Anno 7°

giovedì, 20 giugno 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Come - e perché - spendiamo soldi online

mercoledì, 20 giugno 2018, 00:10

Sono sempre di più le persone che preferiscono fare acquisti online piuttosto che rivolgersi ai canali “tradizionali”. in questi giorni. Ma per quale motivo si sta verificando questa imponente migrazione verso i canali digitali?

In primo luogo, non possiamo non compiere un cenno alle infinite opportunità di spesa e di investimento che si possono fruire da casa, e in misura notevolmente maggiore rispetto a quelle che si potrebbero avere scendendo per strada. Pensate alla possibilità di poter acquistare qualsiasi prodotto da ogni ecommerce del mondo, oppure alla possibilità di fruire di slot online soldi veri senza doversi recare al casino, e così via. La possibilità di scegliere tra una selezione più ampia di prodotti, ottenere prezzi migliori, ridurre i disagi degli spostamenti e prevenire l'acquisto d'impulso, sono solamente alcune delle altre determinanti che rendono il business del commercio online sempre più solido e profittevole.

Di seguito, limitatamente all’acquisto di prodotti e beni, abbiamo voluto riassumere le ragioni più importanti che conducono i consumatori a spendere soldi online. Siete d’accordo con queste?

Rapidità

Fare acquisti online significa non fare le file, evitare la folla e la calca dell’ultimo minuto e poter comunque godere di interessanti servizi diretti (come quelli dell’assistenza). Insomma, potete risparmiare tempo ed energie.

Prezzi migliori

Acquistare online significa ottenere offerte convenienti e prezzi migliori, considerato che spesso i prodotti vengono inviati direttamente dal produttore, senza intermediari. Inoltre, molti degli acquisti nei negozi online sono incentivati attraverso la disponibilità di buoni sconto e altre forme promozionali.

Varietà

Comprare in un sito di commercio elettronico significa ritagliarsi la possibilità di scegliere tra diversi marchi, servizi o prodotti di diversi venditori. Potete dunque spaziare su un’infinità di opportunità, senza spostarvi da casa, con una varietà evidentemente molto maggiore di quella che troverete localmente.

Acquisti discreti

Alcuni acquisti potrebbero generare un po’ di imbarazzo se effettuati direttamente, e tanti consumatori preferirebbero dunque compierli in privato. Si pensi alla biancheria intima o ai sex toys.

Se da tali considerazioni ci spostiamo su un fronte statistico più incisivo, giova invece rammentare come una recente analisi di Bigcommerce abbia cercato di fare il punto sulla ponderazione dei più importanti fattori decisionali quando si sceglie di acquistare online, scoprendo che al primo posto – per importanza nel processo di scelta dei consumatori - c'è la qualità delle merci (56%), davanti ai costi di spedizione (49%) e alla politica di reso (35%).

Per un consumatore su tre hanno notevole peso le recensioni (33%) o la possibilità di poter acquisire nuove informazioni con la ricerca online (30%). Ancora, è di rilievo la facilità di navigazione sul sito web (26%), il processo di check-out (24%), le opzioni di personalizzazione (24%), o ancora eventuali offerte speciali o condizioni dedicate.

Insomma, una rete di elementi determinanti di favore che sta spingendo il business del commercio elettronico verso numeri sempre più importanti, tracciando quella che, in fondo, sembra essere una strada a senso unico, pronta a soddisfare le esigenze anche più specifiche e particolari della clientela retail.


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


commerciocamera


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


mercoledì, 19 giugno 2019, 17:40

Centri per l’impiego: la regione ha previsto 700 assunzioni entro il 2021

L’obiettivo rimane la stabilità di numerosi lavoratori qualificati ma precari. Incontro a Palazzo Ducale tra provincia, comuni e i consiglieri regionali Baccelli e Montemagni


martedì, 18 giugno 2019, 15:28

Cna: "Piano dei mercati frutto di concertazione"

In riferimento alla problematica dei mercati nel Comune di Lucca, la Cna ritiene utile portare il proprio contributo


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 18 giugno 2019, 11:41

Industria cartaria: il settore investe il 5,9 per cento del fatturato annuo. Tasso di circolarità al 57 per cento

L’Italia nel 2018 si conferma 4° produttore di carta in Europa, con più di 9 milioni di tonnellate generate per il 57% (tasso di circolarità)* con carta da riciclare, ma nel comparto imballaggio tale tasso già raggiunge l’80% centrando il nuovo obiettivo di riciclo della Direttiva Comunitaria, ancora da recepire


domenica, 16 giugno 2019, 12:15

Assemblea imprese della moda a Lucca

Il comparto moda per Lucca è un settore strategico che dà lavoro e produce reddito: calzaturiero, tessile, abbigliamento, pelli occupano oltre il 10 per cento delle unità di lavoro ed il comparto copre circa il 20 per cento delle esportazioni di beni


domenica, 16 giugno 2019, 11:54

Riapertura dei termini per il super ammortamento

Il c.d. “Decreto Crescita” ha riproposto l’agevolazione del super ammortamento per gli acquisti di beni strumentali nuovi effettuati nel periodo che parte dal 1° aprile fino al 31 dicembre, nonché per quelli effettuati nel primo semestre 2020 (fino al 30 giugno) a condizione che entro il 31 dicembre sia stato...


venerdì, 14 giugno 2019, 16:11

Consiglio generale di CISL Toscana - Nord, le criticità lucchesi raccolte nell'intervento del segretario generale Massimo Bani

Un discorso forte, che traccia uno spartiacque profondo tra il sindacato ieri e quello di oggi e domani. Platea calamitata in ogni passaggio dell'intervento, a tratti anche fortemente autocritico, del segretario generale Massimo Bani al consiglio generale