Anno 7°

mercoledì, 18 settembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cuori in divisa

Corteo antifa, poliziotto ferito da molotov. Per i giudici manifestazione “legittima”

martedì, 9 luglio 2019, 14:14

«Un antagonista condannato a 1 anno di reclusione per il lancio di bottiglie contro le forze dell’ordine. Tutti gli altri sono stati assolti poiché difficile da identificare in quanto avevano il volto completamente travisato, in una manifestazione che i giudici hanno ritenuto ‘legittima’ poiché contro il fascismo, durante la quale un nostro collega ha riportato importanti ferite a causa di schegge di una molotov che gli si sono conficcate nella gamba».

A dichiararlo è Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap), in merito alle assoluzioni degli antifascisti torinesi che manifestarono il 22 febbraio 2018, in occasione di un comizio di Casa Pound e alle motivazioni poste alla base delle assoluzioni.

«Manifestare il proprio dissenso è un diritto sacrosanto, purché avvenga in maniera pacifica e senza armi, come sancisce la nostra Carta Costituzionale all’articolo 17. A Torino – prosegue Paoloni – così non è stato, considerando che i sedicenti antifascisti, con volto travisato, hanno creato disordini e devastazione inveendo contro le forze dell’ordine. E’ inconcepibile parlare di legittimità, appellandosi alla massima secondo la quale ‘il fine giustifica i mezzi’, quando in ballo c’è la vita e la sicurezza di chi in quel momento stava facendo il proprio dovere. Definire ‘legittima’ una manifestazione durante la quale degli ordigni sono stati lanciati contro chi veste una divisa, significa – conclude – legittimare la violenza contro quello Stato che in quel momento è lì per la tutela di diritti costituzionalmente garantiti, come quello a manifestare in maniera pacifica e civile».

 


Questo articolo è stato letto volte.


Altri articoli in Cuori in divisa


sabato, 7 settembre 2019, 13:36

E' cambiata l'aria: insegnante riammessa a scuola dopo insulti al carabiniere ucciso

«Ci lascia perplessi la decisione della commissione disciplina che ha permesso all’insegnante novarese Eliana Frontini, il rientro a scuola, dopo le orribili frasi apparse a suo nome sui social network, relativamente alla morte del vice brigadiere Cerciello Rega».


lunedì, 5 agosto 2019, 18:00

50 immigrati accerchiano volante, la distruggono e mandano due agenti in ospedale

50 immigrati accerchiano volante, la distruggono e mandano due agenti in ospedale. Paoloni (Sap): «La misura è colma. Non ci stiamo a farci pestare»


lunedì, 29 luglio 2019, 09:06

Uil Polizia: “Carabiniere ucciso, Eliana Frontini (dis)educatrice professionale”

Il segretario nazionale Gianluca Pantaleoni, del sindacato Uil Polizia, interviene per commentare il pensiero espresso da un’insegnante di Novara circa l’uccisione del brigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega


sabato, 27 luglio 2019, 16:49

Carabiniere ucciso a Roma. Paoloni (Sap): «E’ una strage. Soggetti senza rispetto per la vita umana»

«Esprimiamo profondo cordoglio all’Arma dei Carabinieri per questo tragico evento e vicinanza alla famiglia del giovane Vice Brigadiere barbaramente ucciso. E’ il quinto collega caduto in servizio dall’inizio dell’anno, a fronte dei tanti che ogni giorno vengono feriti mentre svolgono il servizio.


martedì, 23 luglio 2019, 12:56

Giorgio Napolitano in vacanza con 4 agenti di scorta. Paoloni (Sap): «Ci sono priorità più importanti, Napolitano può scegliere vacanze meno impegnative»

"Quattro agenti di scorta per Giorgio Napolitano e per sua moglie. Due ciascuno, in modo tale da potersi spostare per le proprie esigenze. E’ la richiesta pervenuta alla questura di Livorno, dove il presidente emerito e sua moglie, sono in vacanza per 45 giorni"


sabato, 8 giugno 2019, 16:29

Nigeriano manda 3 poliziotti in ospedale e il giudice lo libera. Paoloni (Sap): «Lasciati soli»

«Abbiamo iniziato a contare le aggressioni ai nostri colleghi, postando una cartolina sui nostri canali social. Abbiamo iniziato il 1° giugno e, ad oggi, le aggressioni sono già 10. L’ultima è avvenuta ieri mattina a Bologna»


Ricerca nel sito