Anno 7°

domenica, 18 agosto 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cuori in divisa

Viminale annuncia Decreto Sicurezza Bis. Paoloni (Sap): «Dalle parole ai fatti. Finalmente maggiori tutele per uomini e donne in divisa»

mercoledì, 8 maggio 2019, 20:20

«Fonti del Viminale rivelano che nel nuovo Decreto Sicurezza, ancora in fase di elaborazione, vi sia una norma appositamente studiata per garantire maggiore tutela alle Forze dell’Ordine e per difendere gli uomini e le donne in divisa. E’ un grande passo in avanti che ancora una volta, dimostra come questo Esecutivo dalle parole passi ai fatti, confermando la sicurezza tra le priorità di Governo».

A dichiararlo è Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap)

«Come Sap – prosegue Paoloni – è una cosa che chiediamo da sempre. Da anni, anche con le campagne ‘Chi difende i difensori’, ci siamo battuti affinché fossero garantite agli operatori delle forze dell’ordine in servizio su strada, le tutele e le garanzie funzionali opportune. Queste ultime – continua – sono indispensabili proprio per fornire dotazioni idonee a rendere efficace il servizio; tutele in ambito legale per quei colleghi che, per fatti di servizio, si ritrovano catapultati in filoni processuali molto spesso scaturiti dalla difesa dei fermati, i quali hanno ben capito che l’arma migliore per difendersi è quella di denunciare il poliziotto che, di conseguenza, da testimone, si ritroverà imputato in procedimento connesso. Gli operatori delle forze dell’ordine vanno tutelati anche attraverso norme più stringenti verso chi oltraggia, usa violenza o resistenza nei confronti di chi veste una divisa. Una norma insomma, attesa da sempre e che – conclude – auspichiamo possa restituire dignità a chi indossa la divisa ed è presente ogni giorno in strada per contrastare la criminalità, e faccia sì che il servizio reso alla collettività sia più efficace e non inficiato dal timore di finire alla sbarra».

 


Questo articolo è stato letto volte.


Altri articoli in Cuori in divisa


lunedì, 5 agosto 2019, 18:00

50 immigrati accerchiano volante, la distruggono e mandano due agenti in ospedale

50 immigrati accerchiano volante, la distruggono e mandano due agenti in ospedale. Paoloni (Sap): «La misura è colma. Non ci stiamo a farci pestare»


lunedì, 29 luglio 2019, 09:06

Uil Polizia: “Carabiniere ucciso, Eliana Frontini (dis)educatrice professionale”

Il segretario nazionale Gianluca Pantaleoni, del sindacato Uil Polizia, interviene per commentare il pensiero espresso da un’insegnante di Novara circa l’uccisione del brigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega


sabato, 27 luglio 2019, 16:49

Carabiniere ucciso a Roma. Paoloni (Sap): «E’ una strage. Soggetti senza rispetto per la vita umana»

«Esprimiamo profondo cordoglio all’Arma dei Carabinieri per questo tragico evento e vicinanza alla famiglia del giovane Vice Brigadiere barbaramente ucciso. E’ il quinto collega caduto in servizio dall’inizio dell’anno, a fronte dei tanti che ogni giorno vengono feriti mentre svolgono il servizio.


martedì, 23 luglio 2019, 12:56

Giorgio Napolitano in vacanza con 4 agenti di scorta. Paoloni (Sap): «Ci sono priorità più importanti, Napolitano può scegliere vacanze meno impegnative»

"Quattro agenti di scorta per Giorgio Napolitano e per sua moglie. Due ciascuno, in modo tale da potersi spostare per le proprie esigenze. E’ la richiesta pervenuta alla questura di Livorno, dove il presidente emerito e sua moglie, sono in vacanza per 45 giorni"


martedì, 9 luglio 2019, 14:14

Corteo antifa, poliziotto ferito da molotov. Per i giudici manifestazione “legittima”

«Un antagonista condannato a 1 anno di reclusione per il lancio di bottiglie contro le forze dell’ordine. Tutti gli altri sono stati assolti poiché difficile da identificare in quanto avevano il volto completamente travisato, in una manifestazione che i giudici hanno ritenuto ‘legittima’ poiché contro il fascismo, durante la quale...


sabato, 8 giugno 2019, 16:29

Nigeriano manda 3 poliziotti in ospedale e il giudice lo libera. Paoloni (Sap): «Lasciati soli»

«Abbiamo iniziato a contare le aggressioni ai nostri colleghi, postando una cartolina sui nostri canali social. Abbiamo iniziato il 1° giugno e, ad oggi, le aggressioni sono già 10. L’ultima è avvenuta ieri mattina a Bologna»


Ricerca nel sito