Anno 7°

domenica, 19 gennaio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cuori in divisa

L’ex capo della polizia Pansa lo definì cretino, oggi l'agente è stato assolto

martedì, 26 novembre 2019, 20:30

Massimiliano Addario, l’artificiere della Polizia di Stato balzato agli onori delle cronache nel 2014, a seguito degli scontri tra Polizia e antagonisti nel corso della manifestazione dei Movimenti per la casa a Roma, è stato assolto dalla decima sezione penale del tribunale di Roma perché “il fatto non sussiste”. Il poliziotto fu accusato di aver calpestato una manifestante lasciata inerme per terra.

«Quel giorno del 2014 i colleghi hanno dovuto difendere la città di Roma da devastazioni e danneggiamenti. Hanno dovuto parare lanci di pietre e sassi. Ma a questo ci addestriamo e ci si abitua. Allora, però, il fendente morale più virulento venne dell’allora Capo della Polizia Alessandro Pansa (nella foto), il quale esordì dicendo che vi fosse “un cretino da identificare”, riferendosi al collega finito sotto processo». A dichiararlo è Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap).

«Dopo 5 anni di processo, gogna mediatica, l’appellativo di “cretino”, varie ripercussioni sulla carriera e spese legali pagate di tasca propria, oggi il collega è stato assolto. Prima di accusare uno dei propri uomini e fedele servitore del nostro paese, che ha messo a rischio la propria incolumità per far rispettare la legalità, sarebbe stato opportuno verificare i fatti. Per i giudici – prosegue Paoloni – il fatto non sussiste. Siamo soddisfatti per questa sentenza che ha riconosciuto la legittimità dell’operato del nostro collega e ancora una volta, torniamo a chiedere idonee garanzie funzionali e tutele legali della funzione per fatti avvenuti in servizio».

 


Questo articolo è stato letto volte.


Altri articoli in Cuori in divisa


martedì, 31 dicembre 2020, 15:45

NSC elogia la maxi operazione di Gratteri: “Adesso si riconosca l’impegno e il sacrificio dei militari”

Il Nuovo Sindacato Carabinieri è orgoglioso di rappresentare il personale che ha operato 330 arresti nella maxi operazione diretta dal Procuratore Nicola Gratteri


venerdì, 29 novembre 2019, 17:09

Sindacalizzazione dei militari: il NSC in Parlamento per ribadire l’urgenza

Dichiarazione di Massimiliano Zetti, segretario generale NSC all’uscita da Montecitorio, dove ha ribadito la necessità di addivenire quanto prima ad una definizione della questione sindacale in ambito militare, ferma ormai da tempo anche per volontà di chi vede questa epocale innovazione con preoccupazione


sabato, 23 novembre 2019, 11:21

Sindacato Nazionale Carabinieri contro la circolare sull’uso dei social e di internet

Il Sindacato Nazionale Carabinieri prende posizione contro la circolare sull’”uso consapevole di social network e applicazioni di messaggistica”, che considera un bavaglio e un ritorno al passato


sabato, 26 ottobre 2019, 11:30

Il Nuovo Sindacato Carabinieri incontra il comandante generale Nistri

“Un incontro proficuo ed interessante, quello che si è svolto ieri tra la delegazione del NSC ed il generale Giovanni Nistri, comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, dove si sono affrontati temi di rilievo che interessano la vita lavorativa dei militari”. Queste le parole del segretario generale, Massimiliano Zetti


lunedì, 14 ottobre 2019, 14:52

Aggredisce gli agenti, e sfascia suppellettili in Questura. Subito scarcerato. Paoloni (Sap): «Si continua ad alimentare senso di impunità»

«Quattro cittadini stranieri in stato di ubriachezza, sono stati fermati dai colleghi delle volanti di Catania, in pieno centro, mentre tentavano di arrampicarsi su di una impalcatura. All’arrivo dei colleghi, due di questi hanno iniziato ad inveire con spintoni, calci e pugni al petto, ferendogli agenti che hanno avuto prognosi...


martedì, 8 ottobre 2019, 18:08

Bari, lancio bomba carta due agenti feriti a orecchio e piede. Paoloni (Sap): «Solidarietà ai colleghi, basta aggressioni»

«A Bari è in corso una manifestazione di pescatori che ha visto momenti di violenza con tensioni e lancio di bombe carta contro la Polizia. A causa del lancio di uno di questi ordigni artigianali, due colleghi hanno riportato ferite ad un orecchio e al piede.


Ricerca nel sito