Anno 7°

mercoledì, 29 gennaio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cuori in divisa

Aggredisce gli agenti, e sfascia suppellettili in Questura. Subito scarcerato. Paoloni (Sap): «Si continua ad alimentare senso di impunità»

lunedì, 14 ottobre 2019, 14:52

«Quattro cittadini stranieri in stato di ubriachezza, sono stati fermati dai colleghi delle volanti di Catania, in pieno centro, mentre tentavano di arrampicarsi su di una impalcatura. All’arrivo dei colleghi, due di questi hanno iniziato ad inveire con spintoni, calci e pugni al petto, ferendogli agenti che hanno avuto prognosi di 5 e 6 giorni. E’ l’aggressione numero 203».

A denunciarlo è Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap).

«Immobilizzati e ammanettati, sono stati trasportati in questura con l’auto di servizio, all’interno della quale uno di loro, ha iniziato a colpire a testate il finestrino. Giunti in Questura, ha distrutto il monitor di un computer prendendolo a calci. Denunciati e segnalati al PM di turno, questo ne ha disposto l’immediata liberazione. Passa il messaggio – tuona Paoloni – che chi colpisce poliziotti a calci e pugni, li minaccia e crea scompiglio in Questura, non va in carcere. Tra l’altro – prosegue – è da tempo che a Catania denunciamo la mancanza di una idonea saletta fermati. Se questa ci fosse stata, il soggetto sarebbe stato posto al suo interno, a debita distanza dai colleghi, senza creare scompiglio mentre questi erano impegnati nella compilazione degli atti. Non solo – conclude Paoloni - arresti faticosi come questo, conditi da calci e pugni, risultano vani con l’immediata scarcerazione, non abbiamo neanche mezzi e strutture idonee per svolgere al meglio il nostro servizio».

 


Questo articolo è stato letto volte.


Altri articoli in Cuori in divisa


venerdì, 24 gennaio 2020, 14:07

Si è dimesso Alessandro Galardini, l’assessore che ha chiamato “fascisti” le forze dell’ordine

Si è dimesso l’assessore che ha chiamato “fascisti” le forze dell’ordine. Paoloni (Sap): «Non poteva rappresentare le istituzioni»


venerdì, 24 gennaio 2020, 14:03

Per l’assessore non va dedicata una piazza ai caduti delle forze dell'ordine perché sono “fascisti”. Paoloni (Sap): «Si vergogni e si dimetta»

«Scandaloso quanto accaduto quest’oggi durante la pausa in consiglio comunale a Montale, in provincia di Pistoia. Come può un assessore, dunque un rappresentante delle istituzioni, commentare una mozione per l’intitolazione di una via o piazza ai caduti delle forze dell’ordine, dicendo che questi sono dei fascisti»


venerdì, 24 gennaio 2020, 10:42

Zetti (NSC) contro Galardini: “Frasi indegne, si dimetta se ha una dignità”

Le recenti affermazioni dell’assessore del comune di Montale hanno fatto discutere. Prende posizione Massimiliano Zetti, segretario generale del Nuovo Sindacato Carabinieri


domenica, 19 gennaio 2020, 15:13

Napoli, baby gang si scaglia contro i poliziotti. E la Sinistra vuole cancellare i decreti sicurezza

Napoli, baby gang si scaglia contro i poliziotti. Paoloni (Sap): «I delinquenti prendono il sopravvento ma per qualcuno la priorità è cancellare il DL Sicurezza Bis»


martedì, 31 dicembre 2020, 15:45

NSC elogia la maxi operazione di Gratteri: “Adesso si riconosca l’impegno e il sacrificio dei militari”

Il Nuovo Sindacato Carabinieri è orgoglioso di rappresentare il personale che ha operato 330 arresti nella maxi operazione diretta dal Procuratore Nicola Gratteri


venerdì, 29 novembre 2019, 17:09

Sindacalizzazione dei militari: il NSC in Parlamento per ribadire l’urgenza

Dichiarazione di Massimiliano Zetti, segretario generale NSC all’uscita da Montecitorio, dove ha ribadito la necessità di addivenire quanto prima ad una definizione della questione sindacale in ambito militare, ferma ormai da tempo anche per volontà di chi vede questa epocale innovazione con preoccupazione


Ricerca nel sito