Anno 7°

mercoledì, 23 gennaio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Filcams-Cgil: "Siglato il primo accordo aziendale che dice no a Conflavoro"

martedì, 11 dicembre 2018, 16:49

Riceviamo e pubblichiamo questo comunicato della Filcams-Cgil che attacca duramente il sindacato delle piccole e medie imprese Conflavoro.
"In questi giorni - scrive il sindacato - con la sigla dell' accordo sindacale si è conclusa la lunga trattativa tra l'azienda titolare di un noto marchio di abbigliamento che ha diversi punti di vendita in Provincia e la Filcams-CGIL, che ha portato al ripristino del CCNL "leader" del settore del commercio sottoscritto da Confcommercio e le Organizzazioni Sindacali dei lavoratori maggiormente rappresentative Filcams-Cgil Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil e il riconoscimento degli arretrati derivanti dall'applicazione momentanea unilaterale del CCNL promosso dalla Conflavoro di cui è a capo il signor Capobianco che negli ultimi tempi è molto noto alla cronaca considerate anche le polemiche a mezzo stampa rivolte alla CGIL. I lavoratori determinati da un senso collettivo ormai purtroppo di rara manifestazione a difesa dei propri diritti, si erano rivolti alla Filcams perché il titolare, che nel frattempo li aveva fatti dimettere riassumendoli in altra società anche se in continuità lavorativa, aveva proposto loro un nuovo contratto di assunzione contenente il riferimento formale all'applicazione del contratto collettivo nazionale di lavoro del commercio e turismo di Conflavoro e un verbale di conciliazione per legittimare quella novazione contrattuale che avrebbe ridotto loro diritti sia normativi che economici. Fortunatamente i dipendenti si erano rifiutati di firmare il contratto e il verbale di conciliazione e compatti avevano chiesto l'intervento del sindacato al quale si erano iscritti, che chiedeva nell'immediato un incontro all'azienda. Da quel momento ci sono stati diversi incontri ed una lunga trattativa che ha portato alla fine il titolare a rivedere le proprie posizioni e ripristinare con effetto retroattivo il vecchio contratto rimanendo così immutate le condizioni di lavoro degli addetti vendite. L'accordo prevede anche una dilazione del tfr da riscuotere dalla società cedente del gruppo motivata dalla difficoltà contingente determinata dal calo di lavoro e di liquidità, segnale che comunque confrontandosi con sindacati seri si possono trovare soluzioni utili alle aziende in crisi nel rispetto dei lavoratori e delle norme. Confidiamo nel fatto che altre aziende incentivate da promesse di risparmi facili facciano tesoro dell'esperienza descritta in modo da trovare soluzioni diverse alle loro necessità, perché noi sorveglieremo ogni situazione e ci faremo promotori delle vertenze a sostegno dei lavoratori, fermamente convinti del fatto che non si possa sempre risparmiare sulla loro pelle e far pagare loro una crisi che pare non finire mai. E' incredibile che si tenti di ignorare i sindacati più rappresentativi dei lavoratori e trovare altre sigle di comodo per sottoscrivere accordi che tolgono diritti ai lavoratori. Da anni chiediamo una legge sulla rappresentanza ormai non più procrastinabile, che definisca i criteri necessari alla legittimazione dei sindacati di aziende e lavoratori a determinare le regole del gioco, in modo da debellare definitivamente i fenomeni di "dumping contrattuale" fortemente dannosi anche per le imprese, perché creano situazioni di concorrenza sleale.Su questo fenomeno, che non riguarda soltanto i contratti collettivi firmati da Conflavoro, ma anche altre sigle poco rappresentative, che si sta espandneo con troppa facilità soprattutto nella nostra provincia, crediamo sia necessario che anche le associazioni datoriali più rappresentative fatto il dovuto approfondimento sul tema, sorveglino ed intervengano a sostegno di un lavoro adeguato e sostenibile che nel 2018 sembra ormai cosa più unica che rara. Per l'anno che verrà non mancheremo nel promuovere ulteriori iniziative che servano da deterrente a risparmi facili, in favore di un lavoro di qualità".


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


commerciocamera


q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


mercoledì, 23 gennaio 2019, 20:22

Bando deserto per il Carmine, Confartigianato: "Lo avevamo previsto"

Confartigianato boccia l'amministrazione comunale all'indomani della gara per il mercato del Carmine andata desolatamente vuota: "Se il comune avesse chiesto consiglio, a quest'ora sarebbe tutto a posto"


mercoledì, 23 gennaio 2019, 16:19

Lucca Crea: il Balilla è vitale per il festival Lucca Comics & Games

Lucca Crea interviene sul dibattito in merito ai Comics e lo fa bocciando ogni ipotesi di trasferimento della manifestazione dall'ex Campo Balilla


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 23 gennaio 2019, 12:52

Settimana edilizia sostenibile, due nuovi appuntamenti

La settimana sull’edilizia sostenibile, organizzata da Cna Costruzioni e da Cna Istallazioni Impianti di Lucca, che si sta tenendo a Lucense, prosegue con due incontri pomeridiani sul futuro delle modalità di costruzione


mercoledì, 23 gennaio 2019, 09:55

All’Informagiovani un incontro sul servizio civile

Domani, giovedì 24 gennaio, alle 16.30 nei locali dell’Informagiovani del comune di Lucca, al centro culturale Agorà, si terrà un incontro informativo sui bandi del servizio civile, sia a livello nazionale che regionale, attualmente aperti e di prossima scadenza


martedì, 22 gennaio 2019, 15:52

Mercato del Carmine: l'amministrazione a lavoro per reperire risorse da destinare a nuovi interventi di ristrutturazione

Si sono chiusi martedì 15 gennaio i termini dell'avviso pubblico per la presentazione di manifestazioni di interesse per la concessione e valorizzazione del Mercato del Carmine. Nessun soggetto privato ha risposto all'avviso e adesso l'amministrazione comunale sta già lavorando a un “piano B”, che preveda il recupero di nuove risorse...


martedì, 22 gennaio 2019, 11:23

Reddito di cittadinanza, si mobilita l'Anmic di Lucca

Il presidente provinciale Salvatore Piliero sottolinea come con questo decreto l'esecutivo deluda le aspettative di migliaia di invalidi civili che attendevano legittimamente l'adeguamento del magro assegno pensionistico che ammonta a soli 285 euro mensili