Anno 7°

martedì, 22 ottobre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cuori in divisa

Uil Polizia: “Carabiniere ucciso, Eliana Frontini (dis)educatrice professionale”

lunedì, 29 luglio 2019, 09:06

Il segretario nazionale Gianluca Pantaleoni, del sindacato Uil Polizia, interviene per commentare il pensiero espresso da un’insegnante di Novara circa l’uccisione del brigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega.

“Mentre l'intero Paese si stringe intorno al dolore della famiglia del Brigadiere dei Carabinieri Mario Cerciello Rega – esordisce -, apprendiamo di un post Facebook talmente sconcertante ed inverosimile da sembrare apparentemente una fake news. Eppure non si tratterebbe di una fake news, ma addirittura del pensiero di una insegnante di Novara di nome Eliana Frontini, dalle cui parole traspare quasi un sollievo per il vile assassinio del Carabiniere, accompagnate finanche da considerazioni ignobili sullo sguardo del povero Mario”.

“Come sindacato di Polizia – afferma -, la Uil Polizia non può nascondere un vivo disappunto di fronte a parole che offendono la memoria del povero Carabiniere e si insinuano ancora nel profondo dolore dei familiari, dell'Arma dei Carabinieri ed, in generale, di tutte le Forze dell’Ordine. Vi è di più. Ad uscirne mortificato riteniamo sia anche l’intero Corpo docente nazionale, cui va un incondizionato apprezzamento per l’altissima funzione sociale assolta con abnegazione e competenza, sul quale quelle improvvide dichiarazioni gettano un immeritato discredito”.

“Che le dichiarazioni in questione non fossero il frutto di un errore, ma di un'ostilita' latente nei confronti di chi veste una divisa – dichiara - lo si è poi capito quando l'insegnante ha provato a correggere il tiro, scegliendo un rimedio peggiore del male. Ha infatti, asserito che quelle frasi sono state dettate dal rammarico che spesso le Forze dell’Ordine quando servono non ci sono mai e spesso arrivano tardivamente”.

“A parte il qualunquismo e la povertà contenutistica di una dichiarazione che forse nemmeno al bar dello sport è dato sentire – incalza -, l’insegnante ignora che le Forze di Polizia intervengono quando hanno notizia dei reati, ma soprattutto ignora anche(colpevolmente) che è stato proprio per accorrere senza indugio ad impedire la commissione di un reato che il brigadiere Rega si è imbattuto nel suo brutale aggressore”.

 

 

 

 

 

“Insomma – conclude -, dichiarazioni insensate ed inappropriate che lasciano più di qualche dubbio sul modo in cui la sig ra Frontini adempia al compito di formare le coscienze di quanti sono affidati al suo insegnamento. Una superficialità che è tanto più pesante, quanto è importante il compito che la società le ha affidato selezionandola tra i suoi educatori. Un compito che, in quanto pubblico dipendente, la Costituzione vorrebbe adempiuto con disciplina ed onore. Quelle delle quali ha dato incredibile dimostrazione il Brigadiere Rega. Ma si sa, i veri eroi sono quelli silenziosi” .


Questo articolo è stato letto volte.


Altri articoli in Cuori in divisa


lunedì, 14 ottobre 2019, 14:52

Aggredisce gli agenti, e sfascia suppellettili in Questura. Subito scarcerato. Paoloni (Sap): «Si continua ad alimentare senso di impunità»

«Quattro cittadini stranieri in stato di ubriachezza, sono stati fermati dai colleghi delle volanti di Catania, in pieno centro, mentre tentavano di arrampicarsi su di una impalcatura. All’arrivo dei colleghi, due di questi hanno iniziato ad inveire con spintoni, calci e pugni al petto, ferendogli agenti che hanno avuto prognosi...


martedì, 8 ottobre 2019, 18:08

Bari, lancio bomba carta due agenti feriti a orecchio e piede. Paoloni (Sap): «Solidarietà ai colleghi, basta aggressioni»

«A Bari è in corso una manifestazione di pescatori che ha visto momenti di violenza con tensioni e lancio di bombe carta contro la Polizia. A causa del lancio di uno di questi ordigni artigianali, due colleghi hanno riportato ferite ad un orecchio e al piede.


martedì, 8 ottobre 2019, 18:03

Nigeriano tenta di sfilare pistola a poliziotto e lo aggredisce. Paoloni (Sap): «Sfiorata ennesima tragedia»

«Avrebbe potuto prendere un’altra e ben tragica piega quello che è accaduto ieri a Roma in zona Esquilino. A pochi giorni dall’immane tragedia di Trieste, un altro collega ha rischiato la vita a causa di un nigeriano che lo ha aggredito tentando di sottrargli la pistola di ordinanza.


martedì, 8 ottobre 2019, 09:46

Il NSC esprime solidarietà alle famiglie dei poliziotti uccisi a Trieste e chiede la modifica dell’articolo 5

La segreteria del Nuovo Sindacato Carabinieri esprime solidarietà e vicinanza ai familiari dei colleghi uccisi a Trieste ma dichiara preoccupazione per le dichiarazioni del segretario del SAP, Stefano Polloni


sabato, 5 ottobre 2019, 20:08

Già libero il soggetto ben noto alle forze dell'ordine arrestato per l'aggressione a Cecina di due agenti, una poi colpita da ischemia, l'ira dell'Fsp Polizia: "Così nulla può funzionare, hai voglia di morti..."

"Mentre i corpi dei nostri due colleghi ammazzati a Trieste sono ancora caldi, un soggetto già ben noto alle forze dell'ordine arrestato per l'aggressione avvenuta a Cecina ai danni di altri poliziotti, finiti in ospedale, una con un'ischemia dovuta probabilmente al trauma subito, è già tornato in libertà"


mercoledì, 2 ottobre 2019, 23:58

Ferimento Fassina. Paoloni (Sap): «Mi spiace per quanto accaduto al consigliere Fassina ma a dirla tutta nel suo comportamento si rasenta l’ipotesi di resistenza a pubblico ufficiale»

Dopo una notte intera e quasi una giornata di analisi e confronti, è unanime il giudizio sull’operato della Polizia di Stato, posto in essere ieri sera di fronte alla sede di Roma Metropolitane


Ricerca nel sito