Anno 5°

sabato, 26 maggio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Pentole in pietra: quando la tradizione si sposa con l'arte culinaria

mercoledì, 16 maggio 2018, 16:25

Cucinare per molti è una passione, per altri una pura e semplice necessità, quasi un obbligo.

In tutti i casi, oggi, rispetto a quanto non avvenisse in passato, si presta molta più attenzione a ciò che si mangia e per questa ragione è importante non solo utilizzare ingredienti freschi e genuini, ma è indispensabile anche cucinarli in modo sano e leggero e, per farlo, bisogna avere a disposizione gli strumenti giusti.

Oggi vogliamo concentrare la nostra attenzione sulle pentole in pietra, che sono una delle novità più apprezzate degli ultimi anni. Chiaramente in questa sede vi forniremo solo qualche spunto a riguardo, ma se desiderate una panoramica completa e notizie più puntuali, vi consigliamo la lettura d’approfondimento su Casina Mia.

Perché scegliere pentole e padelle in pietra

Fino a qualche anno fa il teflon era forse il materiale in assoluto più utilizzato per rivestire pentole e padelle, in modo da renderle antiaderenti. Da quando però si è scoperto che può essere nocivo per la salute è stato bandito ed altri materiali più sicuri ed altrettanto utili allo scopo, hanno preso il suo posto, tra questi indubbiamente spiccano la ceramica ed anche la pietra.

La pietra è un materiale assolutamente naturale ed innocuo. Quella con pentole e padelle non è di certo la prima associazione mentale a cui si pensa riferendosi alla pietra; eppure, oggi, nelle cucine stellate così come in quelle casalinghe, si è fatta strada, conquistando un vasto pubblico e convincendo, alla fine, anche i più scettici! Vediamo, dunque, di comprendere brevemente le motivazioni di questo successo.

Innanzitutto, la pietra consente di cuocere in modo sano, dietetico e leggero, senza aggiunta di grassi e senza che gli alimenti si attacchino sul fondo, o si brucino.

Ulteriori vantaggi sono da ravvisare nel fatto che la pietra è in grado di preservare ed addirittura esaltare l’originale gusto delle pietanze: nessuna alterazione né del sapore né dell’odore e nessun residuo né tanto meno sostanze nocive, anche ad alta temperatura. Essa risulta l’ideale in special modo per le lunghe cotture.

Pietra, ma quale?

Parlando di pentole e padelle in pietra, in realtà, ci si può riferire a cosa ben diverse tra di loro. Certo è che non ci si deve immaginare un mega tegame scolpito nella roccia, tipo quello degli uomini primitivi, che peraltro per il suo ingombro ed il suo peso sarebbe di difficile impiego!

Normalmente è solo il rivestimento del pentolame ad essere realizzato in pietra, attraverso strati di minerali diversi, che rendono il tutto funzionale, robusto, antiaderente e leggero.

In commercio si trovano, però, anche strumenti cosiddetti in pietra ollare ed altri realizzati con la pietra vulcanica. Si tratta di due tipologie di pentole ben diverse, proprio in virtù del fatto che le due pietre suddette hanno origine, composizione e caratteristiche tecniche ed estetiche diverse.

La pietra lavica viene utilizzata frequentemente per il rivestimento di pentole e padelle antiaderenti e ha l’indubbio vantaggio di riuscire ad accumulare e conservare a lungo il calore, così che anche una volta spento il fuoco i cibi si mantengono in temperatura per oltre mezz’ora.

La pietra ollare viene frequentemente impiegata anche per la realizzazione di stufe e forni (specie per la pizza), nonché di piastre, perfette per la cottura di carne e pesce. Questa pietra resiste molto bene non solo ad altissime temperature, ma anche al freddo, tanto che i cibi possono essere conservati in frigo direttamente all’interno del tegame di cottura. Con la pietra ollare vengono forgiate anche pentole integralmente minerali e non solo rivestite, che pur essendo piuttosto pesanti e poco maneggevoli hanno un fascino indiscusso e sono davvero ineguagliabili in termini di efficienza, sebbene per il loro acquisto bisogna essere disposti a spendere cifre piuttosto elevate e bisogna avere diverse accortezze per ci che concerne il lavaggio e la manutenzione. 

Insomma, con la pietra in cucina natura ed innovazione si uniscono per soddisfare le esigenze dei palati più esigenti!

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px



essegi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


sabato, 26 maggio 2018, 11:42

Confindustria Toscana Nord in assemblea: al centro del dibattito il tema delle riforme

Indetta per il 31 maggio, alle 11.30 - mentre i soci sono convocati già dalle 10 per far fronte, in seduta privata, ai normali adempimenti statutari - la manifestazione avrà dunque luogo nello spazio espositivo "La Cattedrale" (Via Pertini 396 - Pistoia), destinando così un recuperato manufatto industriale a ospitare...


venerdì, 25 maggio 2018, 23:04

Area di sosta per i dipendenti dell'ospedale San Luca a Lucca, scende in campo anche il difensore civico

Il difensore civico Sandro Vannini prende spunto dalla denuncia presentata al suo ufficio dai referenti della funzione pubblica di Cgil, Cisl e Uil che avevano messo in luce una situazione critica: code anche di 20 minuti per accedere all'area di sosta al cambio di turno perché questa sarebbe sottodimensionata rispetto...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 25 maggio 2018, 14:21

Parte la stagione irrigua gestita dal Consorzio: investimento da 150mila euro

Parte la stagione irrigua, gestita dal Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord: nei prossimi giorni, infatti, l’acqua delle canalette, di derivazione del Serchio, tornerà a riempirsi e ad assicurare l’irrigazione dei campi e, di conseguenza, la sicurezza alimentare di tutti.


venerdì, 25 maggio 2018, 13:29

Lucense a Fabriano per raccontare l'eccellenza del cartario lucchese

Oggi, a Fabriano, città storicamente legata alla produzione della carta, è stato presentato dall'Istituto di storia della carta "Gianfranco Fedrigoni" (Istocarta), il volume degli atti del "Primo convegno Nazionale sull'Archeologia Industriale Cartaria in Italia - Il patrimonio Industriale della Carta.


venerdì, 25 maggio 2018, 12:22

Conflavoro Pmi, le novità previste dal regolamento Ue sul trattamento dei dati personali

Dai principi generali alle definizioni, dalle figure responsabili all’importanza dell’informativa Conflavoro PMI accompagna aziende e professionisti nel cambiamento della privacy


venerdì, 25 maggio 2018, 11:51

A Lucca salgono del 13 per cento le compravendite immobiliari

A Lucca le transazioni immobiliari hanno segnato una ripresa già dal 2015, mostrando un costante trend positivo che continuerà nel 2018, arrivando a 1.300 unità compravendute per una variazione del 13 per cento in più