Anno 7°

martedì, 11 dicembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Confesercenti: "Saldi, primo bilancio non esaltante"

martedì, 9 gennaio 2018, 11:30

Primo fine settimana di saldi con un bilancio positivo ma senza particolari slanci, complice forse anche un clima piovoso e incerto che non ha certo favorito lo shopping. Da Confesercenti Toscana Nord arriva un primo sommario giudizio su questo fondamentale periodo per il commercio, periodo che negli ultimi anni è chiamato a rimettere in linea di galleggiamento i bilanci di tante attività: basta infatti dire che il volume di affare dei saldi (sia invernali che estivi) è quasi il 40 per cento dell’intero fatturato.

In questi primi due giorni a Pisa e provincia la spesa media per gli acquisti scontati (ribassi in media tra il 30 e il 40 per cento) è stata di circa 150 euro a persona: nel settore abbigliamento, quello maggiormente attraente per gli amanti dei saldi, a farla da padroni sono stati i così detti capispalla come piumini e cappotti. Stivali per quanto riguarda le calzature ed il classici smartphone nelle grandi catene (che evidentemente considerano anche l’hi tech stagionale). Purtroppo la situazione dell’economia locale, proprio per quanto riguarda il commercio, stenta ancora nonostante qualche piccolo segnale di ripresa.

“Le vendite di Natale sono state soddisfacenti – spiega Esmeralda Giampaoli, presidente area lucchese di Confesercenti Toscana Nord – ma parlare di ripresa e di crisi alle spalle è un’altra cosa. Come succede ormai da troppi anni, il commercio spera nei saldi per mantenere la linea di galleggiamento”. Saldi che, però, secondo Confesercenti Toscana Nord continuano ad essere troppo anticipati per essere definiti di “fine stagione”.

Ancora Giampaoli: “Da sempre la formula piace a consumatori e imprese, ma la nostra proposta è far partire i saldi realmente a fine stagione limitandone la durata. Poi possiamo, anche, aprire una discussione su natura e modalità delle vendite promozionali, su chi deve effettuare i controlli necessari, sul rispetto del principio di trasparenza e fiducia nei rapporti con l'utente finale; ma di fatto, senza l’introduzione di una norma che ne regoli data e durata e che dia strumenti e libertà per far competere le nostre piccole imprese, in un contesto diventato fortemente competitivo, sarà sempre più difficile mantenere vivi i nostri centri storici a vantaggio di outlet e grandi centri commerciali. Senza dimenticare iniziative come il Black Friday che finisce per essere un grande saldo anticipato (quest’anno a novembre). E il commercio elettronico che sta avendo crescite importanti ai danni, quasi esclusivamente, dei piccoli negozi”.

Proprio questi tipi di concorrenza sono una delle cause dei problemi secondo Valentina Cesaretti, responsabile area Lucca e Versilia di Confesercenti Toscana Nord.

“Abbiamo ampiamente discusso, in questi anni, per arrivare ad una data unica su tutto il territorio nazionale e l’abbiamo ottenuta; però, l’inizio dei saldi invernali, a ridosso del Natale rappresenta una beffa. La maggior parte delle persone preferisce aspettare l’inizio dei saldi per acquistare capi pesanti e di maggior impatto sul budget familiare, imitandosi ad acquistare accessori e piccoli gadgets nel periodo natalizio. A danno del fatturato delle imprese del settore. In un contesto di poca chiarezza, poi, ognuno cerca di arrangiarsi come può: sms, finte vendite promozionali, decine di altri stratagemmi al limite del principio di leale concorrenza; tutto ciò con il rischio di perdere il rapporto di fiducia con il cliente, o quantomeno di alterare uno dei principi cardine del lavoro degli imprenditori, quello della trasparenza. Un necessario un cambiamento è quindi fondamentale. Cambiare si può e si deve cominciando a riportare i saldi a fine stagione, limitarne la durata, rendere tutto chiaro e trasparente è semplice, è nell’interesse di tutti”.


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


commerciocamera


scopri la Q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


lunedì, 10 dicembre 2018, 13:58

Conflavoro, presentati i coordinatori dei settori merceologici

Per ogni sezione merceologica un coordinatore. Parte dalla provincia di Lucca la nuova organizzazione interna di Conflavoro, sindacato delle piccole e medie imprese guidato da Roberto Capobianco. I nuovi coordinatori sono stati presentati stamani presso la sede dell'associazione


lunedì, 10 dicembre 2018, 11:14

Stop al cibo anonimo, Coldiretti: “A Natale scegliamo i prodotti locali e occhio all’etichetta”

Stop al cibo anonimo. Anche il sindaco di Capannori e presidente della provincia di Lucca, Luca Menesini firma la petizione di Coldiretti promossa insieme ad altre nove organizzazioni per estendere l’obbligo di indicare in etichetta l’origine di tutti gli alimenti


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 6 dicembre 2018, 12:55

In arrivo anche a Lucca le nuove tariffe del servizio idrico integrato

Entra in vigore le nuova modulazione delle tariffe del servizio idrico integrato approvata dall'Autorità Idrica Toscana con la delibera n.14 del 27/07/2018. Come previsto dai tempi dettati dalla nuova normativa Geal, l'azienda che gestisce il servizio idrico nel comune di Lucca, sta inviando le prime bollette agli utenti


giovedì, 6 dicembre 2018, 10:15

Un sistema gratuito di fatturazione elettronica per gli associati Cia Toscana Nord

La fattura elettronica non fa più paura con il sistema messo a punto dalla Cia Toscana Nord, dal nome 'SempliCIAFe'. Dal primo gennaio 2019, infatti, entra in vigore l'obbligo della fatturazione elettronica in tutte le transazioni che riguardano i rapporti tra aziende e tra aziende e privati


giovedì, 6 dicembre 2018, 09:59

Due milioni e mezzo per rafforzare gli interventi dei poli tecnico-professionali

E' stata approvata la graduatoria dei progetti per la realizzazione di interventi rafforzativi dei poli tecnico-professionali. I progetti sono finanziati con risorse del Por Fse 2014-20 e fanno parte del progetto regionale Giovanisì finalizzato all'autonomia dei giovani


mercoledì, 5 dicembre 2018, 13:03

Fondazione CRL: al via il bando per l’accesso ai contributi per progetti e attività culturali

Arte, musica, editoria, iniziative culturali, attività di musei e biblioteche. Sono questi gli ambiti cui si rivolge il Bando Progetti e attività culturali aperto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca per il sostegno sia di progetti specifici sia dell’attività ordinaria di soggetti operanti in questi contesti