Anno 7°

martedì, 11 dicembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Docenti che rischiano il posto di lavoro, Buonriposi: "La sentenza è stata una sorpresa anche per noi"

giovedì, 4 gennaio 2018, 15:26

di barbara ghiselli

“Volevamo aprire un canale con le istituzioni ed è per questo che ci troviamo qui all'ufficio scolastico provinciale di Lucca per far conoscere meglio la difficile situazione in cui ci troviamo adesso con il rischio concreto di perdere i contratti di lavoro oltre ad essere cancellati dalle graduatorie ad esaurimento”. Esordisce così Luchino Galli, docente presso l'istituto comprensivo Lucca 4 e portavoce di una rappresentanza d'insegnanti della provincia di Lucca che hanno incontrato questa mattina Donatella Buonriposi, dirigente dell'ufficio scolastico interprovinciale di Lucca e Massa Carrara.

Ma com'è accaduto tutto ciò?

L'adunanza plenaria del consiglio di stato, dopo l'udienza tenutasi il15 novembre, ha pubblicato il 21 dicembre la sentenza definitiva negando il diritto dei docenti in possesso del diploma magistrale conseguito entro il 2001/2002 all'inserimento nelle graduatorie ad esaurimento per l'infanzia e per la primaria e tutti i docenti che, erano riusciti ad entrare nello stesso grazie a ricorsi e a sentenze iniziali positive in questo senso, si trovano così a perdere la possibilità di avere un giorno il ruolo e di poter continuare questo lavoro facendo le supplenti a vita. Alcuni insegnanti, grazie alle prime sentenze positive, erano riusciti ad arrivare al tanto agognato “contratto a tempo indeterminato” nella scuola e per colpa di quest'ultima sentenza, devono ritornare ad uno stato di precarietà. Ma quanti sono questi insegnanti? A livello nazionale sono più di 50mila insegnanti, in Toscana più di 8mila e in provincia di Lucca risultano essere inseriti nella graduatorie ad esaurimento su posto comune nell'infanzia 707 insegnanti di cui 477 inseriti con riserva diploma magistrale mentre nella primaria posto comune sono inseriti 575 docenti di cui 545 inseriti con riserva diploma magistrale.

Ma chi fa parte di questi insegnanti che vede sfumare la possibilità di aspirare un giorno al ruolo?

Sono persone che hanno esperienza nelle scuole, anche di decenni, con supplenze annuali e che, a volte, per lavorare in questo campo hanno dovuto trasferirsi, fare corsi di aggiornamento a pagamento, persone che si sono quindi sacrificate sperando di ottenere un giorno il ruolo e che invece a causa di questa sentenza hanno visto fare marcia indietro alle loro speranze.

“La sentenza è stata una sorpresa anche per noi – ha dichiarato Buonriposi – purtroppo non possiamo dare certezze, dato che ci dobbiamo attenere alle disposizioni che ci darà il ministero però mi sento di dire che da parte nostra avete tutta l'attenzione e la disponibilità e, per quanto riguarda l'anno in corso, sento di poter affermare che nessuno di voi rischierà di non finire l'anno nella scuola ”.

Gli insegnanti, presenti all'incontro con la dirigente Buonriposi, hanno detto inoltre di aver spedito una lettera al presidente della regione Toscana Enrico Rossi, facendo presente la situazione e sperando in una sua risposta.

La questione è solo all'inizio, è previsto infatti uno sciopero nazionale da parte degli insegnanti che si trovano in questa condizione l'8 gennaio, giorno di rientro dalle vacanze natalizie e, a Roma, questo pomeriggio, il ministro dell'Istruzione Fedeli incontrerà i sindacati. Si attendono dunque nuovi aggiornamenti di questa difficile situazione per molti insegnanti e per le loro famiglie.

 


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


commerciocamera


scopri la Q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


lunedì, 10 dicembre 2018, 13:58

Conflavoro, presentati i coordinatori dei settori merceologici

Per ogni sezione merceologica un coordinatore. Parte dalla provincia di Lucca la nuova organizzazione interna di Conflavoro, sindacato delle piccole e medie imprese guidato da Roberto Capobianco. I nuovi coordinatori sono stati presentati stamani presso la sede dell'associazione


lunedì, 10 dicembre 2018, 11:14

Stop al cibo anonimo, Coldiretti: “A Natale scegliamo i prodotti locali e occhio all’etichetta”

Stop al cibo anonimo. Anche il sindaco di Capannori e presidente della provincia di Lucca, Luca Menesini firma la petizione di Coldiretti promossa insieme ad altre nove organizzazioni per estendere l’obbligo di indicare in etichetta l’origine di tutti gli alimenti


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 6 dicembre 2018, 12:55

In arrivo anche a Lucca le nuove tariffe del servizio idrico integrato

Entra in vigore le nuova modulazione delle tariffe del servizio idrico integrato approvata dall'Autorità Idrica Toscana con la delibera n.14 del 27/07/2018. Come previsto dai tempi dettati dalla nuova normativa Geal, l'azienda che gestisce il servizio idrico nel comune di Lucca, sta inviando le prime bollette agli utenti


giovedì, 6 dicembre 2018, 10:15

Un sistema gratuito di fatturazione elettronica per gli associati Cia Toscana Nord

La fattura elettronica non fa più paura con il sistema messo a punto dalla Cia Toscana Nord, dal nome 'SempliCIAFe'. Dal primo gennaio 2019, infatti, entra in vigore l'obbligo della fatturazione elettronica in tutte le transazioni che riguardano i rapporti tra aziende e tra aziende e privati


giovedì, 6 dicembre 2018, 09:59

Due milioni e mezzo per rafforzare gli interventi dei poli tecnico-professionali

E' stata approvata la graduatoria dei progetti per la realizzazione di interventi rafforzativi dei poli tecnico-professionali. I progetti sono finanziati con risorse del Por Fse 2014-20 e fanno parte del progetto regionale Giovanisì finalizzato all'autonomia dei giovani


mercoledì, 5 dicembre 2018, 13:03

Fondazione CRL: al via il bando per l’accesso ai contributi per progetti e attività culturali

Arte, musica, editoria, iniziative culturali, attività di musei e biblioteche. Sono questi gli ambiti cui si rivolge il Bando Progetti e attività culturali aperto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca per il sostegno sia di progetti specifici sia dell’attività ordinaria di soggetti operanti in questi contesti