Anno 7°

domenica, 23 settembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Confesercenti: "Saldi, primo bilancio non esaltante"

martedì, 9 gennaio 2018, 11:30

Primo fine settimana di saldi con un bilancio positivo ma senza particolari slanci, complice forse anche un clima piovoso e incerto che non ha certo favorito lo shopping. Da Confesercenti Toscana Nord arriva un primo sommario giudizio su questo fondamentale periodo per il commercio, periodo che negli ultimi anni è chiamato a rimettere in linea di galleggiamento i bilanci di tante attività: basta infatti dire che il volume di affare dei saldi (sia invernali che estivi) è quasi il 40 per cento dell’intero fatturato.

In questi primi due giorni a Pisa e provincia la spesa media per gli acquisti scontati (ribassi in media tra il 30 e il 40 per cento) è stata di circa 150 euro a persona: nel settore abbigliamento, quello maggiormente attraente per gli amanti dei saldi, a farla da padroni sono stati i così detti capispalla come piumini e cappotti. Stivali per quanto riguarda le calzature ed il classici smartphone nelle grandi catene (che evidentemente considerano anche l’hi tech stagionale). Purtroppo la situazione dell’economia locale, proprio per quanto riguarda il commercio, stenta ancora nonostante qualche piccolo segnale di ripresa.

“Le vendite di Natale sono state soddisfacenti – spiega Esmeralda Giampaoli, presidente area lucchese di Confesercenti Toscana Nord – ma parlare di ripresa e di crisi alle spalle è un’altra cosa. Come succede ormai da troppi anni, il commercio spera nei saldi per mantenere la linea di galleggiamento”. Saldi che, però, secondo Confesercenti Toscana Nord continuano ad essere troppo anticipati per essere definiti di “fine stagione”.

Ancora Giampaoli: “Da sempre la formula piace a consumatori e imprese, ma la nostra proposta è far partire i saldi realmente a fine stagione limitandone la durata. Poi possiamo, anche, aprire una discussione su natura e modalità delle vendite promozionali, su chi deve effettuare i controlli necessari, sul rispetto del principio di trasparenza e fiducia nei rapporti con l'utente finale; ma di fatto, senza l’introduzione di una norma che ne regoli data e durata e che dia strumenti e libertà per far competere le nostre piccole imprese, in un contesto diventato fortemente competitivo, sarà sempre più difficile mantenere vivi i nostri centri storici a vantaggio di outlet e grandi centri commerciali. Senza dimenticare iniziative come il Black Friday che finisce per essere un grande saldo anticipato (quest’anno a novembre). E il commercio elettronico che sta avendo crescite importanti ai danni, quasi esclusivamente, dei piccoli negozi”.

Proprio questi tipi di concorrenza sono una delle cause dei problemi secondo Valentina Cesaretti, responsabile area Lucca e Versilia di Confesercenti Toscana Nord.

“Abbiamo ampiamente discusso, in questi anni, per arrivare ad una data unica su tutto il territorio nazionale e l’abbiamo ottenuta; però, l’inizio dei saldi invernali, a ridosso del Natale rappresenta una beffa. La maggior parte delle persone preferisce aspettare l’inizio dei saldi per acquistare capi pesanti e di maggior impatto sul budget familiare, imitandosi ad acquistare accessori e piccoli gadgets nel periodo natalizio. A danno del fatturato delle imprese del settore. In un contesto di poca chiarezza, poi, ognuno cerca di arrangiarsi come può: sms, finte vendite promozionali, decine di altri stratagemmi al limite del principio di leale concorrenza; tutto ciò con il rischio di perdere il rapporto di fiducia con il cliente, o quantomeno di alterare uno dei principi cardine del lavoro degli imprenditori, quello della trasparenza. Un necessario un cambiamento è quindi fondamentale. Cambiare si può e si deve cominciando a riportare i saldi a fine stagione, limitarne la durata, rendere tutto chiaro e trasparente è semplice, è nell’interesse di tutti”.


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


scopri la Q3


essegi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


venerdì, 21 settembre 2018, 22:42

Imt, convegno su "Difesa economica e tutela dell’imprenditorialità"

Lunedì pomeriggio alla Scuola IMT il convegno "Autorità giudiziaria e Guardia di Finanza: difesa economica e tutela dell'imprenditorialità". La legalità come base della sana competitività e del benessere della comunità


mercoledì, 19 settembre 2018, 14:10

Lucca con Life Aspire partecipa alla settimana europea della mobilità sostenibile

Anche Lucca attraverso Lucense, organismo di ricerca e trasferimento tecnologico alle imprese, e il progetto europeo Life Aspire, dedicato al trasporto merci ecologico e sostenibile, ha partecipato alla Settimana europea della mobilità


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 18 settembre 2018, 13:00

Allevamento di pappagalli: due delle sei statuine in lucchesia

L'allevamento di pappagalli di Luca Angelotti è l'azienda agricola più creativa della Toscana. Il progetto "P'Orto" vale invece l'ambito premio "Noi per il Sociale" alla Cooperativa Agricola Calafata di San Concordio


sabato, 15 settembre 2018, 10:23

Aziende lucchesi all’assalto del Premio Agricoltura

I giovani imprenditori lucchesi all’assalto del più importante premio dedicato all’agricoltura. E’ in programma lunedì 17 settembre, alle ore 10.00, a Firenze, nella cornice della Sala delle Feste del Palazzo Bastogi (Via Cavour 18) la proclamazione dei premiati Innovazione Giovani 2018 dell’agricoltura toscana


venerdì, 14 settembre 2018, 21:59

‘Leader del futuro’: il 25 ottobre corso formativo di Accademia Conflavoro Pmi con Sergio Borra founder di ‘Dale Carnegie’

L’evento annunciato nella sede di Conflavoro Pmi Lucca dove Borra ha svolto un workshop esclusivo per gli imprenditori toscani interessati ad accrescere le proprie competenze


venerdì, 14 settembre 2018, 10:00

Turismo e commercio, due nuovi contratti collettivi per Conflavoro Pmi e Fesica Confsal

Turismo e commercio, due fra i settori più importanti in Italia per numero di imprese e di lavoratori, adesso potranno essere ancora più tutelati grazie alle opportunità dei nuovi contratti collettivi firmati mercoledì (12 settembre) a Roma da Conflavoro Pmi e Fesica Confsal con l’assistenza di Confsal