Anno 7°

lunedì, 16 settembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cuori in divisa : lettere alla gazzetta

"Solidarietà ai poliziotti indagati per gli scontri di giovedì a Genova"

sabato, 25 maggio 2019, 01:45

di andrea conti

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa riflessione inviataci da un lettore sul contenuto della quale non possiamo che essere concordi:

Caro direttore, 

volevo, attraverso la sua testata, esprimere la mia solidarietà ai poliziotti indagati per gli scontri di giovedì a Genova.

Purtroppo la loro sfortuna è stata quella di essersi dovuti difendere da decine persone violente e facinorose che non cercavano altro che provocare violenza e scontri, ma solo perché facenti parte di una certa parte politica, legittimati a farlo.

L’altra grande sfortuna è stata, oltre a doversi difendere da un orda di gente violenta, anche quella di aver trovato sulla loro strada un giornalista, sempre appartenente a quella certa parte politica, che non aspettava altro che un’occasione per poter diffamare e accusare le forze dell’ordine e la controparte politica avversa…

Ed infatti….ecco subito le scuse del prefetto, del questore e chi più ne ha più ne metta!!

Se una persona è dotata di un minimo di ragionevolezza, può arrivare a capire che nel momento in cui decine di persone ti si scagliano contro con bastoni, sassaiole e altre armi improprie, in mezzo ai fumogeni e alla calca, non c’è il tempo per capire chi hai di fronte: devi solo difenderti.

In quei momenti avrebbero travolto anche il presidente della Repubblica se fosse stato lì!!!

Ma al giorno di oggi purtroppo, andiamo sempre di più verso una deriva anarchica e di violenza gratuita purché sia ben schierata da una parte politica a cui fa molto comodo, e proprio per questo mi sento veramente vicino a quei poveri poliziotti che dovranno passare momenti molto difficili.

Difficili perché chi dovrebbe difenderli, come dicevo prima, ha già fatto le proprie scuse ai violenti e dovranno usare questi poliziotti come capro espiatorio per salvarsi il “culo”.

Purtroppo non posso fare molto, posso solamente essere vicino a questi poliziotti e alle loro famiglie e ringraziare come cittadino Italiano, tutte le forze dell’ordine che ogni giorno ci difendono dalla violenza per un misero stipendio.

E poi .. andare a votare per provare a cambiare questo stato di cose e ridare dignità ai cittadini Italiani onesti e pacifici.

Grazie Ragazzi


Questo articolo è stato letto volte.


Altri articoli in Cuori in divisa


sabato, 7 settembre 2019, 13:36

E' cambiata l'aria: insegnante riammessa a scuola dopo insulti al carabiniere ucciso

«Ci lascia perplessi la decisione della commissione disciplina che ha permesso all’insegnante novarese Eliana Frontini, il rientro a scuola, dopo le orribili frasi apparse a suo nome sui social network, relativamente alla morte del vice brigadiere Cerciello Rega».


lunedì, 5 agosto 2019, 18:00

50 immigrati accerchiano volante, la distruggono e mandano due agenti in ospedale

50 immigrati accerchiano volante, la distruggono e mandano due agenti in ospedale. Paoloni (Sap): «La misura è colma. Non ci stiamo a farci pestare»


lunedì, 29 luglio 2019, 09:06

Uil Polizia: “Carabiniere ucciso, Eliana Frontini (dis)educatrice professionale”

Il segretario nazionale Gianluca Pantaleoni, del sindacato Uil Polizia, interviene per commentare il pensiero espresso da un’insegnante di Novara circa l’uccisione del brigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega


sabato, 27 luglio 2019, 16:49

Carabiniere ucciso a Roma. Paoloni (Sap): «E’ una strage. Soggetti senza rispetto per la vita umana»

«Esprimiamo profondo cordoglio all’Arma dei Carabinieri per questo tragico evento e vicinanza alla famiglia del giovane Vice Brigadiere barbaramente ucciso. E’ il quinto collega caduto in servizio dall’inizio dell’anno, a fronte dei tanti che ogni giorno vengono feriti mentre svolgono il servizio.


martedì, 23 luglio 2019, 12:56

Giorgio Napolitano in vacanza con 4 agenti di scorta. Paoloni (Sap): «Ci sono priorità più importanti, Napolitano può scegliere vacanze meno impegnative»

"Quattro agenti di scorta per Giorgio Napolitano e per sua moglie. Due ciascuno, in modo tale da potersi spostare per le proprie esigenze. E’ la richiesta pervenuta alla questura di Livorno, dove il presidente emerito e sua moglie, sono in vacanza per 45 giorni"


martedì, 9 luglio 2019, 14:14

Corteo antifa, poliziotto ferito da molotov. Per i giudici manifestazione “legittima”

«Un antagonista condannato a 1 anno di reclusione per il lancio di bottiglie contro le forze dell’ordine. Tutti gli altri sono stati assolti poiché difficile da identificare in quanto avevano il volto completamente travisato, in una manifestazione che i giudici hanno ritenuto ‘legittima’ poiché contro il fascismo, durante la quale...


Ricerca nel sito