Anno 7°

lunedì, 15 ottobre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

In Toscana ricchi e poveri sempre più lontani: maglie nere a Massa-Carrara, Pistoia e Lucca

mercoledì, 13 giugno 2018, 13:07

I ricchi (con redditi superiori a 120 mila euro annui) e i poveri (con redditi inferiori a 10 mila euro annui) sono sempre più lontani in Toscana. Il divario tra benestanti e meno abbienti, tra il 2008 e il 2015, è aumentato del 6,7% nella nostra regione, più di due punti percentuali rispetto alla media italiana (+4,3%). È uno dei dati che emerge dal rapporto 'Il modello toscano alla prova della crisi' elaborato da Iref e presentato da Acli Toscana. La ricerca punta a misurare gli effetti della crisi economica sui nostri territori. "Nonostante l'economia toscana abbia attutito i contraccolpi della recessione – afferma Giacomo Martelli, presidente di Acli Toscana – la depressione economica ha causato un palese peggioramento delle condizioni sociali".

Torniamo ad analizzare nel dettaglio le disuguaglianze in termini di ricchezza in Toscana. Le asimmetrie tra gli strati sociali della popolazione assumono infatti un peso diverso a seconda delle province di riferimento. Le maglie nere vanno alle province Massa-Carrara (+14,8%), Pistoia (+11,5%) e Lucca (9,5%), dove la distanza di chi non riesce ad arrivare a fine mese e la neoborghesia è cresciuta a dismisura. Significativa la crescita anche a Grosseto (7,4%) e Livorno(6,9%). Sono sotto la media regionale invece Prato (6,4%) e Firenze (5,3%) e invece sotto quella nazionale: rezzo (3,1%) e Pisa (2,9%). Degno di nota è invece il caso di Siena che è in netta controtendenza: il divario in questa provincia si è attenuato – 0,1 %.

In generale le imprese toscane sono fuoriuscite dalla recessione con una maggiore capacità di estrarre valore economico dalla produzione di beni e servizi. Il valore aggiunto per ora lavorata infatti è stato pari a 32.500 euro nel quinquennio 2005-2010, per arrivare a 35.000 euro nel 2015. Dati che fanno posizionare la Toscana subito dietro il Nord Italia e l'Emilia Romagna. Altro dato positivo è quello relativo all'export: la Toscana si posiziona quinta in Italia.

Per quanto riguarda invece il tema del lavoro, la Toscana nel 2016 è tornata ai livelli di impiego pre crisi con un tasso di occupazione del 69,9%, ben 8,3 punti sopra la media nazionale. Ad essere peggiorata però è la qualità del lavoro con un aumento dei lavoratori part-time passati dal 13,7% nel 2004 a 19,3% nel 2016, dei lavoratori a tempo determinato: dall'11,8% al 14%. "La flessibilità – dice il presidente Martelli – non ha funzionato sino in fondo a fronte di un mercato del lavoro ingessato, che non riesce ad assecondare la mobilità sociale dei lavoratori verso impieghi dignitosi. Le principali vittime sono stati in particolare i giovani e le donne". La disoccupazione femminile è salita tra il 2008 e il 2016 dal 7,2% al 10,8%. E i giovani disoccupati, nella fascia d'età 15-24, sono più che raddoppiati in Toscana nell'arco di soli 8 anni: dal 14,6% el 2008 al 34% nel 2016. Di tutto questo si parlerà a 'Fest'Acli', a San Piero a Grado (PI), il prossimo 22 giugno, alle ore 18.30.

 


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


scopri la Q3


essegi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


lunedì, 15 ottobre 2018, 16:59

Contratti di assunzione e dumping sociale, dalla Uil denunce all'ispettorato del lavoro

La segreteria di Lucca: "Serve chiarezza su questi atti firmati da sindacati non rappresentativi e associazioni datoriali sconosciute"


lunedì, 15 ottobre 2018, 14:54

Settore metalmeccanico: da Conflavoro Pmi Lucca formazione per disoccupati e partite Iva finalizzata all’assunzione

Partirà lunedì 5 novembre, un percorso formativo rivolto a persone in cerca di lavoro, che vogliano specializzarsi nel settore della matalmeccanica, per poi rispondere alle richieste da parte di aziende meccaniche del nostro territorio in cerca di operatori altamente specializzati


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 13 ottobre 2018, 10:40

Fatturazione elettronica: commercialisti sempre più al fianco degli imprenditori

Un professionista che gioca un ruolo sempre più strategico al fianco degli imprenditori. Una figura professionale che nel tempo si è rinnovata e che può assurgere sempre più al ruolo di tutor dell’innovazione, rispondendo così alle nuove esigenze dei clienti. È l’identikit del commercialista, così come lo disegna Carla Saccardi


sabato, 13 ottobre 2018, 09:30

‘Il leader del futuro’, Conflavoro Pmi e Sergio Borra svelano i segreti per conquistare e valorizzare il proprio team aziendale

Il 25 ottobre a Lucca un corso formativo del founder della Dale Carnegie Italia per sviluppare al meglio le doti da leadership e diventare riferimento dei propri collaboratori


venerdì, 12 ottobre 2018, 23:28

Spi Cgil Lucca: 2 nuovi sportelli sociali, Cortopassi confermato segretario

"Lo Spi sarà sempre più presente sul territorio, anche nelle zone remote e di montagna, sia in Versilia che in Garfagnana e apriremo entro novembre due Sportelli Sociali a Lucca e a Viareggio"


venerdì, 12 ottobre 2018, 16:03

Lucca capitale della mobilità sostenibile delle merci: workshop annuale del progetto europeo Life Aspire

Esperienze a confronto nel primo workshop annuale di Life Aspire, il progetto europeo dedicato alla logistica urbana sostenibile nei centri storici di piccole e medie dimensioni, che vede Lucca come comune capofila e Stoccolma e Zara come partner europei