Anno 7°

giovedì, 16 agosto 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Pentole in pietra: quando la tradizione si sposa con l'arte culinaria

mercoledì, 16 maggio 2018, 16:25

Cucinare per molti è una passione, per altri una pura e semplice necessità, quasi un obbligo.

In tutti i casi, oggi, rispetto a quanto non avvenisse in passato, si presta molta più attenzione a ciò che si mangia e per questa ragione è importante non solo utilizzare ingredienti freschi e genuini, ma è indispensabile anche cucinarli in modo sano e leggero e, per farlo, bisogna avere a disposizione gli strumenti giusti.

Oggi vogliamo concentrare la nostra attenzione sulle pentole in pietra, che sono una delle novità più apprezzate degli ultimi anni. Chiaramente in questa sede vi forniremo solo qualche spunto a riguardo, ma se desiderate una panoramica completa e notizie più puntuali, vi consigliamo la lettura d’approfondimento su Casina Mia.

Perché scegliere pentole e padelle in pietra

Fino a qualche anno fa il teflon era forse il materiale in assoluto più utilizzato per rivestire pentole e padelle, in modo da renderle antiaderenti. Da quando però si è scoperto che può essere nocivo per la salute è stato bandito ed altri materiali più sicuri ed altrettanto utili allo scopo, hanno preso il suo posto, tra questi indubbiamente spiccano la ceramica ed anche la pietra.

La pietra è un materiale assolutamente naturale ed innocuo. Quella con pentole e padelle non è di certo la prima associazione mentale a cui si pensa riferendosi alla pietra; eppure, oggi, nelle cucine stellate così come in quelle casalinghe, si è fatta strada, conquistando un vasto pubblico e convincendo, alla fine, anche i più scettici! Vediamo, dunque, di comprendere brevemente le motivazioni di questo successo.

Innanzitutto, la pietra consente di cuocere in modo sano, dietetico e leggero, senza aggiunta di grassi e senza che gli alimenti si attacchino sul fondo, o si brucino.

Ulteriori vantaggi sono da ravvisare nel fatto che la pietra è in grado di preservare ed addirittura esaltare l’originale gusto delle pietanze: nessuna alterazione né del sapore né dell’odore e nessun residuo né tanto meno sostanze nocive, anche ad alta temperatura. Essa risulta l’ideale in special modo per le lunghe cotture.

Pietra, ma quale?

Parlando di pentole e padelle in pietra, in realtà, ci si può riferire a cosa ben diverse tra di loro. Certo è che non ci si deve immaginare un mega tegame scolpito nella roccia, tipo quello degli uomini primitivi, che peraltro per il suo ingombro ed il suo peso sarebbe di difficile impiego!

Normalmente è solo il rivestimento del pentolame ad essere realizzato in pietra, attraverso strati di minerali diversi, che rendono il tutto funzionale, robusto, antiaderente e leggero.

In commercio si trovano, però, anche strumenti cosiddetti in pietra ollare ed altri realizzati con la pietra vulcanica. Si tratta di due tipologie di pentole ben diverse, proprio in virtù del fatto che le due pietre suddette hanno origine, composizione e caratteristiche tecniche ed estetiche diverse.

La pietra lavica viene utilizzata frequentemente per il rivestimento di pentole e padelle antiaderenti e ha l’indubbio vantaggio di riuscire ad accumulare e conservare a lungo il calore, così che anche una volta spento il fuoco i cibi si mantengono in temperatura per oltre mezz’ora.

La pietra ollare viene frequentemente impiegata anche per la realizzazione di stufe e forni (specie per la pizza), nonché di piastre, perfette per la cottura di carne e pesce. Questa pietra resiste molto bene non solo ad altissime temperature, ma anche al freddo, tanto che i cibi possono essere conservati in frigo direttamente all’interno del tegame di cottura. Con la pietra ollare vengono forgiate anche pentole integralmente minerali e non solo rivestite, che pur essendo piuttosto pesanti e poco maneggevoli hanno un fascino indiscusso e sono davvero ineguagliabili in termini di efficienza, sebbene per il loro acquisto bisogna essere disposti a spendere cifre piuttosto elevate e bisogna avere diverse accortezze per ci che concerne il lavaggio e la manutenzione. 

Insomma, con la pietra in cucina natura ed innovazione si uniscono per soddisfare le esigenze dei palati più esigenti!

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px



essegi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


giovedì, 16 agosto 2018, 09:27

Carige stanzia 100 mila euro per le vittime di Genova

Profondamente colpita dall'immane tragedia che si è verificata oggi a Genova, che ha coinvolto anche tanti ospiti della città in questo periodo di vacanze, Banca Carige è vicina alle famiglie delle vittime travolte dal crollo di Ponte Morandi ed ha immediatamente deciso di avviare una raccolta fondi a loro favore...


martedì, 14 agosto 2018, 10:39

LuccArtigiana: nuove importanti collaborazioni per la fiera dell'artigianato "made in Lucca"

Un appuntamento importante per i produttori, per far comprendere la ricchezza dei loro manufatti, e per i consumatori, che sempre più apprezzano la qualità delle nostre produzioni tradizionali, "DOCG"


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 13 agosto 2018, 13:14

Polizia, diritto di sciopero, Pantaleoni (CONSAP): "Strumento di rivendicazione fondamentale"

"Il diritto di sciopero regolamentato è una priorità e dovrà essere strumento di lotta sindacale essenziale per tutti i poliziotti": questo il grido di Gianluca Pantaleoni, Segretario Nazionale Vicario della CONSAP


venerdì, 10 agosto 2018, 16:11

Aumentano gli accessi in tutti i pronto soccorso dell'azienda USL Toscana nord ovest

Un aumento di accessi che ha coinvolto sia le strutture dell’entroterra che quelle presenti sulla costa, a prescindere dai flussi turistici. E’ il fenomeno a cui sta assistendo in questo caldo agosto


venerdì, 10 agosto 2018, 11:39

Debole la dinamica imprenditoriale in provincia di Lucca

Della debole dinamica economica risente soprattutto il comparto artigiano, in calo del -1,7 per cento sui dodici mesi, che scende a 11 mila 357 unità attive a fine giugno arrivando a rappresentare il 31,1 per cento del complesso imprenditoriale provinciale


giovedì, 9 agosto 2018, 17:16

Censimento delle fontane pubbliche: la giunta approva un programma che stanzia 58 mila euro per ridurre gli sprechi d'acqua

197 le fontane censite. Le 71 fontane del comune saranno dotate di contatore e di rubinetti (laddove già non ci sono) e di un limitatore di flusso di portata: in questo modo diventerà impossibile utilizzarle per usi non domestici