febbraio a Torino fu consegnata alla procura.

Il sindacato Cub Scuola, com'era prevedibile, è sceso in campo per difendere la sua iscritta e minimizzare l'accaduto adducendo come giustificazione il comizio 'fascista' di CasaPound. Fornirà assistenza legale gratuita alla professoressa e presenterà ricorso contro il provvedimento. I sindacalisti, anche in questo caso, non si smentiscono mai. 

"Dovete morire" aveva gridato anche la docente la quale, nel video che pubblichiamo, appare tutt'altro che disposta e disponibile a un proficuo confronto tra le parti.

Per quanto ci riguarda, il minimo che possiamo aggiungere è che, se avessimo dei figli, faremmo il possibile per non farli diventare alunni di una insegnante così schierata.

 

 

 

Video Inveì contro gli agenti al corteo, insegnante licenziata. Era ora!


Questo articolo è stato letto volte.


Altri articoli in Cuori in divisa


mercoledì, 8 maggio 2019, 20:20

Viminale annuncia Decreto Sicurezza Bis. Paoloni (Sap): «Dalle parole ai fatti. Finalmente maggiori tutele per uomini e donne in divisa»

«Fonti del Viminale rivelano che nel nuovo Decreto Sicurezza, ancora in fase di elaborazione, vi sia una norma appositamente studiata per garantire maggiore tutela alle Forze dell’Ordine e per difendere gli uomini e le donne in divisa.


venerdì, 26 aprile 2019, 22:09

22enne straniero spara e tenta di uccidere ufficiale dei carabinieri

22enne straniero spara e tenta di uccidere ufficiale dei carabinieri in pieno centro cittadino. Paoloni (Sap): «Avrebbe potuto ripetersi la tragedia di Foggia. Pene severe per chi tenta di uccidere espressioni dello Stato»


mercoledì, 24 aprile 2019, 21:36

In Italia per motivi umanitari rompe il naso a poliziotto

In Italia per motivi umanitari rompe il naso a poliziotto. Paoloni (Sap): «Aggrediscono i poliziotti consapevoli di restare impuniti»


martedì, 2 aprile 2019, 18:55

Insegnante sputa contro poliziotti. Paoloni (Sap): «Le competenze non danno l’esempio, si vergogni e chieda scusa»

A dichiararlo è Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap), in merito alla denuncia per resistenza scattata nei confronti di Maria Giachi, insegnante di matematica, attivista dei centri sociali che, durante gli scontri di Padova, ha scalciato e sputato contro i poliziotti


venerdì, 29 marzo 2019, 16:21

Morte di Jefferson Tomala, imputazione coatta per poliziotto. Paoloni (Sap): «Sistema che difendiamo ci avversa»

«Siamo sbalorditi. Si finisce a processo con la colpa di aver difeso noi stessi e il collega che opera con noi»


martedì, 26 marzo 2019, 17:45

Battisti ammette e chiede scusa. Paoloni (Sap): «Troppo tardi e troppo facile»

«E’ troppo tardi e anche troppo facile chiedere scusa dopo 37 anni di latitanza, sbeffeggiando la giustizia». Commenta così Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap), l’ammissione di Cesare Battisti con conseguente richiesta di scuse ai partenti delle vittime


Ricerca nel sito