Anno 7°

mercoledì, 20 febbraio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cuori in divisa

"Agenti aggrediti dagli immigrati. Ora basta"

giovedì, 11 ottobre 2018, 12:22

«Strumentalizzare la vicenda di Borgo Mezzanone, trasformando gli aggressori in vittime e i poliziotti in carnefici, è tipico di chi cavalca vicende simili per andare contro le forze dell’ordine e mascherare la difesa dei propri interessi con quella degli immigrati». Commenta duramente Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap), il clamore mediatico suscitato da alcuni video girati dai cellulari degli extracomunitari residenti nel ghetto di Borgo Mezzanone, che “escluderebbero” le violenze ai danni dei poliziotti che il Sap ha denunciato tre giorni fa.

«Quei video sono stati girati dagli stessi migranti, e in essi si vedeva che molti di loro sono dotati di telefono cellulare per le riprese. Questo risulta anche utile, perché è da anni che chiediamo a gran voce di essere dotati di telecamere sulle divise per operare in trasparenza. Trasparenza però – prosegue Paoloni – significa lasciare i video nella propria integrità e non tagliati o interrotti come sembrano apparire quelli diffusi dai comitati. Nei video diffusi in rete, mancherebbero l’inizio e la fine però una cosa è evidente: la resistenza a pubblico ufficiale. La violenza contro i poliziotti, che non si vede nelle immagini ma che con molta probabilità gli inquirenti riusciranno ad acquisire, è dimostrata nei referti medici che parlano di contusioni, frattura del setto nasale e lesioni sul corpo, guaribili in 30 giorni salvo complicazioni, mentre per l’altro poliziotto lesioni guaribili in 15 giorni. La circostanza è stata confermata alla stampa anche dal Questore di Foggia Mario Della Cioppa».

In merito all’ammanettamento del gambiano alla ruota dell’auto, Paoloni precisa «L’arresto è stato effettuato da due agenti della stradale, completamente accerchiati da altri immigrati. L’auto della stradale non è come una volante, non ha lo stesso livello di protezione, avrebbero potuto accedervi o peggio, distruggerla».


Questo articolo è stato letto volte.


Altri articoli in Cuori in divisa


mercoledì, 13 febbraio 2019, 16:05

Torino, scarcerati antagonisti. Paoloni (Sap): «Tre giorni di carcere per aver devastato una città»

Accusati di devastazione, porto e lancio di oggetti esplodenti, resistenza aggravata, blocco stradale, gli undici antagonisti arrestati sabato sera a Torino, mentre cercavano di sfuggire alle Forze dell’ordine, sono stati rilasciati questa mattina


martedì, 12 febbraio 2019, 21:21

Disposta archiviazione per poliziotto di Guidonia che sparò e uccise due rapinatori

Costretto a sparare “dalla necessità di evitare un pericolo imminente per la propria vita”. Con questa motivazione il Gip di Tivoli ha disposto l’archiviazione per Nicola, il poliziotto eroe di Guidonia che nell’estate del 2017, sparò e uccise due rapinatori mentre era libero dal servizio


martedì, 12 febbraio 2019, 20:10

Sputa contro poliziotto, ma viene assolto perché l’agente era in borghese

Sputa contro poliziotto, ma viene assolto perché l’agente era in borghese. Paoloni (Sap): «Sentenza che fa cascare le braccia»


venerdì, 8 febbraio 2019, 16:52

"Lombardi (S.I.U.L.P.): "Nella provincia di Lucca e soprattutto nella Versilia serve personale"

Il segretario provinciale generale del sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia, Domenico Lombardi, interviene in merito all'aggressione di un poliziotto in servizio avvenuta due giorni fa a Viareggio


giovedì, 7 febbraio 2019, 15:06

Poliziotto indagato per schianto bandito dopo inseguimento. Paoloni (Sap): «Atto dovuto sulla pelle dei poliziotti»

Così Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap), commenta la notizia del poliziotto che a Torino, è stato sottoposto ad indagine per un inseguimento nel corso del quale un bandito è morto dopo essersi schiantato


domenica, 27 gennaio 2019, 18:04

Extracomunitario armato di spranga ferisce operatore Croce Rossa e forze dell’ordine

Un uomo di 35 anni, cittadino del Togo, questa mattina intorno alle 8, ha dato in escandescenze presso il centro di accoglienza ex Alimarket di Bolzano. Un operatore della Croce Rossa che ha cercato di calmarlo è stato selvaggiamente picchiato


Ricerca nel sito